Visualizzazione post con etichetta San Luigi Maria Grignion da Monfort. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta San Luigi Maria Grignion da Monfort. Mostra tutti i post

sabato 21 giugno 2014

dal "Trattato della Vera devozione " (cap. 2) - San Luigi Maria Grignion de Montfort

Chi dunque vuole progredire nella via della perfezione ed incontrare sicuramente e perfettamente Gesù Cristo - senza il pericolo di cadere nell'illusione che è ordinaria nelle persone di preghiera - abbracci "con cuore generoso e animo pronto" questa devozione alla santissima Vergine, che forse prima non conosceva. 
Entri in questo eccellente cammino a lui sconosciuto e che io gli sto indicando: "Io vi mostro una via migliore di tutte" (1 Cor 12,31).
È una via tracciata da Gesù Cristo, Sapienza incarnata, nostro unico Capo. Percorrendola, il membro di questo Capo non può sbagliarsi. E una via facile, per la pienezza della grazia e dell'unzione dello Spirito Santo di cui è ricolma. Camminandovi, non ci si stanca né s'indietreggia. 

È una via breve: in poco tempo ci conduce a Gesù Cristo. 
È una via perfetta: sul suo percorso non c'è fango, né polvere, né la minima sozzura di peccato. 
Infine, è una via sicura, per la quale si giunge a Gesù Cristo e alla vita eterna in modo diritto e sicuro, senza deflettere né a destra né a sinistra.
Prendiamo dunque questa strada e in essa camminiamo giorno e notte, sino alla pienezza dell'età di Gesù Cristo.

(San Luigi Maria Grignion de Montfort)



Nessuna preghiera è più meritoria
per l’anima
e più gloriosa
per Gesù e Maria
del Rosario ben recitato.

(San Luigi Maria Grignion de Montfort)


Non cercare di raggiungere DIO col tuo intelletto, non ci riuscirai mai;
raggiungilo nell'amore ciò è possibile.


(Padre Charles de Foucauld )



"Stando al significato della parola, sapienza vuol dire in genere «scienza sapida», cioè gusto di Dio e della sua verità.

Vi sono diversi tipi di sapienza. Bisogna, anzitutto, distinguere la sapienza vera dalla falsa sapienza: la vera è il gusto della verità senza menzogna o travestimento; la falsa è il gusto della menzogna velata dall'apparenza di verità.
Quella falsa è la sapienza o prudenza del mondo, e lo Spirito Santo la distingue in terrena, carnale e diabolica".

- S. Luigi Grignon de Montfort -


Preghiera a Maria

Maria, donna dell'ascolto,
rendi aperti i nostri orecchi;
fa' che sappiamo ascoltare la
Parola del tuo Figlio Gesù
tra le mille parole di questo mondo;
fa' che sappiamo ascoltare
la realtà in cui viviamo,
ogni persona che incontriamo,
specialmente quella che è povera,
bisognosa, in difficoltà.

Maria, donna della decisione,
illumina la nostra mente
e il nostro cuore,
perché sappiamo obbedire
alla Parola del tuo Figlio Gesù,
senza tentennamenti;
donaci il coraggio della decisione,
di non lasciarci trascinare
perché altri orientino la nostra vita.


(Papa Francesco, 8 dicembre 2013)

mercoledì 24 luglio 2013

Quando satana insinua la mente dei giovani... – San Giovanni Bosco


Il primo inganno che il demonio suole usare per ingannare le anime dei giovani è lo Scoraggiamento.
«Come è possibile - insinua il maligno - che tu possa per cinquanta, sessant'anni o più vivere nella virtù e lontano dai piaceri?».
Quando il demonio ti suggerisce questo, tu rispondigli così: «Chi mi assicura che io giungerò fino a quell'età? La mia vita è nelle mani di Dio e può anche darsi che oggi sia l'ultimo giorno della mia vita. Quanti ragazzi della mia età ieri erano allegri e pieni di salute ed oggi sono già nella tomba! E non potrebbe accadere altrettanto anche a me? E se anche dovessi faticare alcuni anni per il Signore, non ne sarò ricompensato in modo sovrabbondante da una eternità di gloria e di gioia in Paradiso?».
Il secondo inganno del demonio è di farti credere che la vita santa ti farà cadere nella tristezza.
«Tu sei giovane - insinua il demonio - e se ti metti a pensare all'eternità e all'Inferno diventerai melanconico e potresti anche impazzire».
A queste insinuazioni tu risponderai così: «È vero che il pensiero di un'eternità infelice e di un supplizio che non finirà è un pensiero tetro e spaventoso, ma se può farmi impazzire al solo pensarvi, che cosa sarà mai l'andarvi? È meglio pensarci adesso e non caderci in avvenire, che allontanarne ora il pensiero e poi cadervi per l'eternità!».
D'altra parte, o caro giovane, se il pensiero dell'Inferno ci riempie di terrore, il pensiero del Paradiso ci riempie di gioia.
I santi infatti, pur pensando all'eternità delle pene non erano tristi, ma allegri, perché avevano fiducia di evitarle vivendo sempre in pace con Dio.
Fatti dunque coraggio!

Prova a servire il Signore e vedrai quanto è dolce e soave amarLo con tutto il cuore.


(San Giovanni Bosco)


La contemplazione impregna l’azione, mentre l’azione nasce dalla contemplazione

È con la Vergine Maria che apprezzerai meglio il valore d’una vita sovrannaturale e d’una profonda spiritualità. Nella sua vita, nessun gesto, né pensiero, minimo che sia, che non sia ispirato da Gesù. Nessun minuto è stato da lei vissuto lontano da lui. L’esistenza della Vergine è fatta tutta di interiorità. In lei, non esiste separazione tra azione e contemplazione, poiché la contemplazione impregna l’azione, mentre l’azione nasce dalla contemplazione.

Il rosario è una catena di preghiere che ti unirà a lei. È anche il film che ti ricorderà tutte le tappe del cammino della speranza che ha percorso: la sua tenerezza a Betlemme, il suo tormento durante le fuga in Egitto, il silenzio e la fatica della bottega a Nazareth, il suo fervore al tempio, la sua emozione dinanzi alla predicazione di suo figlio, di san Giovanni; in breve, la storia di due vie che sono una, poiché il Signore ha vissuto in lei, e lei in lui. Non trascurare il rosario che tua madre, Maria, ti ha affidato, raccomandandoti di vivere come lei, con lei, attraverso lei e in lei.

- François-Xavier  NguYen Van Thuan -


"Un Sacerdote che non è santo non solo è inutile ma riesce dannoso alla Chiesa".

- San Pio X - 



Il peccato originale è la deturpazione di tutte le bellezze create, e l'ignoranza ne è il fiore. Ed è soprattutto la negazione della speranza; rifiutando la consolazione e la fortezza che può generare, essa forma un problema insoluto per il cuore umano, fino a disturbare la fede, suo inizio di rimedio. 

- Padre G.M. Luisetto -


"Se vuoi cominciare a servire Gesù e Maria recitando il Rosario tutti i giorni, preparati alla tentazione: «Accedens ad servitutem Dei, praepara animam tuam ad tentationem» (Sir 2,1). 
Gli eretici, i libertini, gli onest'uomini del mondo, i mezzi devoti e i falsi profeti, d'accordo con la tua natura corrotta e tutto l'inferno, ti muoveranno terribili lotte per farti abbandonare questa pratica."

(S. Luigi M. Grignion de Montfort)





















La preghiera ufficiale della GMG Rio 2013

Padre, hai inviato il Tuo Figlio Eterno per salvare il mondo e hai scelto uomini e donne affinché, per Lui, con Lui e in Lui, proclamassero la Buona Novella a tutti i popoli.
 
Concedi le grazie necessarie perché risplenda sul volto di tutti i giovani la gioia di essere, mediante la forza dello Spirito, gli evangelizzatori di cui la Chiesa ha bisogno nel Terzo Millennio.

Cristo, Redentore dell’umanità, la Tua immagine con le braccia
 aperte sulla cima del Corcovado accoglie tutte le persone. Nella Tua offerta pasquale, ci hai condotto mediante lo Spirito Santo all’incontro filiale con il Padre. I giovani, che si nutrono dell’Eucaristia, Ti ascoltano nella Parola e Ti incontrano nel fratello, hanno bisogno della Tua infinita misericordia per percorrere le strade del mondo come discepoli-missionari della nuova evangelizzazione.

Spirito Santo, Amore del Padre e del Figlio, con lo splendore della Tua Verità e con il fuoco del Tuo Amore, effondi la Tua Luce su tutti i giovani affinché, spinti dalla Giornata Mondiale della Gioventù, portino nei quattro angoli della terra la fede, la speranza e la carità, diventando grandi costruttori della cultura della vita e della pace e protagonisti di un mondo nuovo.

Amen!

sabato 20 luglio 2013

Diletta Madre – San Luigi Maria Grignion da Monfort


O Maria, la luce della tua fede diradi le tenebre del mio spirito; la tua profonda umiltà si sostituisca al mio orgoglio; la tua sublime contemplazione ponga freno alle mie distrazioni; la tua visione ininterrotta di Dio riempia la mia mente della sua presenza; l’incendio di carità del tuo cuore dilati e infiammi il mio, così tiepido e freddo; le tue virtù prendano il posto dei miei peccati; i tuoi meriti siano il mio ornamento presso il Signore.

Infine, carissima e diletta Madre, fà, se è possibile, che io non abbia altro spirito che il tuo per conoscere Gesù Cristo e i suoi voleri; che io non abbia altra anima che la tua per lodare e glorificare il Signore; che io non abbia altro cuore che il tuo per amare Dio, con puro e ardente amore come te.
Amen

Maria viene a vivere nell’anima

"Un’infinità di ottimi effetti produce nell’anima questa devozione fedelmente praticata [darsi interamente a Maria e per mezzo di lei a Gesù].

Il principale tra essi è che Maria viene a vivere nell’anima in modo che non è più l’anima che vive, ma è Maria che vive in essa e che viene a essere, per cosi dire, l’anima della stessa anima.

E quale meraviglia non opera Maria quando per una grazia veramente ineffabile viene ad essere Regina di un’anima?

È l’operatrice delle grandi meraviglie e lavora soprattutto nei cuori, e molte volte all’insaputa dell’anima stessa, poiché se questa si accorgesse di quanto avvie­ne in lei si esporrebbe al pericolo di perdere, a causa della vanità, questa sua bellezza.

Maria è la Vergine feconda, in tutte le anime in cui va a vivere fa germogliare la purezza di cuore e di corpo, la rettitudine delle intenzioni e abbondanti opere buone.

Non credere che Maria, la più feconda delle pure creature che giunse al punto di pro­durre un Dio, rimanga inoperosa in un’anima fedele.

Sarà proprio ella che farà vivere l’anima incessantemente per Gesù Cristo, e farà vivere Gesù nell’anima:

“Figlioli miei, che io di nuovo partorisco, finché non sia formato Cristo in voi” (cf Gal 2,20).

Come nel venire al mondo Gesù volle essere frutto di Maria, cosi lo è egualmente per ciascuna anima; e in quelle in cui Maria può abitare più liberamente si vede meglio come è suo frutto e capolavoro. (…)

Essendo Dio venuto al mondo, la prima volta, nell’umiltà e nel nascondimento per mezzo di Maria, non si potrebbe affermare che per mezzo di Maria verrà anche la seconda volta per regnare in tutti, come attende la Chiesa, e per giudicare i vivi e i morti?

Nessuno sa come e quando avverrà; ma so che Dio, i cui disegni si innalzano sui nostri più che il cielo sulla terra, verrà nel tempo e nel modo meno sospettato dagli uomini, compresi i più versati e competenti in Sacra Scrittura, la quale in questo punto resta molto oscura.

Io però credo anche, che negli ultimi tempi, e forse più presto di quel che si pensa, Dio susciterà grandi uomini pieni dello Spirito Santo e dello spirito di Maria per mezzo dei quali questa divina Sovrana farà grandi meraviglie sulla terra, per distruggervi il peccato e stabili­re nel mondo corrotto il regno di Gesù Cristo suo Figlio."

(preghiera di San Luigi Maria Grignion da Monfort)


Da “La vera e perfetta devozione”, di San Luigi M. Grignion de Montfort (1673-1716), (nn. 55-59).



San Luigi Maria Grignion da Montfort Sacerdote
Montfor, Rennes, Francia, 1673 - St. Laurent-sur-Sèvre, Francia, 28 aprile 1716
Luigi Maria percorse le regioni occidentali della Francia predicando il mistero della Sapienza eterna, Cristo incarnato e crocifisso, e insegnando ad andare a Gesù per mezzo di Maria. 
Associò sacerdoti e fratelli alla propria attività apostolica, e scrisse le regole dei Missionari della Compagnia di Maria. Fu proclamato santo da Pio XII il 20 luglio 1947. 
Tra i suoi scritti si ricordano il "Trattato della vera devozione alla Santa Vergine" e "L'amore dell'eterna Sapienza". (Mess. Rom.) 


Poiché al momento della resa dei conti ti dovrai pentire di non avere impiegato bene questo tempo nel servizio di Dio, perché ora non lo ordini e non lo impieghi come vorresti aver fatto in punto di morte?

 - San Giovanni della Croce - 




"Chiediamo a Maria, di ottenerci il dono della fortezza in ogni vicenda della vita e nell’ora della morte". 

- Beato Giovanni Paolo II-



Ave Maria

E te ne vai, Maria, fra l’altra gente
che si raccoglie intorno al Tuo passare,
siepe di sguardi che non fanno male,
nella stagione di essere madre.

Sai che fra un’ora forse piangerai
poi la Tua mano nasconderà un sorriso:
gioia e dolore hanno il confine incerto,
nella stagione che illumina il viso.

Ave Maria, adesso che sei donna,
ave alle donne come Te, Maria,
femmine un giorno per un nuovo amore,
povero o ricco, umile o Messia.

Femmine un giorno e poi madri per sempre,
nella stagione che stagioni non sente.

(Fabrizio De André)