Visualizzazione post con etichetta voto politico. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta voto politico. Mostra tutti i post

sabato 18 giugno 2016

Il paese dei ladri - Italo Calvino

“C’era un paese dove erano tutti ladri. La notte ogni abitante usciva, coi grimaldelli e la lanterna cieca, e andava a scassinare la casa di un vicino. Rincasava all’alba, carico, e trovata la casa svaligiata.
E così tutti vivevano in concordia e senza danno, poiché l’uno rubava all’altro, e questo a un altro ancora e così via, finché non si rubava a un ultimo che rubava al primo. Il commercio in quel paese si praticava solo sotto forma d’imbroglio e da parte di chi vendeva e da parte di chi comprava. Il governo era un’associazione a delinquere ai danni dei sudditi, e i sudditi dal canto loro badavano solo a frodare il governo. Così la vita proseguiva senza inciampi, e non c’erano né ricchi né poveri. Ora, non si sa come, accadde che nel paese di venisse a trovare un uomo onesto. La notte, invece di uscirsene col sacco e la lanterna, stava in casa a fumare e a leggere romanzi. Venivano i ladri, vedevano la luce accesa e non salivano.
Questo fatto durò per un poco: poi bisognò fargli comprendere che se lui voleva vivere senza far niente, non era una buona ragione per non lasciar fare agli altri. Ogni notte che lui passava in casa, era una famiglia che non mangiava l’indomani. Di fronte a queste ragioni l’uomo onesto non poteva opporsi. Prese anche lui a uscire la sera per tornare all’alba, ma a rubare non ci andava. Onesto era, non c’era nulla da fare. Andava fino al ponte e stava a veder passare l’acqua sotto. Tornava a casa, e la trovava svaligiata.
In meno di una settimana l’uomo onesto si trovò senza un soldo, senza di che mangiare, con la casa vuota. Ma fin qui poco male, perché era colpa sua; il guaio era che da questo suo modo di fare ne nasceva tutto un cambiamento. Perché lui si faceva rubare tutto e intanto non rubava a nessuno; così c’era sempre qualcuno che rincasando all’alba trovava la casa intatta: la casa che avrebbe dovuto svaligiare lui. Fatto sta che dopo un poco quelli che non venivano derubati si trovarono ad essere più ricchi degli altri e a non voler più rubare. E, d’altronde, quelli che venivano per rubare in casa dell’uomo onesto la trovarono sempre vuota; così diventavano poveri. Intanto, quelli diventati ricchi presero l’abitudine anche loro di andare la notte sul punte, a veder l’acqua che passava sotto. 
Questo aumentò lo scompiglio, perché ci furono molti altri che diventarono ricchi e molti altri che diventarono poveri.
Ora, i ricchi videro che ad andare la notte sul ponte, dopo un po’ sarebbero diventati poveri. E pensarono: – Paghiamo dei poveri che vadano a rubare per conto nostro -. Si fecero i contratti, furono stabiliti i salari, le percentuali: naturalmente sempre ladri erano, e cercavano di ingannarsi gli uni con gli altri. Ma, come succede, i ricchi diventavano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. 
C’erano dei ricchi così ricchi da non avere più bisogno di rubare per continuare a esser ricchi. Però se smettevano di rubare diventavano poveri perché i poveri li derubavano. Allora pagarono i più poveri dei poveri per difendere la roba loro dagli altri poveri, e così istituirono la polizia, e costruirono le carceri.
In tal modo, già pochi anni dopo l’avvenimento dell’uomo onesto, non si parlava più di rubare o di esser derubati ma solo di ricchi e poveri; eppure erano sempre tutti ladri. Di onesti c’è stato solo quel tale, ed era morto subito, di fame”.

- Italo Calvino -


C'è un modo colpevole di abitare la città: accettare le condizioni della bestia feroce dandogli in pasto i nostri figli. 
C'è un modo colpevole di abitare la solitudine: credersi tranquillo perché la bestia feroce è resa inoffensiva da una spina nella zampa. 
L'eroe della storia è colui che nella città punta la lancia nella gola del drago, e nella solitudine tiene con sé il leone nel pieno delle sue forze, accettandolo come custode e genio domestico, ma senza nascondersi la sua natura di belva.

- Italo Calvino - 
 
da: Il Castello dei Destini Incrociati, Einaudi



Di impressionante attualità...

"L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. 
Due modi ci sono per non soffrirne. 
Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. 
Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio”.

(da Italo Calvino 'Le città invisibili', 1972)


Domani in Italia si svolgeranno i ballottaggi per l’elezioni dei sindaci. 
Molti mi scrivono sulla situazione italiana, sul voto, un mio parere, etc. Ovviamente non me la sento di dare un parere politico poichè le situazioni sono diverse da città a città. 
Mi sento di consigliarvi di non votare il/un partito, ma di votare l’uomo/la donna, la persona che  propone argomenti concreti, ad esempio la sicurezza nel vivere quotidiano, la riduzione delle tasse comunali (a proposito avete già ricevuti l'IMU, la Tasi? Io sì!). Togliere un po' di burocrazia, allentare l'aggressività delle multe alle auto. Evitate marpioni e professionisti della politica legati a doppio filo con i centri di potere. 
Mi sembra importante anche votare qualcuno/a che proponga oltre al rispetto dei diritti anche il rispetto dei doveri, il rispetto delle nostre tradizioni, il rispetto della nostra cultura,  il rispetto delle nostre leggi, il  rispetto della nostra Costituzione.
Andate a votare e non dimenticate che, visto come vanno le cose, ogni volta, potrebbe essere anche l'ultima. 

Noi italiani abbiamo una sola arma: una matita e una scheda elettorale.
Sono gli uomini e le donne che vanno a votare che cambiano i destini di un Paese. 
Un abbraccio,
Stefania


giovedì 21 febbraio 2013

Preghiera di don Camillo e il voto elettorale

Signore,

una volta c’era S. Michele e satanasso, il cattolico e l’eretico.
Adesso, invece, è diventato liberale anche lo Smilzo.
L’altro giorno mi ha detto che sono rimasto indietro perchè ormai ci son pastori d’anime “in comunione di fede” con i mussulmani, pastori per cui il Corano è un libro sacro disceso dal Cielo.

Oh, buon Gesù, forse son proprio rimasto indietro… qui, però, non si tratta di accoglienza del fratello, ma di confusione su tutta la linea.

Lo Smilzo però insiste, dicendomi che questa non è confusione, ma semplice espressione dell’ala “progressista” della Chiesa Cattolica, i “tradizionalisti”, invece, sono aspramente contrari, insomma, tutto ciò rientra nella “pluriformità” che caratterizza la Chiesa di oggi.

Ho detto allo Smilzo che stavo meglio quando, invece, della “pluriformità” il cattolico era solo cattolico.
E quando Santa Madre Chiesa avvertiva i suoi figli sui pericoli dell’anima.
Signore, ma non sarà che siamo diventati tutti liberali? 
A volte sento la mancanza di Peppone.

Cor Jesu Sacratissimum, Miserere Nobis



Tutte le decisioni che impegnano delle vite umane sono prese da coloro che non rischiano niente.

 - Simone Weil - 



‎"Non smettete mai di protestare; non smettete mai di dissentire, di porvi domande, di mettere in discussione l'autorità, i luoghi comuni, i dogmi. Non esiste la verità assoluta.

Non smettete di pensare.

Siate voci fuori dal coro.

Siate il peso che inclina il piano.

[…]

Siate sempre informati e non chiudetevi alla conoscenza perché anche il sapere è un' arma. Forse non cambierete il mondo, ma avrete contribuito a inclinare il piano nella vostra direzione e avrete reso la vostra vita degna di essere raccontata.

Un uomo che non dissente è un seme che non crescerà mai."


- Bertrand Russell - 




‎Si passa la vita a seguire delle regole in fila indiana pronti a prendere il rancio del giorno !!
Con gli occhi spenti ma sorridenti di chi ha solo bisogno di cambiare la batteria per andare avanti..
Qualche volta però c'è qualcuno che quella fila la rompe..
Qualche dannato dicono che poi così dannato non è ha solo imparato a sentire un sapore diverso... e gli è piaciuto !!

- M. Ghesini-







venerdì 7 settembre 2012

Non a destra, non a sinistra, non al centro, ma in alto – don Primo Mazzolari

Direte che non c’è un alto in politica e che, se mai, vale quanto la destra, la sinistra, il centro. Nominalismo mistico in luogo di un nominalismo politico: elemento di confusione non di soluzione.

E’ vero che una nuova strada non cambia nulla se l’uomo non si muove con qualche cosa di nuovo, e che un paese può andare verso qualsiasi punto cardinale e rimanere qual è. Ma se gli italiani fossero d’accordo su questo fatto, la fiducia, della tonomastica parlamentare sarebbe felicemente superata.

Fa comodo ai neghittosi credersi arrivati per il solo fatto di muoversi da destra invece che da sinistra. Saper la strada o aver imbroccato la strada giusta non vuoi dire camminarla bene o aver raggiunto la méta.

Il fariseismo rivive in tanti modi e temo che questo sia uno dei più attuali.

La giustizia è a sinistra, la libertà al centro, la ragione a destra. E nessuno chiede più niente a se stesso e incolpa gli altri di tutto ciò che manca, attribuendosi la paternità di ogni cosa buona.

Non dico che siano sbagliate le strade che partono da destra, da sinistra o dal centro: dico solo che non conducono, perché sono state cancellate come strade e scambiate per punti d’arrivo e di possesso.

La sinistra è la giustizia - la destra è la ragione - il centro libertà. E siamo così sicuri delle nostre equazioni, che nessuno s’accorge che c’è gente che scrive con la sinistra e mangia con la destra: che in piazza fa il sinistro e in affari si comporta come un destro: che l’egoismo di sinistra è altrettanto lurido di quello di centro, per cui, destra, sinistra e centro possono divenire tre maniere di «fregare» allo stesso modo il Paese, la Giustizia, la Libertà, la Pace.

L’alto cosa sarebbe allora?

Una destra pulita, una sinistra pulita, un centro pulito, in virtù di uno sforzo di elevazione e di purificazione personale che non ha nulla a vedere con la tessera.

Come ieri per la salvezza non contava il circonciso né l’incirconciso, così oggi non conta l’uomo di destra né l’uomo di sinistra, ma solo la nuova creatura: la quale lentamente e faticosamente sale una strada segnata dalle impronte di Colui, che arri­vato in alto, si è lasciato inchiodare sulla Croce a braccia spalancate per dar la sua mano forata a tutti gli uomini e costruire il vero arco della Pace.

(don Primo Mazzolari)


Fonte: “Adesso” Anno 1° n. 3 Martedì 15 febbraio 1949



La linea retta è fatta di milioni di piccoli punti uniti uno all'altro.
Anche la vita è fatta di milioni di secondi e di minuti uniti uno all'altro.
Disponi bene ogni singolo punto e la linea sarà retta.
Vivi con perfezione ogni minuto della vita e questa sarà santa.
Il cammino della speranza è lastricato di piccoli atti di speranza.
Vivendo in essa ogni minuto, puoi far sì che la speranza diventi una vita.

(F.X. Nguyen Van Thuan)




(lo so...lo so... questa vignetta è un pò forte per il mio blog, ma vista la situazione politica e finanziaria italiana ci voleva..... Mi perdoneranno i lettori :-) )