sabato 28 giugno 2014

La bicicletta di Dio

In una calda sera di fine estate, un giovane si recò da un vecchio saggio: "Maestro, come posso essere sicuro che sto spendendo bene la mia vita? Come posso essere sicuro che tutto ciò che faccio è quello che Dio mi chiede di fare?". 
Il vecchio saggio sorrise compiaciuto e disse: "Una notte mi addormentai con il cuore turbato, anch'io cercavo, inutilmente, una risposta a queste domande. Poi feci un sogno. Sognai una bicicletta a due posti. 
Vidi che la mia vita era come una corsa con una bicicletta a due posti: un tandem. E notai che Dio stava dietro e mi aiutava a pedalare. 
Ma poi avvenne che Dio mi suggerì di scambiarci i posti. Acconsentii e da quel momento la mia vita non fu più la stessa. 
Dio rendeva la mia vita più felice ed emozionante. Che cosa era successo da quando ci scambiammo i posti? Capii che quando guidavo io, conoscevo la strada. Era piuttosto noiosa e prevedibile. Era sempre la distanza più breve tra due punti. Ma quando cominciò a guidare lui, conosceva bellissime scorciatoie, su per le montagne, attraverso luoghi rocciosi a gran velocità a rotta di collo. 
Tutto quello che riuscivo a fare era tenermi in sella! 
Anche se sembrava una pazzia, lui continuava a dire: «Pedala, pedala!». Ogni tanto mi preoccupavo, diventavo ansioso e chiedevo: «Signore, ma dove mi stai portando?». 
Egli si limitava a sorridere e non rispondeva. 
Tuttavia, non so come, cominciai a fidarmi. 
Presto dimenticai la mia vita noiosa ed entrai nell'avventura, e quando dicevo: «Signore, ho paura...», lui si sporgeva indietro, mi toccava la mano e subito una immensa serenità si sostituiva alla paura. 
Mi portò da gente con doni di cui avevo bisogno; doni di guarigione, accettazione e gioia. 
Mi diedero i loro doni da portare con me lungo il viaggio. 
Il nostro viaggio, vale a dire, di Dio e mio. 
E ripartimmo. Mi disse: «Dai via i regali, sono bagagli in più, troppo peso». Così li regalai a persone che incontrammo, e trovai che nel regalare ero io a ricevere, e il nostro fardello era comunque leggero. 
Dapprima non mi fidavo di lui, al comando della mia vita. Pensavo che l'avrebbe condotta al disastro. Ma lui conosceva i segreti della bicicletta, sapeva come farla inclinare per affrontare gli angoli stretti, saltare per superare luoghi pieni di rocce, volare per abbreviare passaggi paurosi. 
E io sto imparando a star zitto e pedalare nei luoghi più strani, e comincio a godermi il panorama e la brezza fresca sul volto con il delizioso compagno di viaggio, la mia potenza superiore. 
E quando sono certo di non farcela più ad andare avanti, lui si limita a sorridere e dice: «Non ti preoccupare, guido io, tu pedala!»".




In cosa sta, o consiste, l’essenza della dignità umana?
E’ una domanda alla quale non è facile rispondere, ma al contempo è difficile da non porsi, o da ignorare, oppure da eludere.
Una risposta per tutte: bisogna compiere il proprio dovere, fino in fondo, qualunque sia il sacrificio da sopportare.
Ci sono stati Grandi Uomini che non solo l’hanno dichiarato apertamente, ma sono vissuti e morti secondo questo principio, come Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, e (pochi) altri.
Ma sebbene pochi di noi si trovino, o si troveranno mai, nella posizione e responsabilità di questi Uomini, bisogna capire che nessun atto, nessuna occupazione o lavoro sia meno importante di altre! Nel proprio piccolo TUTTI siamo corresponsabili dell’andamento della Società, cioè della Comunità Umana, e della nostra vita.
Se tutti agissero secondo questo Principio e secondo coscienza, il Mondo avrebbe delle chances per diventare un luogo veramente vivibile. 

(Anna Greco)

























...E’ bello fare lo sport, io non sono un grande sportivo, ma magari andare in montagna mi piaceva quando ero ancora più giovane, adesso faccio solo camminate molto facili, ma sempre trovo molto bello camminare qui in questa bella terra che il Signore ci ha dato. Quindi non possiamo sempre vivere nella meditazione alta, forse un Santo nell’ultimo gradino del suo cammino terrestre può arrivare a questo punto, ma normalmente viviamo con i piedi per terra e gli occhi verso il cielo. Ambedue le cose ci sono date dal Signore e quindi amare le cose umane, amare le bellezze della sua terra non solo è molto umano, ma è anche molto cristiano e proprio cattolico...


Papa Benedetto XVI - dallo "Incontro con il clero della Diocesi di Belluno-Feltre e Treviso" - 24 luglio 2007 Auronzo di Cadore























Buona giornata a tutti :-)







Nessun commento: