Visualizzazione post con etichetta dono. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta dono. Mostra tutti i post

martedì 30 maggio 2017

Le persone sono dono - Francesco Piras s.j.

Le persone sono doni che Dio creatore ci manda... imballate.
Alcuni hanno un imballaggio bellissimo,
altri sono imballati in carta ordinarissima,
certe persone sono imballate in maniera molto sciolta,
altre in maniera molto stretta,
a volte il dono è stato maltrattato nella posta,
una volta ogni tanto c'è una consegna speciale!
Ma l'imballaggio non è il dono!
E' così facile commettere questo errore;
è simpatico se lo fanno i bambini.
Certe persone-dono sono facili da aprire;
altre hanno bisogno di aiuto per uscire dalle loro scatole:
sarà perché hanno paura?
Credono forse che fa male lasciarsi aprire?
Forse sono già stati aperti prima e sono stati buttati via!
Sarà che il loro dono non è fatto per me?
Io sono una persona. Perciò anch'io sono un dono!
Prima di tutto sono un dono a me stesso.
Dio creatore mi ha dato me stesso!
Ho mai guardato veramente dentro l'imballaggio?
Ho paura di farlo?
Forse non ho mai accettato il dono che io sono.
E' possibile che ci sia qualcosa di più,
dentro l'imballaggio, di quello che immagino?
Forse non ho mai visto il dono meraviglioso che sono io.
Può il dono di Dio essere altro che bello?
Mi piacciono i doni che mi danno quelli che mi vogliono bene,
perché non il dono di me stesso, il dono che sono io?
Io sono anche un dono dato agli altri.
Accetto di essere dato agli altri?
Di essere una persona per gli altri?
Dovranno gli altri accontentarsi dell'imballaggio,
senza mai godere del dono?

Ogni incontro fra persone è uno scambio di doni.
L'amore è una relazione fra persone
che si vedono come sono realmente:
doni dati da Dio per essere dati agli altri.

- Francesco Piras s.j. -




Non devi essere quello che non sei, qualcun altro. 
Devi andare d'accordo con te stesso. 
Pensa a tutto il tempo che devi trascorrere con te stesso... 
Se non hai stima di te stesso, come puoi pretendere che l'abbiano gli altri?

Jerry Lewis, dal film: Le folli notti del dottor Jerryl



Perdonami, Signore,
tutto il male che ho commesso 
nel corso della giornata.
Con la tua grazia, 
disperdi le tenebre dei miei peccati,
perché io li veda, 
me ne penta e non li commetta più.
Fa' anche, Dio di misericordia,
che perfino il mio sonno ti glorifichi,
e che io sia pronto a partire con te,
se vieni a cercarmi questa notte.
So che la porta del tuo regno è la croce.

La croce è l'amore, 
e amarti è portare la propria croce.