Visualizzazione post con etichetta preghiere per i preti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta preghiere per i preti. Mostra tutti i post

martedì 11 febbraio 2014

Per i tuoi amici preti


Ti preghiamo, o Signore,
per i "tuoi" amici Preti,
che tu hai affidato al Padre
alla vigilia della tua passione.
Ti preghiamo per i "nostri" Sacerdoti,
testimoni deboli e forti della tua presenza
di Pastore buono
e guide sapienti della tua Chiesa.
Dona loro il discernimento dell’essenziale,
perché siano capaci di scegliere
le cose decisive tra quelle importanti,
le importanti tra quelle urgenti.
Metti nel loro cuore la nostalgia di te,
perché sappiano incontrarti nel silenzio,
all’ombra dei tuoi Tabernacoli solitari.
Aiutali a non scoraggiarsi
nelle fatiche deludenti del Ministero
Fa’ che si fermino, o Signore,
per ascoltarti,
senza lo sguardo sul tempo che corre;
per accogliere le pene della gente,
questuante di luce e di speranza.
Dona loro, o Signore,
l’intelligenza dei tempi,
la passione per la tua Parola,
il gusto della preghiera,
la cura del "roveto ardente"
della tua Eucaristia,
l’amore per la tua Chiesa,
segnata da rughe e luci.
Fa’ crescere nel loro cuore
i germi fruttuosi di Santità
ed il desiderio del mare aperto,
per annunciare con la vita donata
la bellezza del tuo Regno,
Amen!





Se avete paura dell’amore, non fatevi mai sacerdoti… Se avete paura della gente, non dite mai Messa! Perché quando cominciate a dir Messa lo Spirito di Dio si sveglia come un gigante dentro di voi e infrange la serratura del vostro santuario privato e chiama tutta la gente del mondo, affinché entri nel vostro cuore. 

Padre Thomas Merton




Non si può negare che la devozione, la quale ci mette maggiormente davanti all’amore di Dio e maggiormente ricorda e comunica l’amore, è quella del Sacro Cuore di Gesù considerato specialmente nel suo immolarsi per noi e nel suo darsi a noi e nel suo offrirsi in sacrificio per noi e nel suo darsi in sacramento a noi; dico di quella devozione sintetica che va sotto il bel nome del Cuore Eucaristico di Gesù”.

“O SS. Vergine Maria accoglici nel Tuo Cuore Immacolato e formaci secondo l’adorabile Cuore Eucaristico di Gesù.

- Beato Giustino Maria della Santissima Trinità Russolillo - 





“Miei carissimi fratelli, vi scongiuro di dedicarvi con tutta serietà allo studio; perché la scienza è per un prete come l’ottavo sacramento e alla Chiesa accaddero le più grandi sventure quando l’Arca santa si trovò in altre mani, che non fossero quelle dei suoi preti. È per questo che la nostra miserabile Ginevra poté prenderci alla sprovvista: ciò fu allorquando s’accorse della nostra sciocca ingenuità, che cioè noi non stavamo punto in guardia e ci accontentavamo di recitare il breviario senza pensare ad accrescere la nostra scienza. 
I protestanti ingannarono la semplicità dei nostri padri e di quelli che ci precedettero… 
E così mentre noi dormivamo, il nemico seminò la zizzania nel campo della Chiesa e insinuò l’errore che ha portato la divisione negli animi e messo il fuoco della discordia in tutta la contrada… Poiché dunque la Provvidenza mi ha fatto vostro Vescovo, vi esorto a dedicarvi con tutta lena allo studio, affinché istruiti e di vita intemerata, siate irreprensibili e pronti a rispondere a quanti vi interrogheranno sulla fede”.

San Francesco di Sales



Il Sacerdozio - ricordiamolo sempre - si fonda sul coraggio di dire sì a un'altra volontà, nella consapevolezza, da far crescere ogni giorno, che proprio conformandoci alla volontà di Dio, "immersi" in questa volontà, non solo non sarà cancellata la nostra originalità, ma, al contrario, entreremo sempre di più nella verità del nostro essere e del nostro ministero. 

Papa Benedetto XVI, Messa ordinazioni sacerdotali, 20 giugno 2010


Buona giornata a tutti :-)





giovedì 26 settembre 2013

San Giovanni-Maria Vianney (Curato d’Ars) - Biografia, preghiere

Nato in una famiglia di agricoltori, ebbe l’infanzia e la fanciullezza segnata dalla Rivoluzione francese. Farà la prima confessione ai piedi del grande orologio, nella sala comune della sua casa natale e non nella chiesa del villaggio, e ad impartire l’assoluzione sarà un prete
 « clandestino ».
Due anni più tardi arriverà il momento della prima comunione, questa volta in un granaio, durante una Messa clandestina, celebrata da un prete « refrattario » (che non aveva giurato fedeltà alla Rivoluzione). A 17 anni Giovanni-Maria decide di rispondere alla chiamata di Dio: «
Vorrei guadagnare delle anime al Buon Dio
», confiderà alla madre, Maria Béluze. Ma per due anni suo padre si oppone a questo progetto : c’è bisogno di braccia per mandare avanti il lavoro dei campi.
Così è a 20 anni che Giovanni-Maria comincia a prepararsi al sacerdozio, presso l'abbé Balley, parroco d'Écully. Fu ordinato prete nel 1815.Risvegliò la fede dei suoi parrocchiani attraverso la predicazione, lo stile di vita, la cura dei poveri. Ma soprattutto la sua fama di confessore attira da lui numerosi pellegrini che cercano il perdono di Dio e la pace del cuore. La sua unica preoccupazione è la salvezza delle anime. Fu un martire del confessionale: arrivò a starvi anche 18 ore al giorno. Benedetto XVI, sull’esempio di Vianney, invita a rimettere al centro delle preoccupazioni pastorali la confessione. Le sue lezioni di catechismo e le sue omelie parlano soprattutto della bontà e della misericordia di Dio. Sacerdote che si consuma d’amore davanti al Santissimo Sacramento, si dona interamente a Dio, ai suoi parrocchiani e ai pellegrini. Muore il 4 agosto 1859, dopo essersi votato fino in fondo all’Amore. La sua povertà era sincera e reale. Beatificato l’8 gennaio 1905, nello stesso anno viene dichiarato “patrono dei preti francesi”. canonizzato nel 1925 da Pio XI (lo stesso anno di Santa Teresina del Bambino Gesù), nel 1929 sarà proclamato “patrono di tutti i parroci del mondo”. Nel 1986, il venerabile Giovanni Paolo II, nel bicentenario della nascita del santo, andò in pellegrinaggio ad Ars.
Oggi Ars accoglie ogni anno 450.000 pellegrini e il Santuario propone diverse attività. Il Cuore incorrotto dell’abbé Vianney è custodito in un reliquiario donato, in occasione del centenario della beatificazione, dalla parrocchia di San Giovanni Maria Vianney (località Borghesiana) di Roma al Santuario di Ars. L'opera, in bronzo argentato, è stata fusa nella fonderia dei laboratori della Domus Dei di Albano su progetto dell'artista Alessia Bernabei di Roma. Il reliquiario è stato ideato prendendo spunto da una frase tratta dalle omelie del Curato: «Il cuore dei santi é saldo come una roccia tra i flutti del mare», e rielabora il portale della Cappella del Cuore di Ars, trasformandolo in un tempietto, edificato sopra una roccia, che si erge tra le onde del mare. Nel 1986 ad Ars è stato aperto un seminario, che forma i futuri preti alla scuola di Giovanni-Maria Vianney. Perché là dove passano i santi, Dio passa assieme a loro!



 fonte: http://santibeati.it/dettaglio/23900



"Ti amo, mio Dio, e il mio desiderio
é di amarti fino all’ultimo respiro della mia vita.
Ti amo, o Dio infinitamente amabile,
e preferisco morire amandoti,
piuttosto che vivere un solo istante senza amarti.
Ti amo, Signore, e l’unica grazia che ti chiedo
è di amarti eternamente.
Ti amo, mio Dio, e desidero il cielo,
soltanto per avere la felicità di amarti perfettamente.
Mio Dio, se la mia lingua non può dire ad ogni istante: ti amo,
voglio che il mio cuore te lo ripeta ogni volta che respiro.
Ti amo, mio divino Salvatore, perché sei stato crocifisso per me,
e mi tieni quaggiù crocifisso con te
Mio Dio, fammi la grazia di morire amandoti
e sapendo che ti amo".

Preghiera di S. Giovanni Maria Vianney




Diceva il Santo Curato d'Ars:

“Come mai fratelli miei, quando una persona non pensa affatto alla sua salvezza, ma vive nel peccato, non è per nulla tentata, mentre contro colui che decide di cambiare vita e di donarsi completamente al buon Dio, tutto l’inferno si scaglia contro ? 

Ascoltate quello che S. Agostino ci dice:

“Ecco, egli dice, come il demonio si comporta verso il peccatore: fa come un carceriere che custodisce nella sua prigione molti carcerati, ma avendo nelle sue tasche le chiavi, li lascia tranquilli, sapendo che non possono uscire.

E’ questo, dunque, il suo modo di agire, verso un peccatore che non intende lasciare il suo peccato: non si scomoda affatto per tentarlo, sarebbe tempo perso, dal momento che il peccatore, non solo non abbandona il peccato, ma ogni giorno che passa, rafforza le sue catene. 

Perciò, sarebbe inutile tentarlo, e allora lo lascia vivere in pace, ammesso che stando in peccato si possa godere la pace.

Gli nasconde il suo stato fino alla morte, quando si ripromette di mostrargli il quadro più orribile della sua vita, e così sprofondarlo nella disperazione. Ben altro discorso merita colui che ha deciso di cambiare vita e di donarsi tutto al buon Dio. 

(Santo Curato D'Ars)



Buona giornata a tutti. :-)














sabato 14 settembre 2013

Preghiera per i sacerdoti - Santa Teresa di Lisieux


O Gesù, sommo ed eterno sacerdote,
custodisci il tuo sacerdote dentro
il Tuo Sacro Cuore.
Conserva immacolate le sue mani unte
che toccano ogni giorno il Tuo Sacro Corpo.
Custodisci pure le sue labbra
arrossate dal Tuo Prezioso Sangue.
Mantieni puro e celeste il suo cuore
segnato dal Tuo sublime carattere sacerdotale.
Fa' che cresca nella fedeltà e nell'amore per Te
e preservalo dal contagio del mondo.
Col potere di trasformare il pane e il vino
donagli anche quello di trasformare i cuori.
Benedici e rendi fruttuose le sue fatiche
e dagli un giorno la corona della vita eterna.

- S. Teresa di Lisieux - 

da: "Santa Teresa di Gesù Bambino, Opere complete" 
Libreria Editrice Vaticana-Edizioni OCD, Roma 1997 





"Mi ricordo di un sogno che devo aver fatto verso quest'età (*) e che si è impresso profondamente nella mia immaginazione.

Una notte ho sognato che uscivo per andare a passeggiare da sola in giardino; giunta al primo dei gradini che bisognava salire per arrivarci, mi fermai presa dallo spavento. Davanti a me, vicino al pergolato, si trovava un barile di calce, e su questo barile due piccoli orrendi diavoletti danzavano con un'agilità sorprendente, nonostante avessero dei ferri da stiro ai piedi. All'improvviso gettarono su di me i loro occhi fiammeggianti, ma al tempo stesso, sembrando molto più spaventati di me,si precipitarono giù dal barile e andarono a nascondersi nella stanza del guardaroba, che si trovava di fronte. Vedendoli così poco coraggiosi, volli sapere che cosa avrebbero fatto, 
e mi avvicinai alla finestra. I poveri diavoletti correvano sui tavoli e non sapevano come sfuggire al mio sguardo. Ogni tanto si avvicinavano alla finestra, guardando con aria agitata se io ero ancora lì e vedendomi ancora ricominciavano a correre come disperati.

Sicuramente questo sogno non ha nulla di straordinario, tuttavia credo che il Buon Dio abbia permesso che me ne ricordi per dimostrarmi che un'anima in stato di grazia non ha nulla da temere da diavoli che sono solo dei vigliacchi, pronti a scappare davanti agli sguardi di una bambina...

(*) 4 anni
Tratto da "Storia di un'anima", di Santa Teresa di Lisieux


"Come al solito una sera avevo pregato il Signore di darmi i punti per la meditazione del giorno dopo. Ricevetti questa risposta: « Medita sul profeta Giona e sulla sua missione ». Ringraziai il Signore, ma dentro di me cominciai a pensare: che meditazione diversa dalle altre! Ciò nonostante, con tutta l'applicazione possibile, m'impegnai a riflettere e in quel profeta scoprii me stessa, nel senso che anch'io spesso mi rifiuto davanti a Dio, dicendo che qualcun altro potrebbe compiere meglio la santa volontà di Dio, non comprendendo che Dio può tutto e tanto più si rivela la Sua potenza, quanto più è misero lo strumento che adopera. Dio mi ha fatto capire questo. Nel pomeriggio ci fu la confessione della comunità. Quando feci presente al direttore spirituale il timore che mi attanaglia l'anima a causa di questa missione, per la quale Dio mi usa come strumento non idoneo, il padre spirituale mi rispose che, volenti o nolenti, dobbiamo compiere la volontà di Dio e mi fece l'esempio del profeta Giona. Finita la confessione pensavo tra me, come mai il confessore sapesse ché Dio mi aveva ordinato di fare la meditazione su Giona; io non gliene avevo parlato. Ad un tratto udii queste parole: « Il sacerdote, quando Mi sostituisce, non è Lui che opera, ma sono io per suo tramite. I suoi desideri sono i Miei desideri ». Vedo come Gesù difende i Suoi sostituti. Egli stesso entra nel loro operare." 

(Diario di S. Faustina Kowalska, Q. II, 3)


O mio Signore, perché Voi siete stato così buono con me ed io così ingrato con Voi? Abbiamo fatto a gara: io a fuggire da Voi, e Voi a venirmi appresso; Voi a farmi del bene ed io a farVi del male; io ho accresciuto i miei peccati, e Voi avete accresciuto le Vostre Grazie in me. Per quale motivo io meritavo la luce che Voi mi donate?
Signore mio, io Vi ringrazio con tutto il cuore e spero di venire a ringraziarVi in Paradiso per tutta l’eternità. Io spero con il Vostro sangue di salvarmi, lo spero certo, giacché mi avete usato tante misericordie. Intanto spero che Voi mi diate la forza di non tradirVi più. Nella vita che mi resta io Vi voglio amare. Se in passato io Vi ho voltato le spalle, io mi pento e ora Vi amo sopra ogni cosa, Vi amo più di me stesso.
Eterno Padre, per i meriti di Gesù Cristo soccorrete un misero peccatore che Vi vuole amare.
Maria, mia speranza, aiutatemi. Impetratemi la Grazia di ricorrere sempre al vostro Figlio e a Voi ogni volta che il demonio mi tenta per offenderLo ancora. Amen.

(Sant’Alfonso Maria de Liguori)


“Non scoraggiatevi. Anche se è buio intorno. Non tiratevi indietro, anche se avete la percezione di camminare nelle tenebre. È di notte che è meraviglioso attendere la luce. Bisogna forzare l’aurora a nascere, credendoci. Amici, forzate l’aurora. È l’unica violenza che vi è consentita”.

don Tonino Bello


Buona giornata a tutti. :-)















giovedì 3 maggio 2012

Con un cuore di Padre... -

Vorrei essere un prete.
Un prete con un cuore di padre, un prete che non si vergogna di essere prete, un prete che sa abbracciare la gente senza pensare cosa gli altri penseranno.
Un prete che sa piangere e sa ridere.


... Vorrei essere un prete con il cuore di Dio.
Un prete che sa mettere il regno di Dio al primo posto nella sua vita.
Un prete che porta tutta la sua vita nella Messa, e tutta la Messa nella vita.
Un prete che sa ascoltare la gente, e che umilmente accetta anche le correzioni che gli fanno.

Vorrei essere un prete con il cuore di Cristo, che sceglieva di preferenza gli ultimi.
Un prete che non si schiera con i potenti di questo mondo.
Vorrei essere un prete povero che non si arricchisce e non arricchisce se non di Dio.
Un prete che non si serve dell'abito per avere potere sugli altri, un prete che sa cingersi il grembiule e servire quelli a lui affidati.
Un prete che non condanna ma che assolve.
Un prete che sa stare con i giovani e i bambini, per nutrirsi del loro entusiasmo e della loro energia.
Un prete che sa stare con gli anziani per attingere dalla loro esperienza.
Vorrei essere un prete che non guarda l'altro con sufficienza dall'alto in basso, un prete col quale ci si trova a proprio agio e che non mette in soggezione.
Un prete che non sparla degli altri e che tiene nel segreto del suo cuore i segreti dei cuori della gente.
Un prete che non si lamenta, ma che dona speranza.
Vorrei essere un prete che sa soffrire senza troppo cercare il compianto degli altri.
Un prete che sa morire per vivere in Dio.
Signore, vorrei essere un prete così.




Nella Via Crucis del 2005, poco prima di essere eletto, il Cardinale Ratzinger disse: "Ma non dobbiamo pensare anche a quanto Cristo debba soffrire nella sua stessa Chiesa? A quante volte si abusa del santo sacramento della sua presenza, in quale vuoto e cattiveria del cuore spesso egli entra! Quante volte celebriamo soltanto noi stessi senza neanche renderci conto di lui! Quante volte la sua Parola viene distorta e abusata! Quanta poca fede c’è in tante teorie, quante parole vuote! Quanta sporcizia c’è nella Chiesa, e proprio anche tra coloro che, nel sacerdozio, dovrebbero appartenere completamente a lui! Quanta superbia, quanta autosufficienza! Quanto poco rispettiamo il sacramento della riconciliazione, nel quale egli ci aspetta, per rialzarci dalle nostre cadute! Tutto ciò è presente nella sua passione. Il tradimento dei discepoli, la ricezione indegna del suo Corpo e del suo Sangue è certamente il più grande dolore del Redentore, quello che gli trafigge il cuore. Non ci rimane altro che rivolgergli, dal più profondo dell’animo, il grido: Kyrie, eleison – Signore, salvaci" (cfr. Mt 8, 25).





Buona giornata a tutti. :-)