Visualizzazione post con etichetta don Ferdinando Baj. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta don Ferdinando Baj. Mostra tutti i post

venerdì 19 maggio 2017

Un giorno sarai uno dei due... - John Powell

Quando ero un giovane seminarista, ricordo di essermi recato in infermeria una sera (sinceramente non ne rammento il motivo). 
Mentre il frate infermiere stava rimboccando le coperte per la notte a due preti costretti a letto, io ero nel corridoio buio e assistetti a tutta la scena. 
Mentre rimboccava le coperte al primo prete, tirandogliele sotto il mento, l'anziano lo rimbrottò adirato: "Togli la tua faccia dalla mia fratello". 
II povero frate andò in silenzio nell'altra stanza dal secondo prete. 
II prete rispose con gratitudine: "Oh, fratello, sei così buono con noi. Stasera, prima di dormire, dirò una preghiera particolare solo per te". 
Lì, nel corridoio buio, fui colpito da un'improvvisa consapevolezza. 
Un giorno io sarei stato uno di quei due vecchi preti. La piena consapevolezza era questa: io stavo già esercitandomi per quel momento. Quando si invecchia, le abitudini prendono il sopravvento. 
I vecchi eccentrici si esercitano tutta la vita a essere eccentrici. 
I vecchi santi si esercitano tutta la vita a essere santi.

La vecchiaia è come un conto in banca.
Ritiriamo alla fine quanto vi abbiamo depositato durante tutta la vita...

- John Powell - 



«Io ero gli occhi per il cieco, ero i piedi per lo zoppo» (Libro di Giobbe 29,15)

Nel discorso di Giobbe che contiene le parole «io ero gli occhi per il cieco, ero i piedi per lo zoppo», si evidenzia la dimensione di servizio ai bisognosi da parte di quest'uomo giusto, che gode di una certa autorità e ha un posto di riguardo tra gli anziani della città. 
La sua statura morale si manifesta nel servizio al povero che chiede aiuto, come pure nel prendersi cura dell'orfano e della vedova (vv.12-13).
Quanti cristiani anche oggi testimoniano, non con le parole, ma con la loro vita radicata in una fede genuina, di essere "occhi per il cieco" e "piedi per lo zoppo"! 
Persone che stanno vicino ai malati che hanno bisogno di un'assistenza continua, di un aiuto per lavarsi, per vestirsi, per nutrirsi. 
Questo servizio, specialmente quando si prolunga nel tempo, può diventare faticoso e pesante. 
È relativamente facile servire per qualche giorno, ma è difficile accudire una persona per mesi o addirittura per anni, anche quando essa non è più in grado di ringraziare. 
E tuttavia, che grande cammino di santificazione è questo! 
In quei momenti si può contare in modo particolare sulla vicinanza del Signore, e si è anche di speciale sostegno alla missione della Chiesa.

- Papa Francesco -
Messaggio per la 23a Giornata Mondiale del Malato (11 febbraio 2015)


Signore, la nostra la chiamano la terza età.
Dopo le tappe della scuola dell’obbligo ed anche più in su; dato che non abbiamo più molte forze, la scuola da noi scelta è la preghiera: personale e comunitaria, offerta per il bene dei fratelli.
Siamo dei rincalzi che ce la mettono tutta perché la prima linea avanzi vittoriosa nel Tuo nome; speriamo, col Tuo aiuto, di giungere preparati all’esame finale.
Il nostro libro di testo è il Vangelo, non solo letto, ma vissuto con Te giorno per giorno sulla croce delle nostre miserie e dei nostri acciacchi.
Noi della “Terza Età”, lasciata la fatica del nostro quotidiano lavoro, nella quiete della casa o altrove, abbiamo a disposizione un gran spazio di tempo: non sciupiamolo nella noia o in futili spassi o in vane chiacchiere o brontolii.
Il modo migliore per vivere proficuamente questo tempo libero è quello di dedicarsi a te, o mio Dio, nella preghiera.

- Ferdinando Baj -
Fonte: Breviario della terza età, Sacerdote Ferdinando Baj, Ed. Salcom, gennaio 1989

sabato 16 marzo 2013

Fiducia dell’anziano nel Signore


Non abbandonarmi, o Signore!
Ho bisogno di te, in questa età,
della tua grazia,
del tuo incessante aiuto,
del tuo amore!

Non abbandonarmi, Signore,
anche se ti ripugna
la mia debole fede priva di entusiasmo,
soffocata dalle quotidiane occupazioni
e da troppe distrazioni e vanità.

Signore, non abbandonarmi,
anche se ti infastidisce
la mia arida preghiera
priva di quella speranza
che è certezza di vittoria,
di quella speranza che, fiduciosa,
abbandona l'anima in te serenamente,
come un bimbo nelle braccia materne.

Signore, non abbandonarmi,
anche se ti nausea il mio animo tiepido,
immortificato, presuntuoso,
ricco di egoismo e povero d'amore.

Non abbandonarmi
nell'ora del dolore, della malattia,
della umiliazione,
finché sappia, assieme a te,
portare degnamente la mia croce.

Signore, non abbandonarmi
in balìa delle mie passioni,
anche se lo merito
per la fragilità, l'incostanza, la tiepidezza
della mia vita passata.

Non abbandonarmi, Signore,
nel giorno della tentazione
anche se tu mi vedessi scherzare
scioccamente con il fuoco.

Non abbandonarmi, ti prego,
anche nella tragica ora
in cui tentassi di liberarmi
dall'amorosa stretta delle tue braccia.

Signore, lascia che io riposi
l'anima sul tuo dolcissimo Cuore
per non separarmi giammai da te
anche a costo di qualunque sacrificio
o umiliazione, o rinuncia.

Signore, abbi pietà di me!

Sacerdote Ferdinando Baj
Breviario della terza età
Ed.Salcom, anno 1989




La vita è breve. L'arte vasta. L' occasione istantanea,  L'esperienza ingannevole, Il giudizio difficile.

- Ippocrate - 


Cercate il consiglio degli anziani, giacché I loro occhi hanno fissato il volto degli anni e le loro orecchie hanno ascoltato le voci della Vita.

- Kahlil Gibran -





“Cari Fratelli, forza!  La metà di noi siamo nella vecchiaia: la vecchiaia è – mi piace dirlo così – la sede della sapienza della vita. I vecchi hanno la sapienza di avere camminato nella vita, come il vecchio Simeone, la vecchia Anna al Tempio. E proprio quella sapienza ha fatto loro riconoscere Gesù. Doniamo questa sapienza ai giovani: come il buon vino, che con gli anni diventa più buono, doniamo ai giovani la sapienza della vita.
Mi viene in mente quello che un poeta tedesco diceva della vecchiaia: “Es ist ruhig, das Alter, und fromm”: è il tempo della tranquillità e della preghiera. E anche di dare ai giovani questa saggezza”. 

“Tornerete ora nelle rispettive sedi per continuare il vostro ministero – ha proseguito - arricchiti dall’esperienza di questi giorni, così carichi di fede e di comunione ecclesiale. 
Tale esperienza unica e incomparabile, ci ha permesso di cogliere in profondità tutta la bellezza della realtà ecclesiale, che è un riverbero del fulgore di Cristo Risorto: un giorno guarderemo quel volto bellissimo del Cristo Risorto”.


[Papa Francesco, discorso ai cardinali, 15 marzo 2013]


...Un pensiero colmo di grande affetto e di profonda gratitudine rivolgo al mio venerato Predecessore Benedetto XVI, che in questi anni di Pontificato ha arricchito e rinvigorito la Chiesa con il Suo magistero, la Sua bontà, la Sua guida, la Sua fede, la Sua umiltà e la Sua mitezza. Rimarranno un patrimonio spirituale per tutti! Il ministero petrino, vissuto con totale dedizione, ha avuto in Lui un interprete sapiente e umile, con lo sguardo sempre fisso a Cristo, Cristo risorto, presente e vivo nell’Eucaristia. Lo accompagneranno sempre la nostra fervida preghiera, il nostro incessante ricordo, la nostra imperitura e affettuosa riconoscenza. Sentiamo che Benedetto XVI ha acceso nel profondo dei nostri cuori una fiamma: essa continuerà ad ardere perché sarà alimentata dalla Sua preghiera, che sosterrà ancora la Chiesa nel suo cammino spirituale e missionario.....

[Papa Francesco, discorso ai cardinali, 15 marzo 2013]



domenica 1 aprile 2012

Fiducia dell’anziano nel Signore

Non abbandonarmi, o Signore!
Ho bisogno di te, in questa età,
della tua grazia,
del tuo incessante aiuto,
del tuo amore!

Non abbandonarmi, Signore,
anche se ti ripugna
la mia debole fede priva di entusiasmo,
soffocata dalle quotidiane occupazioni
e da troppe distrazioni e vanità.

Signore, non abbandonarmi,
anche se ti infastidisce
la mia arida preghiera
priva di quella speranza
che è certezza di vittoria,
di quella speranza che, fiduciosa,
abbandona l’anima in te serenamente,
come un bimbo nelle braccia materne.

Signore, non abbandonarmi,
anche se ti nausea il mio animo tiepido,
immortificato, presuntuoso,
ricco di egoismo e povero d’amore.

Non abbandonarmi
nell’ora del dolore, della malattia,
della umiliazione,
finchè, sappia, assieme a te,
portare degnamente la mia croce.

Signore, non abbandonarmi
in balìa delle mie passioni,
anche se lo merito
per fragilità, l’incostanza, la tiepidezza
della mia vita passata.

Non abbandonarmi, ti prego,
anche nella tragica ora
in cui tentassi di liberarmi
dall’amorosa stretta delle tue braccia.

Signore, lascia che io riposi
l’anima sul tuo dolcissimo Cuore
per non separarmi giammai da te
anche a costo di quantunque sacrificio
o umiliazione, o rinuncia.

Signore, abbi pietà di me!
Sacerdote Ferdinando Baj
Breviario della terza età
Ed.Salcom, anno 1989

La paura nasce dovunque Dio muore nella coscienza degli essere umani. Ognuno sa, sebbene oscuramente e con timore, che dovunque Dio muore nella coscienza della persona umana, lì segue inevitabilmente la morte dell'uomo, ch'è immagine di Dio.
(dal messaggio per la celebrazione della Giornata Mondiale della Pace, 1° gennaio 1985)

lunedì 13 febbraio 2012

Noi vecchi non siamo inutili

Signore, sono già vecchio.
E' ormai lontano il tempo della Bibbia
in cui la vecchiaia era guardata come un privile­gio.
Il mondo consumistico della tecnica ci ha resi inutili.
Non siamo più produttivi e non contiamo più nulla.
Di malavoglia ci danno una pensione come un'elemosina.

Il mondo ha una sete tale di giovinezza
che soltanto la nostra presenza lo infastidisce
come un ricordo amaro di qualcosa
che ha sapore di sconfitta.

In un mondo in cui si viaggia tanto,
i vecchi sono particolarmente scomodi
perché non si sa dove lasciarli;
a meno che non servano per badare ai bambini.
Ma quando neppure a questo serviamo,
l'ospizio ci attende:
carcere libero, cimitero dei vivi...

Sono pochi, Signore, quelli che sanno
che cosa significhi
per un vecchio sradicarlo dalla sua terra,
per rinchiuderlo in una città di cemento.

Dicono che lì si custodiscono meglio.
Ma noi siamo come condannati a morte senza
l'aria della nostra terra.
Perché non ci lasciano morire
dove abbiamo vis­suto, amato, sofferto?

Certo il concetto di esperienza ha subìto
un profondo cambiamento, perché oggi in dieci
anni si vive di più che in quaranta.
Tutto è superficialmente veloce; senza radici.

Ti chiediamo, Signore: veramente non abbiamo
niente da dare noi, anziani?

Noi pensiamo che una vecchiaia accettata
con serenità, potrà offrire una parola e un esem­pio
di speranza a tanta gioventù disperata.

E voi, giovani, che vi aprite alla dolcezza
dell'amore siete capaci di gridare ai quattro venti
le esigenze di giustizia di noi anziani?

Ricordati, Gesù, del grido di amore e di aiuto di
milioni di vecchi in tutto il mondo. Ricordati!
 


Fonte: Breviario della terza età,
Sacerdote Ferdinando Baj,
Ed. Salcom, gennaio 1989

Noi dobbiamo desiderare che la preghiera dell'anziano riempia la casa, che la sua straordinaria capacità di evangelizzazione sia una forza per la saldezza degli affetti, un orientamento per i valori fondamentali dell'esistenza. (“Parole sull’uomo”, papa Giovanni Paolo II, p. 53)

"La vecchiaia è davvero veneranda, quando con la sapienza c'è la vita senza macchia” (Libro della Sapienza 4, 8-9).



domenica 24 luglio 2011

L’anziano e il suo grazie

Oggi ho avuto bisogno di tutti. Domani ancora così.

Fin che la fine verrà e mi prenderà per la mano negli ultimi passi verso il tuo Regno.

Ti ringrazio, senza superbia, del bene che ho fatto volendo; più spesso quasi per caso e per poco: ho sorriso, ho ridato coraggio, ho taciuto.

Grazie di tutto; anche del male che oggi ho commesso. Lo vedo che ogni peccato è stupido e triste; ma un bene oggi ne ho tratto: forse quel di capire che sono diverso  dagli altri, che Tu solo sei il Santo, sei il Forte, sei l’Altissimo Dio.

Sì, veramente tutto è grazia. Per il male che ho fatto, che più non voglio rifare; per il bene che in me hai compiuto, ti grido stasera che buono Tu sei! Tu che volentieri perdoni, appena negli occhi ci scopri una scintilla d’amore.

Grazie, o Signore, d’avermi messo un po’ in disparte, ma sempre in tua compagnia; avverto che la sofferenza ben intesa rende i sensi più attenti all’anima e l’anima più vicina a Te. E questo non è poco. Grazie! Ho imparato nella solitudine a riflettere, a contemplare. Ho scoperto il cuore della vita: la validità di amare e di essere amati.

Grazie!

Fonte: Breviario della terza età,
Sacerdote Ferdinando Baj,
Ed. Salcom, gennaio 1989




La Giovinezza e la Vecchiaia
  Angelo Caroselli (1585 – 1652)
  Museo Civico Alberoni, Piacenza (Italy)


martedì 28 giugno 2011

Preghiera nella terza età -

Signore, la nostra la chiamano la terza età.
Dopo le tappe della scuola dell’obbligo ed anche più in su; dato che non abbiamo più molte forze, la scuola da noi scelta è la preghiera: personale e comunitaria, offerta per il bene dei fratelli.
Siamo dei rincalzi che ce la mettono tutta perché la prima linea avanzi vittoriosa nel Tuo nome; speriamo, col Tuo aiuto, di giungere preparati all’esame finale.
Il nostro libro di testo è il Vangelo, non solo letto, ma vissuto con Te giorno per giorno sulla croce delle nostre miserie e dei nostri acciacchi.
Noi della “Terza Età”, lasciata la fatica del nostro quotidiano lavoro, nella quiete della casa o altrove, abbiamo a disposizione un gran spazio di tempo: non sciupiamolo nella noia o in futili spassi o in vane chiacchiere o brontolii.
Il modo migliore per vivere proficuamente questo tempo libero è quello di dedicarsi a te, o mio Dio, nella preghiera.
Fonte: Breviario della terza età, Sacerdote Ferdinando Baj, Ed. Salcom, gennaio 1989

Il beato Giovanni Paolo II apre il 17 settembre 2000 il Giubileo per la Terza età.
Avvenimento inserito nel Grande Giubileo dell'anno 2000

Buona giornata a tutti. :-)

www.leggoerifletto.it

www.efuseraefumattina.blogspot.it