Visualizzazione post con etichetta San Francesco di Sales. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta San Francesco di Sales. Mostra tutti i post

giovedì 30 maggio 2019

La maldicenza - San Francesco di Sales

Il giudizio temerario causa preoccupazione, disprezzo del prossimo, orgoglio e compiacimento in se stessi e cento altri effetti negativi, tra i quali il primo posto spetta alla maldicenza, vera peste delle conversazioni. 
Vorrei avere un carbone ardente del santo altare per passarlo sulle labbra degli uomini, per togliere loro la perversità e mondarli dal loro peccato, proprio come il Serafino fece sulla bocca di Isaia.


Se si riuscisse a togliere la maldicenza dal mondo, sparirebbero gran parte dei peccati e la cattiveria. 

A chi strappa ingiustamente il buon nome al prossimo, oltre al peccato di cui si grava, rimane l'obbligo di riparare in modo adeguato secondo il genere della maldicenza commessa. 
Nessuno può entrare in Cielo portando i beni degli altri; ora, tra tutti i beni esteriori, il più prezioso è il buon nome. 
La maldicenza è un vero omicidio, perché tre sono le nostre vite: la vita spirituale, con sede nella grazia di Dio; la vita corporale, con sede nell'anima; la vita civile che consiste nel buon nome. 
Il peccato ci sottrae la prima, la morte ci toglie la seconda, la maldicenza ci priva della terza. Il maldicente, con un sol colpo vibrato dalla lingua, compie tre delitti: uccide spiritualmente la propria anima, quella di colui che ascolta e toglie la vita civile a colui del quale sparla. Dice San Bernardo che sia colui che sparla come colui che ascolta il maldicente, hanno il diavolo addosso, uno sulla lingua e l'altro nell'orecchio. 

Davide, riferendosi ai maldicenti dice: Hanno affilato le loro lingue come quelle dei serpenti.
Il serpente ha la lingua biforcuta, a due punte, come dice Aristotele; tale e quale è quella del maldicente, che con un sol morso ferisce e avvelena l'orecchio di chi ascolta e il buon nome di colui di cui parla male.
Per questo ti scongiuro, carissima Filotea, di non sparlare mai di alcuno, né direttamente, né indirettamente. 


Sta attenta a non attribuire delitti e peccati inesistenti al prossimo, a non svelare quelli rimasti segreti, a non gonfiare quelli conosciuti, a non interpretare in senso negativo il bene fatto, a non negare il bene che sai esistere in qualcuno, a non fingere di ignorarlo, tanto meno poi devi sminuirlo a parole; agendo in questo modo offenderesti seriamente Dio, soprattutto se dovessi accusare falsamente il prossimo o negassi la verità a lui favorevole; mentire e contemporaneamente nuocere al prossimo è doppio peccato.
Coloro che per seminare maldicenza fanno introduzioni onorifiche, e che la condiscono di piccole frasi gentili, o peggio di scherno, sono i maldicenti più sottili e più velenosi.
Protestano, dicono, che gli voglio bene e che per il resto è un galantuomo, ma, continuano, la verità va detta: ha avuto torto nel commettere quella perfidia; quella è una ragazza virtuosissima, ma si è lasciata sorprendere..., e simili piccole cornici!

(...)

Se è vero che bisogna essere molto attenti a non parlare mai male del prossimo, però bisogna anche guardarsi dall'estremo opposto, in cui cadono alcuni, i quali, per paura di fare della maldicenza, lodano e dicono bene del vizio.
Se ti imbatti in un maldicente senza pudore, per scusarlo, non dire che è una persona libera e franca; di una persona apertamente vanesia, non dire che è generosa e senza complessi; le libertà pericolose non chiamarle semplicità e ingenuità; non camuffare la disobbedienza con il nome di zelo, l'arroganza con il nome di franchezza, la sensualità con il nome di amicizia.
Cara Filotea, per fuggire il vizio della maldicenza, non devi favorire, accarezzare, e nutrire gli altri vizi; ma con semplicità e franchezza, devi dire male del male e biasimare le cose da biasimare; solo se agiamo in questo modo diamo gloria a Dio.
Fa però attenzione ed attieniti a quello che ora ti dirò.
Si possono lodevolmente biasimare i vizi degli altri, anzi è necessario e richiesto, quando lo esige il bene di colui di cui si parla o di chi ascolta.
Facciamo degli esempi: supponi che in presenza di ragazze vengano raccontate delle licenziosità commesse da Tizio e da Caia: è una cosa senz'altro pericolosa; oppure supponi che si parli della dissolutezza verbale di un tale o di una tale, sempre esemplificando; o ancora di una condotta oscena: se io non biasimo chiaramente quel male, o, peggio, tento di scusarlo, quelle tenere anime che ascoltano, avranno la scusa per lasciarsi andare a qualche cosa di simile; il loro bene esige che, con molta franchezza, biasimi all'istante quelle sconcezze. Potrei riservarmi di farlo in un altro momento soltanto se sapessi di ricavarne sicuramente un miglior risultato togliendo allo stesso tempo importanza ai colpevoli.
E', necessaria anche un'altra cosa: per parlare del soggetto devo averne l'autorità, o perché sono uno di quelli più in evidenza nel gruppo; nel qual caso se non parlo, avrò l'aria di approvare il vizio; se invece nel gruppo non godo di molta considerazione, devo guardarmi bene dal fare censure.
Più di tutto poi è necessario che io sia ponderato ed esatto nelle parole, per non dirne una sola di troppo: per esempio, se devo riprendere le eccessive libertà di quel giovanotto e di quella ragazza, perché chiaramente esagerate e pericolose, devo saper conservare la misura per non gonfiare la cosa nemmeno di un soffio.
Se c'è soltanto qualche sospetto, dirò soltanto quello; se si tratta di sola imprudenza, non dirò di più; se non c'è né imprudenza, né sospetto di male, ma soltanto materia perché qualche spirito malizioso faccia della maldicenza, non dirò niente del tutto o dirò soltanto quello che è.
Quando parlo del prossimo, la mia bocca nel servirsi della lingua è da paragonarsi al chirurgo che maneggia il bisturi in un intervento delicato tra nervi e tendini: il colpo che vibro deve essere esattissimo nel non esprimere né di più né di meno della verità.
Un'ultima cosa: pur riprendendo il vizio, devi fare attenzione a non coinvolgere la persona che lo porta. 


Ti concedo di parlare liberamente soltanto dei peccatori infami, pubblici e conosciuti da tutti, ma anche in questo caso lo devi fare con spirito di carità e di compassione, non con arroganza e presunzione; tanto meno per godere del male altrui. Farlo per quest'ultimo motivo è prova di un cuore vile e spregevole.
Faccio eccezione per i nemici dichiarati di Dio e della Chiesa; quelli vanno screditati il più possibile: ad esempio, le sette eretiche e scismatiche con i loro capi. E' carità gridare al lupo quando si nasconde tra le pecore, non importa dove.
Tutti si prendono la libertà di giudicate e censurare i governanti e parlar male di intere nazioni, lasciandosi guidare dalla simpatia: Filotea, non commettere quest'errore. Tu, oltre all'offesa a Dio, corri il rischio di scatenare mille rimostranze.
Quando senti parlare male, se puoi farlo con fondatezza, metti in dubbio l'accusa; se non è possibile, dimostra compassione per il colpevole, cambia discorso, ricorda e richiama alla mente dei presenti che coloro i quali non sbagliano lo devono soltanto a Dio. Riporta in se stesso il maldicente con buone maniere; se sai qualche cosa di bene della persona attaccata, dilla.


- San Francesco di Sales -

Nato il 21 agosto 1567 in Savoia (Francia), morto il 28 dicembre 1622 a Lione (Francia)
Fonte: FILOTEA Introduzione alla vita devota
Parte III, Capitolo XXIX - LA MALDICENZA

( Filotea – Introduzione alla vita devota del famoso Vescovo di Ginevra, SAN FRANCESCO DI SALES,co-fondatore dell’ordine della Visitazione di Maria o delle salesiane, patrono della stampa cattolica; dei giornalisti e scrittori cattolici (1923).
Filotea ha avuto più di milletrecento edizioni ed è un tesoro che nessuna epoca ha trovato estraneo alla propria problematica spirituale.)





















... Dovremmo chiederci tutti: come mi lascio guidare dallo Spirito Santo in modo che la mia vita e la mia testimonianza di fede sia di unità e di comunione? Porto la parola di riconciliazione e di amore che è il Vangelo negli ambienti in cui vivo? A volte sembra che si ripeta oggi quello che è accaduto a Babele: divisioni, incapacità di comprendersi, rivalità, invidie, egoismo. 
Io che cosa faccio con la mia vita? 
Faccio unità attorno a me? 
O divido, con le chiacchiere, le critiche, le invidie? 
Che cosa faccio? Pensiamo a questo. 
Portare il Vangelo è annunciare e vivere noi per primi la riconciliazione, il perdono, la pace, l’unità e l’amore che lo Spirito Santo ci dona. 
Ricordiamo le parole di Gesù: «Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avrete amore gli uni per gli altri.»


- Papa Francesco –




“Pensiamo ai cristiani buoni, con buona volontà; pensiamo al segretario della parrocchia, una segretaria della parrocchia… ‘Buonasera, buongiorno, noi due – fidanzato e fidanzata – vogliamo sposarci’. E invece di dire: ‘Ma che bello!’. 
Dicono: ‘Ah, benissimo, accomodatevi. Se voi volete la Messa, costa tanto…’. Questi, invece di ricevere una accoglienza buona – ‘E’ cosa buona sposarsi!’ – ricevono questo: ‘Avete il certificato di Battesimo, tutto a posto…’. 
E trovano una porta chiusa. Quando questo cristiano e questa cristiana ha la possibilità di aprire una porta, ringraziando Dio per questo fatto di un nuovo matrimonio… Siamo tante volte controllori della fede, invece di diventare facilitatori della fede della gente”. 
E’ una tentazione che c’è da sempre che è quella “di impadronirci, di appropriarci un po’ del Signore”. 

- Papa Francesco -
 riflessione del 25 maggio 2013 alla casa Santa Marta
  


Preghiera per la notte

Concedi alle mie palpebre un sonno leggero
sicché la mia lingua non resti a lungo
muta alla tua lode.
Né il tuo creato taccia nel rispondere
al coro degli angeli.
Ma il mio riposo sempre con te mediti
pensieri pii, né la notte trattenga
le colpe del giorno trascorso.
Né le follie della notte turbino i miei sogni.

- Gregorio di Nazianzeno -

Vescovo e Dottore della Chiesa
Poesie dogmatiche, XXXII



- Iscrivetevi al Canale Youtube, Cliccate una volta su Iscriviti e una Volta sulla Campanellina :) Grazie




giovedì 24 gennaio 2019

Il miracolo della beatificazione - San Francesco de Salles, memoria liturgica 24 gennaio

Nell’anno 1623 mio fratello ed io abitavamo presso il signor Claudio Puthod, parroco di Les Ollières nel cantone di Ginevra, nella diocesi di Ginevra. 
I nostri genitori ci avevano mandati là in pensione perché imparassimo il latino sotto la direzione del signor Claudio Crozet, il vicario del signor Puthod. 
Nell’ultimo giorno del mese di aprile, nell’anno 1623, mio fratello era stato duramente punito dal signor Claudio Crozet perché non aveva imparato bene le sue lezioni; perciò mio fratello ed io prendemmo la decisione di tornare dai nostri genitori. 
In quello stesso giorno, senza far partecipe alcuno del nostro proposito, partimmo di primo mattino e giungemmo al fiume Pier, che dista tre miglia scarse da Les Ollières. 
Trovammo il fiume straordinariamente gonfiato dalla neve che era caduta in abbondanza alcuni giorni prima. E poiché dovevamo attraversarlo camminando su tre assi che non erano in alcun modo fissate le une alle altre, esitammo a salirvi, temendo per la nostra vita; ma la paura di ricadere nelle mani del signor Crozet ci fece superare questo timore. Tuttavia, prima di osare l’attraversamento, ci sentimmo spinti a raccomandarci all’intercessione del venerabile servo di Dio Francesco di Sales e dopo esserci inginocchiati facemmo voto che, se fossimo riusciti a superare il fiume sotto la sua protezione, saremmo andati a visitare la sua tomba ed avremmo ascoltato la messa nella chiesa della Visitazione in cui riposa il suo corpo. 
Dopo questo voto mio fratello, che era il più grande, volle salire per primo sul ponte e mi disse che non dovevo in alcun caso osare di salirvi finché lui non fosse giunto sull’altra sponda: temeva che per l’oscillare delle assi malferme uno di noi, o persino entrambi, potesse cadere nel fiume. 
Dunque io restai sulla sponda, mentre lui arrivò fin quasi alla metà del fiume, dove gli vennero le vertigini, mise un piede in fallo e cadde con la faccia sulle assi, gridando forte: «Beato Francesco di Sales, salvami!». 
Lo udii molto chiaramente. Feci in fretta due o tre passi sulle assi per cercare di portargli aiuto quanto potevano permettermelo la mia età e le mie forze; ma invano! Infatti nello stesso momento mio fratello cadde nel fiume. 
Fui così sconvolto dalla sua caduta che caddi io stesso sulle assi e corsi anch’io il pericolo di perdere la vita; ma essendo abbastanza vicino alla sponda, riuscii, dopo aver invocato più volte il servo di Dio gridando: «Beato Francesco di Sales, salvami», a trascinarmi sulla pancia fino alla sponda da cui ero partito, e quando mi fui alzato osservai il corso del fiume per vedere se scorgessi mio fratello; corsi persino lungo la riva per circa duecento passi, piangendo e gridando: «Mio fratello, mio fratello!» Ma non potei vedere altro che il mio cappello che galleggiava sull’acqua, ed era già molto lontano da me. Vedendo che piangere non serviva a nulla, tornai a Les Ollières per annunciare al signor Puthod la nostra disgrazia. 
Mentre dunque attraversavo il villaggio di Ornay, alcune persone che mi videro piangere mi chiesero il motivo delle mie lacrime; quando glielo ebbi raccontato corsero verso la riva del fiume, mentre io andavo a Les Ollières. Non avendo trovato né il signor Puthod né il signor Crozet, dovetti proseguire fino al villaggio vicino per trovare aiuto. Dopodiché tornai al fiume. 
Vi trovai più di trenta persone, e molte mi dissero che stavano cercando mio fratello già da più di tre ore senza poterlo trovare. Qualche tempo dopo vidi venire un certo Alessandro Raphin, accompagnato da suo figlio e da altra gente del villaggio di Ornay: mi fu detto che egli era il miglior nuotatore subacqueo di tutta la zona, che soleva immergersi per recuperare dal fiume i corpi degli annegati e che ne aveva già portati a terra parecchi.
Piangendo calde lacrime lo pregai di cercare il mio povero fratello e gli promisi che il signor parroco di Les Ollières, presso cui ero in pensione, lo avrebbe riccamente ricompensato. Anche molti dei presenti gli rivolsero la stessa preghiera.
Lui promise di farlo e mi chiese in che punto mio fratello era caduto in acqua; dopo aver ben osservato questo punto ed averne misurato la profondità, si svestì e si tuffò nell’acqua, in cui rimase per un buon quarto d’ora, continuando a venire alla superficie per respirare. 
Non avendo trovato nulla, uscì dall’acqua dicendo che non avrebbe potuto rimanervi più a lungo. Dopo essersi rivestito ed aver bevuto un po’ di vino, il signor Raphin voleva andarsene; ma io piansi così tanto, e gli astanti lo supplicarono così insistentemente, che egli promise di immergersi di nuovo e di non andarsene prima di aver ritrovato la salma di mio fratello. 
Così si tuffò nuovamente, dopo essersi riposato a lungo, nello stesso punto e cercò in tutte le direzioni; poi scese per un buon tratto lungo il fiume, senza risultati, e costretto ad uscire dall’acqua e ad indossare di nuovo i suoi abiti, disse un’altra volta che l’acqua era troppo fredda perché potesse cercare ancora. Allora tutti quelli che erano venuti camminarono lungo il fiume insieme al signor Raphin e guardarono se il corpo non fosse rimasto impigliato da qualche parte. 
Infine, dopo circa un’ora di ricerca, girando intorno a un’ansa del fiume vi trovarono una buca insolitamente profonda; ed il signor Raphin e gli altri pensarono che forse il corpo giaceva impigliato in quella buca. 
Perciò egli si svestì di nuovo e, dopo esser stato immerso molto a lungo, tornò in superficie e gridò: «L’ho trovato!» Poi uscì dall’acqua e disse che non ce la faceva più, che doveva prima riprendersi e poi si sarebbe immerso di nuovo e l’avrebbe recuperato; e difatti lo portò su, tenendolo per un braccio, con grande sforzo. 
Il figlio del nominato Raphin si gettò in acqua per aiutare suo padre e spinse il corpo davanti a sé, quando fu fuori dall’acqua lo distesero per terra. Lo vidi tanto gonfio e brutto da non poterlo più riconoscere. 
Tutti i presenti, vedendolo immobile, tutto contuso e livido, dissero che era morto: allora il signor Raphin se lo caricò sulle spalle, lo portò nel villaggio di Ornay e lo depose per terra in un fienile. E il signor parroco di Ville, giunto nel villaggio, lo palpò a lungo, non sentì alcun movimento e disse forte: «E morto, di questo non si può dubitare.
Tuttavia, poiché abita presso il signor parroco di Les Ollières, non possiamo seppellirlo prima che questi sia stato messo al corrente dell’accaduto ed abbia dato disposizioni per la sepoltura». Per questo motivo si aspettò fino al giorno dopo; nel frattempo il signor parroco fece già scavare la tomba nel cimitero della chiesa, in un luogo da lui indicato. 
Mi chiese se era molto tempo che mio fratello Girolamo s’era confessato; gli risposi che l’avevo visto confessarsi dal signor parroco di Les Ollières nell’ultimo sabato santo. Intanto era arrivato quello stesso parroco, e quando vide quella povera salma s’inginocchiò e pregò molto a lungo; quando poi si rialzò venne da me e disse: «Se tu e tuo fratello foste stati ubbidienti, tu ed io soffriremmo di meno». 
Mi disse che dovevo andare con lui dal signor parroco di Ville, e pregò questo signor parroco di concedergli il conforto di poter tenere la cerimonia funebre, la mattina dopo. Questi fu d’accordo e ci invitò a cena.
Durante il pasto si fecero raccontare da me tutti i particolari della disgrazia. Io riferii in particolar modo il voto che mio fratello ed io avevamo fatto al servo di Dio ed il signor Puthod assicurò che, mentre pregava presso la salma, si era sentito spinto a supplicare Dio perché, per i meriti del suo servo Francesco di Sales, restituisse la vita a questo giovane che si era affidato alla sua protezione; aveva anche fatto voto, se la divina bontà avesse esaudito la sua preghiera, di celebrare per nove giorni consecutivi la Santa Messa nella chiesa in cui riposa il servo di Dio. 
Verso la fine della cena giunse da Annecy un certo Stefano Gonet e voleva chiedere al signor parroco di Ville se c’era da portare qualcosa ad Annecy. 
Il signor Puthod, il parroco di Les Ollières, conosceva il signor Gonet e gli raccontò della tribolazione in cui si trovava e del voto che mio fratello ed io, e più tardi anche lui, avevamo fatto al servo di Dio; poi lo pregò che al suo ritorno da Annecy, ancor prima di entrare in casa, fosse così gentile da presentare il detto voto alla tomba del servo di Dio. 
Il signor Gonet promise di farlo ed aggiunse persino che avrebbe fatto dire una messa con questa intenzione.
Dopo cena i due parroci andarono nel fienile in cui giaceva la salma, fecero portare dell’acqua benedetta e celebrarono la veglia funebre; io andai con loro e volevo rimanere e vegliare tutta la notte il mio povero fratello, ma il signor Puthod non volle permettermelo e mi riportò nella casa del parroco di Ville, dove dormii e mi alzai molto tardi a causa della mia grande stanchezza. Appena mi fui alzato tornai con il signor Puthod nel fienile e trovai la salma di mio fratello ancora più sformata e brutta della sera prima. 
Il signor Puthod pregò molto a lungo e poi se ne andò.
Un’ora dopo tornò insieme al signor parroco di Ville; avevano indossato rocchetto e stola e venivano con la croce e con l’acqua benedetta per portare mio fratello al cimitero. Ma nell’attimo in cui si volle deporlo in una bara (secondo l’abitudine di quella zona, in cui le salme degli annegati si mettono nella bara solo al momento di portarle fuori per la sepoltura), mio fratello alzò un braccio. 
Lo sentii lamentarsi e pronunciare queste parole: «O beato Francesco di Sales!». 
Tutti i presenti furono così sconvolti da queste parole che alcuni fuggirono, altri caddero privi di sensi ed i più coraggiosi gridarono: «Un miracolo, un miracolo!». 
I due signori parroci presero per mano mio fratello e lo sollevarono: ora egli non era più brutto e sformato come un attimo prima, ma aveva il suo solito viso. Quando il signor Puthod gli chiese se lo riconosceva, lui rispose con queste parole: «Io conosco il beato Francesco di Sales, egli mi è apparso e mi ha dato la sua benedizione». 
Si fece portare del vino e Girolamo si lavò via la sabbia dalla bocca, dagli occhi, dalle orecchie, dal naso. Gli fu data una camicia, e si potè constatare che era contuso in più punti. 
Fu rivestito con abiti presi a prestito, perché i suoi erano completamente bagnati e pieni di sporcizia. Poi egli raccontò che nell’attimo in cui era stato ridestato gli era apparso il servo di Dio in abito vescovile, così com’è dipinto nelle nostre immagini, e gli aveva dato la sua benedizione; il beato aveva il viso raggiante e l’aveva guardato con dolcezza e benevolenza. 
Dopo di ciò tornammo a Les Ollières insieme al signor Puthod; al nostro arrivo accorsero tutti in chiesa, dove il signor Puthod intonò il Te Deum. Dalla sera di quel giorno mio fratello mangiò e bevve come al solito; è vero che durante la notte si lamentò di violenti dolori alle cosce, alle braccia ed ai piedi, ed il signor Puthod ed io vedemmo le ferite sulle sue membra. 
I dolori durarono fino al giorno in cui il signor Puthod ci portò ad Annecy per adempiere ai nostri voti presso la tomba del servo di Dio (4 maggio): quando fummo giunti nella chiesa della Visitazione il signor Puthod fece coricare mio fratello sulla tomba del servo di Dio. 
Dopo esservi rimasto per circa sette minuti egli si alzò con insolito slancio, dicendo che i violenti dolori di cui aveva sofferto erano spariti d’un colpo.
Il signor Puthod gli fece tirar su una gamba dei calzoni e trovammo che tutte le sue ferite erano guarite. Quando fummo tornati nella locanda ed il signor Puthod lo fece spogliare, constatammo che su di lui non era rimasta traccia di tutte le sue ecchimosi: il suo corpo era sano e intatto come prima della caduta. Rimanemmo in quella città per tutti i nove giorni e vi ascoltammo le nove messe che il signor Puthod celebrò nella chiesa; dopo questa novena tornammo molto consolati a Les Ollières. 
Il ricordo del miracolo è rimasto così profondamente impresso nel mio spirito che non trascorre giorno senza che ringrazi Dio per questa grazia e mi raccomandi all’intercessione del suo servo».

Deposizione del rev. canonico Claudio Puthod durante la sua comparizione ad Annecy, nell’anno del miracolo della resurrezione di Les Ollières:
«Il 29 aprile tornai da questa città di Annecy nella mia casa parrocchiale di Les Ollières...Girolamo e Francesco Genin, i due giovani studenti, erano fra i tredici ed i quattordici anni di età ed erano nati nella parrocchia di Sainte-Hélène- du-Lac, nella diocesi della Moriana. I loro genitori li avevano mandati in pensione presso di me perché imparassero la lingua latina sotto la direzione del signor Crozet....
Il mattino dopo, il 30 aprile, poco prima dell’inizio del giorno partii per recarmi a Thorens, che dista circa un miglio dalla mia parrocchia. 
Nello stesso giorno tornai a Les Ollières, giungendovi verso le ore 5 pomeridiane; allora il sagrestano della parrocchia, di nome Bénestier, si precipitò da me e mi disse che poco dopo la mia partenza per Thorens il mio vicario, il signor Crozet, aveva picchiato così violentemente il giovane Girolamo Genin, perché questi non aveva studiato come doveva e non aveva scritto bene il suo tema, che Girolamo e suo fratello Francesco, quando il signor Crozet era andato a visitare un parroco vicino, si erano incamminati senza dir nulla ed erano fuggiti e che, quando avevano tentato di attraversare il fiume Pier presso il villaggio di Ornay, Girolamo era caduto in acqua ed era annegato senza che suo fratello potesse far qualcosa per aiutarlo. 
Il sagrestano era stato informato della cosa dallo stesso Francesco, che era venuto a Les Ollières per mettere al corrente me ed il mio vicario; ma non avendo trovato né l’uno né l’altro, il ragazzo era tornato indietro con molti parrocchiani per cercare suo fratello nel fiume, e non era ancora tornato.
Questa notizia mi sorprese moltissimo e mi costrinse ad affrettarmi subito, senza neppure entrare nella casa parrocchiale, verso Ornay, dove giunsi verso le ore 6 di sera. 
Andai in un fienile dove, come mi dissero, avrei trovato il cadavere di Girolamo che era stato estratto da poco dalle profondità dell’acqua: lo vidi veramente lungo disteso per terra e lo trovai così sfigurato che, se non avessi saputo della disgrazia, non lo avrei assolutamente riconosciuto. 
Vidi anche Francesco Genin, che piangeva presso la salma. Quando mi vide si gettò sul mio petto e disse: “Ah, signore, mio fratello è morto!” 
In quello stesso momento sentii una forte spinta interiore a promettere a Dio ed al suo servo Francesco di Sales che, se alla bontà divina fosse piaciuto ridar la vita a quel morto per glorificare il suo vero servo Francesco, sarei rimasto per nove giorni in questa città di Annecy per celebrare in loro onore nove messe nella chiesa della Visitazione in cui riposa il corpo del beato. Feci questo voto nel fienile, dopo aver recitato un “De pro-fundis” (Sai 129) per la pace dell’anima del ragazzo.
Dopo di ciò uscii ed andai alla casa parrocchiale di Ville per fare una visita al signor parroco, che mi invitò a cena ed a rimanere per la notte; dopo il pasto recitammo insieme nel fienile, presso la salma, l’uffizio dei defunti. La notte era già caduta. Poi tornammo indietro per dormire. Il mattino dopo tornai nel fienile verso le ore 6: vi trovai il signor Francesco Genin e gli ordinai di tornare a dormire fino al momento della sepoltura di suo fratello. Rimasi in quel fienile per circa due ore, durante le quali recitai il mio breviario e rinnovai il voto di cui ho riferito sopra; di là andai nella chiesa parrocchiale, dove servii la Santa Messa che il signor parroco celebrò per il defunto. Poi confessai i fedeli presso di lui e, poiché mi aveva permesso di celebrare l’uffizio dei defunti e di officiare il funerale, mi preparai per la Santa Messa. Fatto questo andammo, con rocchetto e stola e preceduti dalla croce, a prendere la salma; molte persone che trovammo nel fienile ci dissero che non si poteva più resistere nei pressi del cadavere, per il lezzo che mandava.
Non appena avemmo lasciato il fienile (dopo aver benedetto la salma), cantando i salmi usuali, sentii un caotico rumore proveniente dalle trenta o quaranta persone che si erano riunite per partecipare alla sepoltura. Dovemmo fermarci e guardare indietro: allora vidi questi fedeli chi in ginocchio, chi con le mani levate al ciclo, mentre i più gridavano: “Signori, qui! Il morto è resuscitato!”. Tornai nel fienile e mi avvicinai subito al corpo, il cui viso era già stato scoperto da uno dei presenti: fui estremamente sorpreso di vedere questo giovane pieno di vita. Il suo viso era com’era stato prima della morte, gli occhi aperti, la voce abbastanza ferma, soprattutto quando gli chiesi se non mi riconosceva. Lui mi rispose: “Io conosco il beato Francesco di Sales, che mi ha resuscitato; e conosco anche lei, signor parroco”. Quando lo vidi reggersi in piedi e cominciare a camminare mi prese, lo confesso, un tale terrore che non potei reggermi sulle gambe: dovetti lasciarmi cadere sulle ginocchia. Molti dei presenti giacevano allo stesso modo, con la faccia a terra. Quando finalmente mi fui ripreso un poco dal mio stupore, sentii Girolamo chiedere dell’acqua per pulirsi la bocca, perché, come egli disse, l’aveva piena di sabbia. Gli portarono del vino con cui si lavò la bocca, gli occhi e le orecchie, gli fecero indossare un’altra camicia ed io notai che aveva ecchimosi in più punti, sulle cosce, sui piedi e sulle braccia; e in effetti si lamentava anche per dei dolori che sentiva. Lo vestirono con abiti prestati da un vicino: i suoi erano ancora fradici e coperti di sporcizia. Io diedi al nominato Alessandro Raphin due quarti di tallero come ricompensa per le fatiche che si era sobbarcato nel fiume per circa quattro ore, come lui e diversi altri mi dissero. Il signor parroco di Ville insistette molto cordialmente perché rimanessimo a pranzo con lui; ma la fretta che avevo di portare il risorto nella mia chiesa parrocchiale, per ringraziare là Iddio di questo grande miracolo e per annunciarlo ai miei parrocchiani, non mi permise di accettare l’invito. Mi congedai da lui e da tutta la compagnia, ringraziando tutti per l’amore che avevano dimostrato verso Girolamo Genin; Francesco, suo fratello ed io tornammo a piedi a Les Ollières.
La prima cosa che facemmo fu andare in chiesa, dove suonai le campane per chiamare a raccolta i miei parrocchiani; il primo ad arrivare fu il mio vicario, il signor Crozet. 
Lo seguirono alcuni altri, ai quali raccontai il miracolo. 
Li esortai meglio che potei a venerare il servo di Dio Francesco di Sales, per i cui meriti esso era stato compiuto; poi intonai il Te Deum, che fu cantato per ringraziare Dio. 
Dopo di ciò andammo nella casa parrocchiale, dove Girolamo mangiò e bevve come al solito; nella notte seguente egli sentì più forti i dolori che gli provocavano le ferite di cui erano coperti i suoi piedi, le sue cosce e le sue braccia. Ciò non gli impedì tuttavia di alzarsi la mattina dopo e di andare a fare il suo solito lavoro. Ho dimenticato di dire che non ho mai udito che Girolamo, dopo esser stato tratto dal fiume, avesse buttato fuori o vomitato acqua.

Il 4 maggio del detto anno 1623 i fratelli Girolamo e Francesco Genin ed io ci mettemmo in cammino verso le ore 5 del mattino per recarci in questa città di Annecy, presso la tomba del servo di Dio Francesco di Sales, per adempiere ai nostri voti. 
Vi giungemmo verso le ore 9 del mattino. 
Io celebrai la Santa Messa, la prima delle nove che avevo promesso di celebrare là; nel corso di essa somministrai la Santa Comunione a Girolamo e Francesco Genin, e subito dopo aver finito di render grazie nella sacrestia feci coricare Girolamo, in tutta la sua lunghezza, sulla tomba del servo di Dio. Rimase così per circa sette minuti, durante i quali io e suo fratello Francesco restammo inginocchiati; dopodiché si alzò con insolito slancio dicendoci queste precise parole: «Per la misericordia di Nostro Signore i miei dolori sono improvvisamente scomparsi». 
Per questo motivo volli esaminare i suoi piedi, le sue cosce e le sue braccia che in quello stesso giorno, prima che lasciassimo Les Ollières, avevo visto ancora tutte nere e blu: perciò gli feci tirar su una gamba dei calzoni e vidi che il suo piede non aveva alcuna macchia nera ed alcuna ferita. 
Ringraziai Dio per questa grazia. E quando fummo tornati nella locanda esaminai ancora una volta tutto il suo corpo, e lo trovai così sano com’era prima della caduta nel fiume. 
Restammo ad Annecy per tutti i nove giorni durante i quali celebrai le nove messe promesse, poi tornammo a Les Ollières, dove i due fratelli rimasero fino alla festa di San Michele; a quel punto i loro genitori li mandarono a prendere per trasferirli nel collegio di Chambéry».

Il miracolo della resurrezione, dopo un accurato esame, fu ritenuto valido per la canonizzazione ed è citato espressamente nella relativa bolla (1665) di Papa Alessandro VII (1655/67). 
Alla celebrazione della canonizzazione tenuta ad Annecy (maggio 1665) prese parte anche il risorto Girolamo Genin; più tardi questi si fece prete ed esercitò il suo ministero nella sua diocesi natale della Moriana, come parroco di La Rochette ed anche come giudice del tribunale ecclesiastico.


- Armando Pavese -
da: Guarigioni miracolose in tutte le religioni, Piemme, 2005


Alcuni uomini diventano orgogliosi e insolenti perchè cavalcano un bel cavallo, portano una piuma sul cappello o indossano un vestito elegante. Come non vedere la follia in tutto ciò? 
Se c’è gloria in tali pose sarà comunque una gloria che appartiene al cavallo, all’uccello piumato e al sarto. 

- San Francesco di Sales -


"È necessario sopportare gli altri, ma in primo luogo è necessario sopportare se stessi e rassegnarsi ad essere imperfetti."

- San Francesco di Sales -
da: "Lettere di amicizia spirituale"




Buona giornata a tutti. :-)







mercoledì 30 marzo 2016

Otto consigli sulla confessione offerti da san Francesco di Sales

Prima di realizzare una confessione, bisogna essere consapevoli di quello che diremo.
Come sappiamo, la confessione è il sacramento della Riconciliazione. 
Prima di confessarci, dobbiamo essere consapevoli di ciò che diremo, ovvero dobbiamo compiere uno sforzo per ricordare tutti i peccati commessi, sia volontariamente che involontariamente, nella nostra vita (esame di coscienza).
Occorre come ripercorrere la nostra vita alla luce della Parola di Dio, dei comandamenti dell’Amore di Dio, e non solo le cose avvenute dopo l’ultima confessione, ma anche quelle che non abbiamo detto per omissione o dimenticanza.

Ecco 8 buoni consigli lasciatici da un grande santo di Dio: san Francesco di Sales. Speriamo che siano di vostro aiuto.

1.- Confessati devotamente e umilmente ogni otto giorni e, se puoi, ogni volta fai la Comunione, anche se non avverti nella coscienza il rimorso di alcun peccato mortale. In tal caso, con la confessione, non soltanto riceverai l’assoluzione dei peccati veniali confessati, ma anche una grande forza per evitarli in avvenire, una grande chiarezza per distinguerli…
2.- Abbi sempre un sincero dispiacere dei peccati che confessi, per piccoli che siano, e prendi una ferma decisione di correggerti. Molti si confessano dei peccati veniali per abitudine, quasi meccanicamente, senza pensare minimamente ad eliminarli; e così per tutta la vita ne saranno dominati e perderanno molti beni e frutti spirituali.
3.- Non fare accuse generiche, come fanno molti, in modo meccanico, tipo queste: Non ho amato Dio come era mio dovere; Non ho ricevuto i Sacramenti con il rispetto dovuto, e simili. 
Ti spiego meglio il perché: dicendo questo tu non offri alcuna indicazione particolare che possa dare al confessore un’idea dello stato della tua coscienza; tutti i santi del Paradiso e tutti gli uomini della terra potrebbero dire tranquillamente la stessa cosa. 
Cerca qual è la ragione specifica dell’accusa, una volta trovata, accusati della mancanza commessa con semplicità e naturalezza. Se, per esempio, ti accusi di non avere amato il prossimo come avresti dovuto, può darsi che si sia trattato di un povero veramente bisognoso che tu non hai aiutato come avresti potuto o per negligenza, o per durezza di cuore, o per disprezzo; cerca di capire bene il motivo!
4.- Non accontentarti di raccontare i tuoi peccati veniali solo come fatto; accusati anche del motivo che ti ha spinto a commetterli.
5.- Non dimenticarti, per esempio, di dire che hai mentito senza coinvolgere nessuno; ma chiarisci, se è stato per vanità, se era per vantarti o scusarti, o per gioco, o per cocciutaggine.
6.- Se hai peccato nel gioco, specifica se è stato per soldi, o per il piacere della conversazione, e così via. Dì se sei caduto molte volte in questa mancanza, perché la durata aumenta il peccato, perché c’è grande differenza tra una vanità passeggera e quella che si è stabilita nel nostro cuore da qualche tempo. Dì anche se sei rimasto per lungo tempo nel tuo male, perché, in genere, il tempo aggrava il peccato. C’è molta differenza tra la vanità di un momento, che ha occupato il nostro spirito sì e no per un quarto d’ora, e quella nella quale il nostro cuore è rimasto immerso per uno, due o tre giorni!
7.- Bisogna esporre il fatto, il motivo e la durata dei nostri peccati; perché, anche se comunemente non siamo obbligati ad essere così esatti nel dichiarare i nostri peccati veniali, anzi non siamo nemmeno obbligati a confessarli, è pur sempre vero che coloro che vogliono pulire per bene l’anima per raggiungere più speditamente la santa devozione, devono avere molta cura di descrivere al medico spirituale il male, per piccolo che sia, se vogliono guarire.
8.- Non cambiare facilmente di confessore, ma scegline uno e rendigli conto della tua coscienza nei giorni che avrai stabilito; e digli con naturalezza e franchezza i peccati commessi; di tanto in tanto, ogni mese o ogni due mesi, digli anche a che punto sei con le inclinazioni, benché in quelle non ci sia peccato; digli se sei afflitta dalla tristezza, dal rimpianto, se sei invece portata alla gioia, al desiderio di acquisire ricchezze, e simili inclinazioni.
“La contrizione e la confessione sono così belle e così profumate, che cancellano la bruttezza e distruggono il lezzo del peccato” 

- San Francesco di Sales - 
(1608). Introduzione alla vita devota. La santa confessione (capitolo XIX)




Cercate di fare bene oggi senza pensare al giorno seguente, poi, il giorno seguente, cercate di fare lo stesso. 

- San Francesco di Sales - 





“La tradizione vostra dei cappuccini è una tradizione di perdono”, ha esordito il Papa. E richiamando i Promessi Sposi di Manzoni, ha aggiunto: “Oggi ci sono tanti bravi confessori ed è perché si sentono peccatori come il nostro fra’ Cristoforo: sanno che sono grandi peccatori. Davanti alla grandezza di Dio chiedono: ascolta e perdona. Perché sanno pregare, così sanno perdonare”….
“Io – ha detto Francesco a braccio – vi parlo come fratello e in voi vorrei parlare a tutti i confessori in quest’anno della misericordia: il confessionale è per perdonare e se tu non puoi dare l’assoluzione per favore non bastonare”. La gente, infatti, “viene a cercare pace per la sua anima”, perciò è necessario “che trovi un padre che dia pace, e gli dica: Dio ti vuole bene…”.

- papa Francesco ai frati cappuccini -
Messa in Basilica Vaticana, 9 febbraio 2016


 Nei Vangeli si parla più di misericordia che di peccato e bisogna ritrovare l'idea che l'incontro sacramentale tra il presbitero e il penitente non è come quello che si attua in tribunale, ma ha un carattere intimo e raro come gli incontri di tenerezza e di amore.  

-fratel Michael Davide -
da: "Vivere il perdono"


Buona giornata a tutti. :-)












lunedì 13 aprile 2015

Amami come sei - Parole di Gesù all'Anima - Mons. Lebrum

"Conosco la tua miseria, le lotte e le tribolazioni della tua anima, le deficienze e le infermità del tuo corpo; so la tua viltà, i tuoi peccati, e ti dico lo stesso: Dammi il tuo cuore, amami come sei... Se aspetti di essere un angelo per abbandonarti all'amore, non amerai mai.
Anche se sei vile nella pratica del dovere e della virtù, se ricadi spesso in quelle colpe che vorresti non ricommettere più, non ti permetto di non amarmi. Amami come sei. In ogni istante e in qualunque situazione tu sia, nel fervore o nell'aridità, nella fedeltà o nella infedeltà, amami... come sei...
Voglio l'amore del tuo povero cuore; se aspetti di essere perfetto, non mi amerai mai. Non potrei forse fare di ogni granello di sabbia un serafino radioso di purezza, di nobiltà e di amore? Non sono io l'Onnipotente? 
E se mi piace lasciare nel nulla quegli esseri meravigliosi e preferire il povero amore del tuo cuore, non sono io padrone del mio amore? 
Figlio mio, lascia che io Ti ami, voglio il tuo cuore.
Certo voglio col tempo trasformarti, ma per ora ti amo come sei... e desidero che tu faccia lo stesso; io voglio vedere dai bassifondi della miseria salire l'amore. Amo in te anche la tua debolezza, amo l'amore di poveri e dei miserabili; voglio che dai cenci salga continuamente un gran grido: "Gesù ti amo". Voglio unicamente il canto del tuo cuore, non ho bisogno ne' della tua scienza, ne' del tuo talento.
Una cosa sola m'importa, di vederti lavorare con amore. Non sono le tue virtù che desidero; se te ne dessi, sei così debole che alimenterebbero il tuo amor proprio; non ti preoccupare di questo. Avrei potuto destinarti a grandi cose; no, sarai il servo inutile; ti prenderò persino il poco che hai... perché ti ho creato soltanto per l'amore.
Oggi sto alla porta del tuo cuore come un mendicante, io il Re dei Re! 

Busso e aspetto; affrettati ad aprirmi. Non allargare la tua miseria; se tu conoscessi perfettamente la tua indigenza, moriresti di dolore. 
Ciò che mi ferirebbe il cuore sarebbe di vederti dubitare di me e mancare di fiducia. 
Voglio che tu pensi a me ogni ora del giorno e della notte; voglio che tu faccia anche l'azione più insignificante solo per amore.
Conto su di te per darmi gioia... Non ti preoccupare di non possedere virtù; ti darò le mie. Quando dovrai soffrire ti darò la forza. Mi hai dato l'amore, ti darò di saper amare al di là di quanto puoi sognare... Ma ricordati... amami come sei... Ti ho dato mia Madre; fa passare, fa passare tutto dal suo Cuore così puro.

Qualunque cosa accada, non aspettare di essere santo per abbandonarti all'amore, non mi ameresti mai... Va..."

 - Mons. Lebrum -  



E’ un buon segno che il Nemico combatta un anima: questo vuol dire che non è sua.

- San Francesco di Sales - 



Senza le tentazioni non si sperimenta la Provvidenza e l'amore di Dio non si radica nell'anima dell'uomo.

- Isacco di Ninive -



Le Chiese hanno dita che mostrano il Cielo,

- Baden-Powel - 




Buona giornata a tutti. :-)







martedì 11 febbraio 2014

Per i tuoi amici preti


Ti preghiamo, o Signore,
per i "tuoi" amici Preti,
che tu hai affidato al Padre
alla vigilia della tua passione.
Ti preghiamo per i "nostri" Sacerdoti,
testimoni deboli e forti della tua presenza
di Pastore buono
e guide sapienti della tua Chiesa.
Dona loro il discernimento dell’essenziale,
perché siano capaci di scegliere
le cose decisive tra quelle importanti,
le importanti tra quelle urgenti.
Metti nel loro cuore la nostalgia di te,
perché sappiano incontrarti nel silenzio,
all’ombra dei tuoi Tabernacoli solitari.
Aiutali a non scoraggiarsi
nelle fatiche deludenti del Ministero
Fa’ che si fermino, o Signore,
per ascoltarti,
senza lo sguardo sul tempo che corre;
per accogliere le pene della gente,
questuante di luce e di speranza.
Dona loro, o Signore,
l’intelligenza dei tempi,
la passione per la tua Parola,
il gusto della preghiera,
la cura del "roveto ardente"
della tua Eucaristia,
l’amore per la tua Chiesa,
segnata da rughe e luci.
Fa’ crescere nel loro cuore
i germi fruttuosi di Santità
ed il desiderio del mare aperto,
per annunciare con la vita donata
la bellezza del tuo Regno,
Amen!





Se avete paura dell’amore, non fatevi mai sacerdoti… Se avete paura della gente, non dite mai Messa! Perché quando cominciate a dir Messa lo Spirito di Dio si sveglia come un gigante dentro di voi e infrange la serratura del vostro santuario privato e chiama tutta la gente del mondo, affinché entri nel vostro cuore. 

Padre Thomas Merton




Non si può negare che la devozione, la quale ci mette maggiormente davanti all’amore di Dio e maggiormente ricorda e comunica l’amore, è quella del Sacro Cuore di Gesù considerato specialmente nel suo immolarsi per noi e nel suo darsi a noi e nel suo offrirsi in sacrificio per noi e nel suo darsi in sacramento a noi; dico di quella devozione sintetica che va sotto il bel nome del Cuore Eucaristico di Gesù”.

“O SS. Vergine Maria accoglici nel Tuo Cuore Immacolato e formaci secondo l’adorabile Cuore Eucaristico di Gesù.

- Beato Giustino Maria della Santissima Trinità Russolillo - 





“Miei carissimi fratelli, vi scongiuro di dedicarvi con tutta serietà allo studio; perché la scienza è per un prete come l’ottavo sacramento e alla Chiesa accaddero le più grandi sventure quando l’Arca santa si trovò in altre mani, che non fossero quelle dei suoi preti. È per questo che la nostra miserabile Ginevra poté prenderci alla sprovvista: ciò fu allorquando s’accorse della nostra sciocca ingenuità, che cioè noi non stavamo punto in guardia e ci accontentavamo di recitare il breviario senza pensare ad accrescere la nostra scienza. 
I protestanti ingannarono la semplicità dei nostri padri e di quelli che ci precedettero… 
E così mentre noi dormivamo, il nemico seminò la zizzania nel campo della Chiesa e insinuò l’errore che ha portato la divisione negli animi e messo il fuoco della discordia in tutta la contrada… Poiché dunque la Provvidenza mi ha fatto vostro Vescovo, vi esorto a dedicarvi con tutta lena allo studio, affinché istruiti e di vita intemerata, siate irreprensibili e pronti a rispondere a quanti vi interrogheranno sulla fede”.

San Francesco di Sales



Il Sacerdozio - ricordiamolo sempre - si fonda sul coraggio di dire sì a un'altra volontà, nella consapevolezza, da far crescere ogni giorno, che proprio conformandoci alla volontà di Dio, "immersi" in questa volontà, non solo non sarà cancellata la nostra originalità, ma, al contrario, entreremo sempre di più nella verità del nostro essere e del nostro ministero. 

Papa Benedetto XVI, Messa ordinazioni sacerdotali, 20 giugno 2010


Buona giornata a tutti :-)