Visualizzazione post con etichetta luna. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta luna. Mostra tutti i post

giovedì 7 settembre 2017

Notturno della Luna e altre poesie - Ada Negri

Notte, divina notte,
non so chi chiami, non so chi pianga,
se i grilli o le roride erbe,
se l’anima mia
o l’anima dell’infinito.

Notte, divina notte,
ancor tutta intrisa di lagrime
per la recente pioggia
e così grave di aromi
che la mia carne n’è inferma,
dietro ombre di nubi la luna
cammina cammina cercando
la strada che non troverà,
la strada della felicità.

Notte, divina notte,
dimmi ove è nascosto il mio amore:
ch’era mio e le mie braccia
non bastarono a custodirlo,
ch’era mio ed io ero sua
e adesso non ho più nulla
e non sono più di nessuno.

Conducimi passo per passo
lungo le vie della luna
fin ch’io lo tocchi senza vederlo,
fin ch’io lo stringa senza baciarlo,
poi che non ha più bocca:
e in esso affondi, siccome
dentro la fossa una morta,
e sia silenzio.

- Ada Negri -
(1870-1945)
(da Il libro di Mara, 1919)

Dipinto: Eilif Peterssen (1852-1929), Notturno

La luna, spilla d’oro sul drappo delle stelle,

per la mia lampada è fonte di energia.
Con misteriose onde mi raggiungono
le parole che sa.

Senza di lei saremmo gattini ciechi,
votati a una morte per fame.
Gocciola il nutrimento, latte, latte
scivola lungo i raggi.



- Maria Luisa Spaziani -
1922-2014

Lucien Levy-Dhurmer (1865-1953) - After Beethoven, Moonlight II (Harmony in blue)


Se l’estate cede, la luna
fa tenero il cielo, tenerissimo.
Al nero fitto fogliame degli alberi
concede tenerezza.

- Sandro Penna - 
1906-1977


Buona giornata a tutti. :-)







venerdì 14 luglio 2017

Ossessione e altre poesie – Charles Baudelaire

Grandi boschi,voi come cattedrali mi sgomentate;
urlate come l'organo; e dentro i nostri cuori maledetti,
stanze di lutto eterno dove vibrano antichi rantoli,
risponde l'eco dei vostri De profundis.
Io ti odio, oceano!Il mio spirito ritrova
dentro di sé i tuoi balzi, i tuoi tumulti; 
nel riso immenso del mare io ascolto
l' amaro riso del vinto, ch'è pieno di singhiozzi e d'ingiurie.
Come, o notte, mi piaceresti senza quelle stelle
la cui luce parla un linguaggio noto!
Perchè io cerco il vuoto, il buio, il nudo!
Ma le tenebre stesse altro non sono 
che tele dove vivono,sgorgando 
a mille a mille dai miei occhi,esseri scomparsi,
dagli sguardi familiari. 

- Charles  Baudelaire -
da: "Les Fleurs du Mal"

M. Vorobiev (1787-1855), Quercia spezzata da un fulmine

La notte s'ispessiva come un muro,
i miei occhi nel buio indovinavano
le tue pupille: bevevo il tuo alito,
o dolcezza, o veleno! (...)
Conosco bene l'arte di evocare
i momenti felici: rannicchiato
fra i tuoi ginocchi, rivivo il passato.


- Charles  Baudelaire -
Carl Schweninger jr. (1854-1903), The Morning Star and the Moon
Questa sera la luna sogna più languidamente; come una
bella donna che su tanti cuscini con mano distratta e leggera
prima d'addormirsi carezza il contorno dei seni,
e sul dorso lucido di molli valanghe morente, si abbandona
a lunghi smarrimenti, girando gli occhi sulle visioni
bianche che salgono nell'azzurro come fiori in boccio.
Quando, nel suo languore ozioso, ella lascia cadere su questa
terra una lagrima furtiva, un pio poeta, odiatore del sonno,
accoglie nel cavo della mano questa pallida lagrima
dai riflessi iridati come un frammento d'opale, e la nasconde
nel suo cuore agli sguardi del sole.

- Charles  Baudelaire -

Vlaho Bukovac (1855-1922), Reclining Nude


Buona giornata a tutti. :-)