Visualizzazione post con etichetta san Tichon di Zadonsk. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta san Tichon di Zadonsk. Mostra tutti i post

domenica 23 marzo 2014

Una parabola sulla vita moderna - Padre Anthony de Mello


Gli animali si riunirono in assemblea e iniziarono a lamentarsi che gli esseri umani non facevano altro che portar via loro qualcosa.

"Si prendono il mio latte", disse la mucca.
"Si prendono le mie uova", disse la gallina.
"Usano la mia carne per farne pancetta" disse il maiale.
"Mi danno la caccia per il mio olio", disse la balena.

E così via.

Infine parlò la lumaca. "Io ho qualcosa che a loro piacerebbe avere, più di ogni altra cosa.
Qualcosa che mi porterebbero sicuramente via se potessero. Ho tempo".

Avresti tutto il tempo del mondo, se solo te lo concedessi.
Che cosa ti impedisce di farlo?

(Anthony de Mello)
fonte:" Il canto degli uccelli. Frammenti di saggezza nelle grandi religioni" Ed. Paoline





Il monaco e la donna - Anthony de Mello

Due monaci buddisti, in cammino verso il monastero, incontrarono sulla riva del fiume una donna molto bella. Come loro, ella desiderava attraversare il fiume, ma l'acqua era troppo alta. Così uno dei due monaci se la pose sulle spalle e la portò all'altra sponda.

Il monaco che era con lui era scandalizzato. Per due ore intere lo rimproverò per la sua negligenza nel rispettare la santa regola: aveva dimenticato che era un monaco? Come aveva osato toccare una donna? E peggio, trasportarla attraverso il fiume? E cosa avrebbe detto la gente? Non aveva screditato la loro santa religione? E così via.

Il monaco rimproverato ascoltò pazientemente l'interminabile predica. Alla fine lo interruppe dicendo: «Fratello, io ho lasciato quella donna al fiume. Non sarà che tu te la stai ancora portando dietro?».

                                                                    (Anthony de Mello)
un pò di biografia : http://leggoerifletto.blogspot.it/2010/08/anthony-de-mello-biografia.html



Alzati e fatti conoscere - Anthony de Mello
Per dire la verità così com'è ci vuole molto coraggio se si appartiene a un' istituzione.
Per sfidare l'istituzione stessa ci vuole ancora più coraggio. Fu questo che fece Gesù.
Quando Kruscev pronunciò la famosa denuncia dell'epoca staliniana, si dice che qualcuno, in parlamento, abbia esclamato: "Dov'eri tu, compagno Kruscev, quando tutte queste persone innocenti venivano massacrate?".
Kruscev smise di parlare, girò lo sguardo nella sala e disse: "Per favore, si alzi chi ha detto questo".
Ci fu grande tensione nella sala. Nessuno si alzò.
Allora Kruscev disse: "Bene, ora hai la risposta, chiunque tu sia. Io ero allora nella stessa identica posizione in cui tu ora ti trovi".
Gesù si sarebbe alzato.
                                                                       (Anthony de Mello)
fonte:" Il canto degli uccelli. Frammenti di saggezza nelle grandi religioni" Ed. Paoline, pag 119




“Colui che genera un figlio non è ancora un padre,
un padre è colui che genera un figlio e se ne rende degno.”

Fëdor Michajlovič Dostoevskij (1821 – 1881)



Dammi Luce

O amore puro, sincero e perfetto!
O luce sostanziale!
Dammi la luce affinché in essa
io riconosca la tua luce.
Dammi la tua luce affinché veda il tuo amore.
Dammi la tua luce affinché veda le tue viscere di padre.
Dammi un cuore per amarti,
dammi occhi per vederti,
dammi orecchi per udire la tua voce,
dammi labbra per parlare di te,
il gusto per assaporarti.
Dammi l'olfatto per sentire il tuo profumo,
dammi mani per toccarti
e piedi per seguirti.
Sulla terra e nel cielo
non desidero che te, mio Dio!
Tu sei il mio solo desiderio,
la mia consolazione,
la fine di ogni angoscia e sofferenza

San Tichon di Zadonsk



Buona giornata a tutti :-)

mercoledì 22 gennaio 2014

In attesa muta - don Luigi Giussani

“Questo Gesù è nella compagnia di uomini e donne che Lo riconoscono, in quella che è conosciuta come la Chiesa.”

- don Luigi Giussani - 


Mi colpisce sempre, Signore, la storia di Zaccaria
uomo “irreprensibile e fedele a tutte le tue prescrizioni”.
Vita lunga ed esemplare.
Eppure sterile e priva di fecondità .
Come “una vergogna in mezzo al popolo”. 
Quasi una dolorosa contraddizione .
Servire te, Dio, con tanto impegno, 
eppure non ricevere segno certo della Tua benedizione.
E non c’è speranza se uno è vecchio 
e l’altra “è avanti negli anni”.

Ma Tu non sei lontano
dalle nostre routine senza speranza
e continui a “visitarci con la Tua salvezza”.
Perchè vuoi donare “gioia ed esultanza”.
E illuminarci “come un sole che sorge”. 
E donare colori nuovi ad una vita in bianco e nero.
Ma io dubito. Sono incredulo. Non è possibile.

Passerai oltre, deluso dalla mia incredulità?
O condannerai anche me al silenzio?
La realtà è che sono già muto.
Senza parole davanti all’incomprensibile della mia vita.
Ma Tu sei Parola! E mi lasci in un mutismo diverso. 

Quello di chi si ferma in silenzio
a guardar in modo nuovo i fatti della sua vita.
E, muto di parola, può così riempirli di Parola.
Per scoprire che Tu sei all’opera nella sue vicende.
Per nove mesi.
Tempo necessario perchè nasca qualcosa di nuovo.
Anche nel mio cuore:
la certezza che Tu mi vuoi felice.
E che riempi i miei silenzi.
Con la Tua fedeltà, che “ è grande fino alle nubi.” 
Ed allora potrò , nella vita quotidiana, 
rispondere senza paura alla tua chiamata.

«Quando io ero in prima liceo, c’è stato un momento di “romanticismo panico”, in cui piangevo sempre, perché mi ero accorto che non sarei mai stato come Raffaello, come Michelangelo, come Beethoven; piangevo, andavo a letto la sera e piangevo, e questo per parecchi giorni. Poi, quello che mi ha “risolto” è stato scoprire che, se facevo bene l’ora di studio e osservavo la regola come espressione di me stesso, se facevo bene la cosa che avevo davanti, fare bene una piccola cosa era un’opera più grande che neanche le sinfonie di Beethoven, perché era un ordine, era una perfezione, era una musica, una poesia. Allora mi sono calmato e non ho pianto più.».

(don Luigi Giussani)



Mary Cassatt (1844-1926)
La nonna Cassatt mentre legge per i suoi nipoti.

"E ogni istante delle nostre giornate, ogni parola detta, ogni gesto compiuto sono un’offerta al Signore per il compiersi della Sua volontà."

- Don Luigi Giussani -



“Primo criterio: amare con le opere, non con le parole. Le parole le porta via il vento! Oggi sono, domani non sono. Secondo criterio di concretezza è: nell’amore è più importante dare che ricevere. Quello che ama dà, dà ... Dà cose, dà vita, dà se stesso a Dio e agli altri. Invece chi non ama, chi è egoista, sempre cerca di ricevere, sempre cerca di avere cose, avere vantaggi. Rimanere col cuore aperto, non come era quello dei discepoli, che era chiuso, che non capivano niente: rimanere in Dio e Dio rimane in noi; rimanere nell’amore”.

Papa Francesco Omelia Casa Santa Marta, 9 Gennaio 2014



L' inizio, prima che nel seme, è nella terra,
quando tutto è determinato dall'attesa
e l'uomo non ha in mano niente,
neanche il seme da buttare dentro l'orto,
e perciò è alla mercé dell'onnipotenza del Mistero
che fa tutte le cose.
L'attesa è il luogo di chi ha fame e sete,
e stende la mano: attende,
tende a ciò che lo fa vivere, a ciò per cui potrà vivere.

Don Luigi Giussani, da L'attesa, Tracce 1996


Dammi Luce

O amore puro, sincero e perfetto!
O luce sostanziale!
Dammi la luce affinché in essa
io riconosca la tua luce.
Dammi la tua luce affinché veda il tuo amore.
Dammi la tua luce affinché veda le tue viscere di padre.
Dammi un cuore per amarti,
dammi occhi per vederti,
dammi orecchi per udire la tua voce,
dammi labbra per parlare di te,
il gusto per assaporarti.
Dammi l'olfatto per sentire il tuo profumo,
dammi mani per toccarti
e piedi per seguirti.
Sulla terra e nel cielo
non desidero che te, mio Dio!
Tu sei il mio solo desiderio,
la mia consolazione,
la fine di ogni angoscia e sofferenza

San Tichon di Zadonsk