Visualizzazione post con etichetta Tertulliano. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Tertulliano. Mostra tutti i post

martedì 7 gennaio 2014

Tertulliano, De praescriptione haereticorum – cap. IX, X, XI

“Gesù Cristo ha stabilito una dottrina unica e certa, che tutte le nazioni devono credere; essa va cercata e creduta una volta che s’è trovata. Ma la ricerca di una dottrina unica e certa non può estendersi all’infinito; essa è necessaria finchè non si trova, ma quando s’è trovata deve essere creduta. Dopo non c’è altro da fare, tranne il saper custodire la fede. Se dunque tu sostieni che non c’è altro da credere ne consegue che non c’è altro da cercare….. 
La dottrina stabilita da Cristo è l’oggetto di ogni ricerca quando e finchè non si trova. Ma se tu credi, vuol dire che già l’hai trovata; infatti non ci avresti creduto se non l’avessi già trovata, e desideravi trovarla. 
Lo scopo della ricerca è il trovare  e lo scopo del trovare è il credere.
Col fatto di credere tu hai messo un termine ad ogni prolungamento di ricerca; il risultato della ricerca ti ha determinato questo limite, limite che fu già stabilito da Colui che non tollera che tu creda diversamente dalla regola che Egli stesso fissò, e quindi non vuole neppure che tu stia ancora a cercare… … se io ho creduto a quel che dovevo credere e ritengo d’altra parte che c’è qualche cos’altra da cercare, significa che ho ancora la speranza di trovare; come infatti potrei sperare di trovare ancora se non perché io che apparivo un credente in realtà non credevo, se pure non mi ero già allontanato dalla fede? … 
Lo dico una volta per sempre: cerca soltanto chi non ha o ha perduto qualche cosa (Luca 15, 8-9; 5, 9; 18, 3)… Chi cerca sempre perché non trova stia attento chè forse cerca dove non troverà mai; e chi picchia sempre perché non gli si apre stia attento chè forse picchia dove non c’è nessuno in casa, e chi chiede sempre perché non viene mai esaudito stia attento chè forse chiede ad un sordo”.


Tu sei la porta del diavolo, tu sei la profanatrice dell'albero della vita, tu sei stata la prima a violare la legge divina, tu sei colei che persuase Adamo, colui che il diavolo invece non riuscì a tentare. Tu che hai infranto l'immagine di Dio, l'uomo, con tanta facilità. Per causa tua esiste la morte, anche il Figlio di Dio ha dovuto morire. E tu hai in mente di adornarti con altro che non siano le tuniche che coprono la tua pelle?

Tu es diaboli janua, tu es arboris illius resignatrix, te es divinae legis deserti, tu es quae cum perusasisti, quem diabolus aggredi non valuit. Tu immagine Dei, nomine, tam facile elisisti: propter tuum meritum, id est mortem, etiam Filius Dei mori habuit; et adornari tibi in mente est super pelliceas tuas tunicas?



Uno su dieci ringrazia per ciò che Dio ci dà.
Ed è per questo motivo di ingratitudine verso Dio che siamo lebbrosi dentro .
Chiediamo oggi al Signore di Guarirci dalla Malattia dell'ingratitudine.


L'individualismo – l'abbiamo visto anche troppo – è soltanto un rifugio provvisorio; noi non siamo soli; non possiamo astrarci gli uni dagli altri, e, ben prima della suprema uguaglianza della morte, ci trasporta il medesimo destino. Dipende da noi soli il rendere questo comune destino favorevole o nefasto. Se non viviamo insieme, come gli organi di uno stesso corpo, appassiremo e imputridiremo insieme, come quelle foglie senza linfa, così indipendenti le une dalle altre, così individualiste, ma che il medesimo vento d'autunno strappa e rivoltola a suo piacere. 

- Gustave Thibon - 



Sii un perseguitato, ma non un persecutore. Sii un crocifisso, ma non un crocifissore. Sii un oltraggiato, ma non un offensore. Sii un calunniato, ma non un calunniatore. Come non può essere fermata una fonte ricca d’acqua con un pugno di polvere, così non può essere vinta la misericordia del Creatore dal male delle creature. 

- Isacco di Ninive - 



Preghiera della sera

Signore, le Tue parole e il Tuo esempio cambiano il cuore.
Accogli, alla fine di questo giorno,
il mio cuore e la mia mente increduli e testardi
di fronte alle difficoltà della vita.
Accogli il desiderio non realizzato di seguirTi.
Il Padre non lascia soli, Tu non mi hai lasciato solo.
Illumina con la Tua presenza le tenebre della fede!
Cambia il mio cuore di pietra in cuore di carne,
capace di amare come hai fatto Tu.
Amen.




domenica 18 marzo 2012

Preghiera dei coniugi – Tertulliano, alla moglie

Condividiamo la stessa speranza,
lo stesso ideale,
lo stesso modo di vivere,
lo stesso atteggiamento di servizio.

Ambedue fratelli e servi dello stesso Signore,
senza divisione nella carne e nello spirito,
insieme preghiamo,
insieme ci inginocchiamo
e insieme facciamo digiuno.

Istruiamoci l'un l'altro,
l'un l'altro esortiamoci,
sosteniamoci a vicenda.

Insieme stiamo nella santa assemblea,
insieme alla mensa del Signore,
insieme nella prova,
nella persecuzione, nella gioia.

Nulla nascondiamo l'un l'altro,
non ci evitiamo l'un l'altro,
l'un l'altro non siamo di peso.

Volentieri facciamo visita agli ammalati,
volentieri assistiamo i bisognosi,
senza malavoglia facciamo elemosina
senza fretta partecipiamo al sacrificio,
senza sosta assolviamo ogni giorno i nostri impegni.

Ignoriamo i segni di croce furtivi,
rendiamo grazie senza reticenze,
benediciamo senza vergogna nella voce.

Salmi e inni recitiamo
A voci alternate
Ed insieme gareggiamo
Nel cantare le lodi al nostro Dio.

Vedendo e sentendo questo,
Cristo gioisce e ci manda la sua pace.

Là dove sono i due sposi,
ivi è anche Cristo.

(Tertulliano)
 Happy Lovers, 1760-65
Jean-Honoré Fragonard (1732-1806)
Norton Simon Museum, Pasadena, California, USA
 Il matrimonio di chi è impegnato nella chiesa è, egli lo voglia o no, un focolare aperto: gli altri vi guardano dentro; la cosa migliore perciò è che il matrimonio sia inteso dai coniugi stessi come parte del loro apostolato. (Hans Urs von Balthasar)