Visualizzazione post con etichetta Giovanni Marini. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Giovanni Marini. Mostra tutti i post

giovedì 25 ottobre 2018

.... distruggere la donna è distruggere l'umanità.... - Don Fabio Rosini

"[…] Un maschio può essere insensibile, una donna con grande difficoltà. 
Le è difficile,  perché  "sente" la vita.
Il serpente è astuto e attacca la donna, perché se attacca lei attacca la vita. Se crolla lei crolla tutto. 
Anche nell'Apocalisse, al capitolo dodicesimo, ricompare il serpente antico che si scaglia contro la donna; ed è logico, perché distruggere la donna è distruggere l'umanità.
Che mondo sarà quello dove chi è donna rinuncia ad essere madre? Semplicemente non ci sarà alcun mondo in quel caso. 
E se le donne non ci mettono la tenerezza, dove andremo a prenderla? 
E se le donne non amassero la vita, e chi mai ci insegnerebbe a farlo? L'amore è fatto di particolari, di attenzioni, di pause, di attese, di consolazioni e di accoglienze. 
E questo è il cuore femminile.
Il maschile ha una energia tutta sua, che sa esplorare, proporre, aprire, custodire, e tanto altro. E il femminile ha la sua forza specifica che sa intuire, accogliere, accudire, rassicurare, lasciar crescere, e altro ancora […]". 

- Don Fabio Rosini -


Se i tuoi occhi sono positivi, amerai il mondo. Ma se la tua lingua è positiva, il mondo ti amerà. L’amore di una donna è nelle sue azioni, lei guarda con il suo cuore e sente con i suoi occhi. Una donna è la banca dove ogni membro della famiglia deposita preoccupazioni, ferite e rabbia. Una donna è il cemento che tiene unita la famiglia e il suo amore durerà tutta la vita.

- Madre Teresa di Calcutta -




La Chiesa non cessa mai di proclamare la verità  che la pace nel mondo affonda le sue radici nel cuore degli uomini, nella coscienza di ogni uomo e di ogni donna. 
La pace può essere soltanto il frutto di un cambiamento spirituale, che inizia nel cuore di ogni essere umano e che si diffonde attraverso le comunità. 
La prima di queste comunità è la famiglia. 
È la famiglia la prima comunità ad essere chiamata alla pace, e la prima comunità a ricercare la pace – pace e amicizia fra gli individui e i popoli. 

- san  Giovanni Paolo II -


Tutto qui, Signore.
Non c’è proprio altro.
Solo una famiglia come tante.
Siamo così.
Solo così.
Un marito e una moglie,
due bambini di 5 e di 9 anni,
una casa in affitto
che ci stiamo dentro appena appena.
Siamo tutto qui, Signore,
un lavoro e mezzo,
un auto da 150mila chilometri,
un cane, un gatto e una cocorita.
Vorremmo essere di più:
più presenti in parrocchia,
più disponibili per il volontariato,
più capaci di accogliere in casa nostra
chi si trova in difficoltà.
Vorremmo avere più tempo
per pregare,
per qualche ritiro,
per ritagliarci giornate di silenzio.
Invece siamo solo quello che siamo,
una famiglia chiassosa,
un po’ disordinata,
sempre in ritardo su tutto.
Le preghiere le diciamo la sera
prima di addormentarci
e qualche volta qualcuno
dorme già.
Ti offriamo quel che siamo:
le nostre lamentele davanti al Tg delle 20,
i compiti da finire e i piatti ancora da lavare,
le corse per far quadrare gli orari,
i quattro calci al pallone
nel cortile del condominio,
i week end a scarpinare in montagna
(che costano niente e fanno bene alla salute).
Quel che ci manca per essere
una famiglia migliore
metticelo Tu, Signore,
che conosci le dosi e i tempi
e che, sopra ogni cosa,
conosci ciascuno di noi.

- Letizia e Mauro, più Enrico e Matteo -
Fonte: "Un minuto con Dio" di Patrizio Righero, Ed. Elledici 2011


Buona giornata a tutti. :)