Visualizzazione post con etichetta Peguy Charles. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Peguy Charles. Mostra tutti i post

venerdì 19 aprile 2019

Lo strazio di Maria - Charles Peguy

Da tre giorni piangeva. 
Piangeva, piangeva.
 
Come nessuna donna ha mai pianto.
 
Nessuna donna. 
Ecco cosa aveva reso a sua madre. 
Mai un ragazzo era costato tante lacrime a sua madre
Mai un ragazzo aveva fatto piangere tanto sua madre
Ecco cosa aveva reso a sua madre. 
Da quando aveva cominciato la sua missione. […]

Anche lei aveva salito il Calvario. 
Che è una montagna scoscesa. 
E non sentiva neanche i suoi piedi che la portavano. 
Non sentiva le gambe sotto di sé. 
Anche lei aveva salito il suo calvario. 
Anche lei era salita, salita. 
Nella ressa, un po' indietro. 
Salita al Golgotha. 
Sul Golgotha. 
Sulla cima. 
Fino alla cima. 

Dove egli era adesso crocifisso. 
Con le quattro membra inchiodate. 
Come un uccello notturno sulla porta d'un granaio. 
Lui, il Re di Luce. 
Nel luogo chiamato Golgotha. 
Cioè il posto del Cranio. 
Ecco cosa aveva fatto di sua madre. 
Materna. 
Una donna in lacrime. 
Una poveretta. 
Una poveretta di desolazione. 
Una poveretta nella desolazione. 
Una specie di mendicante di pietà. [...]

Quello che è strano è che tutti la rispettavano. 
La gente rispetta molto i genitori dei condannati. 
Dicevano addirittura: la povera donna. 
E intanto picchiavano suo figlio. 
Perché l'uomo è fatto così. 
L’uomo è cosiffatto. 
Gli uomini sono come sono e mai li si potrà cambiare. 
Lei non sapeva che al contrario 
lui era venuto a cambiare l'uomo. 

Che era venuto a cambiare il mondo. 
Seguiva, piangeva. 
Gli uomini sono così. 
Non li si cambierà. 
Non li si rifarà. 
Non li si rifarà mai. 
E lui era venuto per cambiarli. 
Per rifarli. 

Lei seguiva, piangeva. 
Tutti la rispettavano. 
Tutti la compiangevano. 
Si diceva la povera donna. 
Perché tutte quelle persone non erano forse cattive. 
Non erano cattive in fondo. 

Compivano le Scritture. 
Quello che è strano, è che tutti la rispettavano. 
Onoravano, rispettavano, ammiravano il suo dolore. 
Non l'allontanavano, non la respingevano che moderatamente. 
Con delle attenzioni particolari. 
Perché era la madre del condannato. 
Pensavano: è la famiglia del condannato. 
Lo dicevano anche a voce bassa. 
Se lo dicevano, tra di loro, 
Con una segreta ammirazione. 

E avevano ragione, era tutta la sua famiglia. 
La sua famiglia carnale e la sua famiglia eletta. 
La sua famiglia sulla terra e la sua famiglia nel cielo. 
Lei seguiva, piangeva. 
I suoi occhi erano così offuscati che la luce del giorno
non le sarebbe più parsa chiara. 
Mai più. [...]

Lei piangeva, piangeva, ne era diventata brutta. 
Lei, la più grande Beltà del mondo. 
La Rosa mistica. 
La Torre d'avorio. 
Turris ebumea. 
La Regina di beltà. 
In tre giorni era diventata spaventosa da vedere. 
La gente diceva che era invecchiata di dieci anni. 
Non se ne intendevano. Era invecchiata più di dieci anni. 

Lei sapeva, sentiva bene che era invecchiata più di dieci anni. 
Era invecchiata della sua vita. 
Che imbecilli. 
Di tutta la sua vita. 
Era invecchiata della sua vita intera 
e più che della sua vita, più di una vita. 
Perché era invecchiata di una eternità. 
Era invecchiata della sua eternità. 

Che è la prima eternità dopo l'eternità di Dio. 
Perché era invecchiata della sua eternità. 
Era diventata Regina. 
Era diventata la Regina dei Sette Dolori. [...]

Gli occhi le ardevano, le bruciavano. 
Mai si era pianto tanto. 
Eppure piangere le era di sollievo. 
La pelle le ardeva, le bruciava. 
E lui intanto sulla croce le Cinque Piaghe gli bruciavano. 
E lui aveva la febbre. 
E lei aveva la febbre. 
Ed era associata così alla sua Passione. [...]

Piangeva. Si scioglieva. Il suo cuore si scioglieva. 
Il suo corpo si scioglieva. 
Si scioglieva di bontà. 
Di carità. [...]
Non ce l'aveva più con nessuno. 
Si scioglieva in bontà. 
In carità. [...]
Era una disgrazia troppo grande. 
Il suo dolore era troppo grande. 
Era un dolore troppo grande. 
Non si può avercela col mondo per una disgrazia che oltrepassa il mondo. [...]

Fino a quel giorno era stata la Regina di Beltà. 
E non sarebbe più stata, non sarebbe più ridiventata 
La Regina di Bellezza che in cielo. 
Il giorno della sua morte e della sua assunzione. 
Dopo il giorno della sua morte e della sua assunzione. 
Eternamente. 
Ma oggi diveniva la Regina di Misericordia. 
Come sarà nei secoli dei secoli. […] 

Lei sapeva quanto soffriva. 
Lei sentiva bene quanto male aveva. 
Lei aveva male alla sua testa e al suo fianco e alle sue Quattro Piaghe. 
E lui in se stesso diceva: Ecco mia madre. 
Che cosa ne ho fatto. Ecco cosa ho fatto di mia madre. 
Quella povera vecchia. […] 

Le aveva fatto fare la sua via crucis, a sua madre. 
Da lontano, da vicino. 
Lei aveva seguito. 
Una via crucis molto più dolorosa della sua. 
Perché è molto più doloroso veder soffrire il proprio figlio. 
Che soffrire noi stessi. 
È molto più doloroso veder morire il proprio figlio. 
Che morire noi stessi. 

- Charles Péguy - 
da: I Misteri



La Madonna sviene dal Dolore dinanzi a quel corpo privo di luce e vita, mentre la disperazione percorre gli infiniti capelli della Maddalena. 

Da mezzogiorno alle tre del pomeriggio una terribile eclissi, accompagnata da un violento sisma, portò il Buio ed il Silenzio su tutta la terra. 



Guido Mazzoni detto il Paganino - 'Il Compianto' - 1492
Napoli - Chiesa di Sant'Anna dei Lombardi


Temete il Signore e rendetegli onore.
Il Signore è degno di ricevere la lode e l'onore.
Voi tutti che temete il Signore, lodatelo.
Ave, Maria, piena di grazia, il Signore è con te.
Lodatelo, cielo e terra. Lodate il Signore, o fiumi tutti.

Benedite il Signore, o figli di Dio.
Questo è il giorno fatto dal Signore,
esultiamo e rallegriamoci in esso.
Alleluia, alleluia, alleluia! Il Re di Israele.
Ogni vivente dia lode al Signore.

Lodate il Signore, perché è buono;
tutti voi che leggete queste parole,
benedite il Signore.
Benedite il Signore, o creature tutte.
Voi tutti, uccelli del cielo, lodate il Signore.
Servi tutti del Signore, lodate il Signore.
Giovani e fanciulle lodate il Signore.

Degno è l'Agnello che è stato immolato
di ricevere la lode, la gloria e l'onore.
Sia benedetta la santa Trinità e l'indivisa Unità.
Il San Michele arcangelo, difendici nel combattimento.





Silenzio e digiuno





mercoledì 22 novembre 2017

da: "Il denaro" - Charles Peguy

...Ai miei tempi tutti cantavano...
Nella maggior parte dei luoghi di lavoro
si cantava; oggi vi si sbuffa.
Direi quasi che allora
non si guadagnava praticamente nulla.
Non si ha l’idea di quanto i salari
fossero bassi.
Nondimeno tutti mangiavano.
Anche nelle case più umili
c’era una sorta di agiatezza
di cui si è perduto il ricordo.
Conti, non se ne facevano.
Perché c’era poco da contare.
Ma i figli potevano essere allevati.
E se ne tiravano su.
Era sconosciuta questa
odiosa forma di strangolamento
che oggi ci torce ogni anno di più.
Non si guadagnava; non si spendeva;
e tutti vivevano.
Ogni fatto era un avvenimento; consacrato.
Ogni cosa era una tradizione,
un insegnamento;
tutte le cose avevano
un loro rapporto interiore,
costituivano la più santa abitudine...

- Charles Peguy - 

da: "Il denaro"

Strade, angoli, piazze e quartieri... sono tanti i luoghi in cui uomini e donne, senza nome, muoiono per indifferenza o solitudine.
Non esistono, Signore, samaritani che appaiono dal nulla. 
Non ci sono, Gesù, samaritani che arrivano da altri mondi.
Esistiamo noi, con le nostre scelte, E ci sei tu con la tua audace proposta:
«Vai e anche tu fai ciò che ho fatto io. 
Vai e tendi la mano a chi è povero. Vai e sorridi a chi è solo. 
Vai e apri il tuo cuore a chi è triste. 
Vai e abbraccia chi è caduto e sanguina».
Signore Gesù, rendi vera la nostra fede, insegna al nostro cuore ad amare veramente, aiuta le nostre gambe e le nostre mani ad andare verso gli altri, perché il mondo possa scoprire, e sentire il tuo amore, nel nostro credere, amando. Amen. 


sr Mariangela frp Tassielli, Paoline



La preghiera di chi non ha più niente

Signore, non ho più niente
eppure ho tutto, perché ho Te.
Non ho cibo a sufficienza,
ma mi basta quello che ricevo dalla gente
o che guadagno con il mio onesto lavoro.
Non ho casa, ove riposare,
ma mi contento del cielo
sotto il quale riposo ogni tanto,
memore della tua esperienza,
di un Dio che non ha neppure
una pietra ove poggiare il suo capo stanco.
Non ho denaro che mi possa aiutare a vivere con dignità
ma accolgo, con sofferenza, l'elemosina di tanta gente.
Quanto é difficile Signore essere povero oggi come allora,
ma nessuno di noi ha scelto di esserlo di propria volontà.
Tu sai la sofferenza di quanti non hanno nulla
nel nostro tempo affamato di guadagni e di posizioni sempre più agiate.
Non Ti chiedo di rimuovere solo la mia povertà,
ma la povertà di tanti popoli oppressi a causa dell'ingiustizia
e della cattiva gestione delle risorse della Terra.
Fa, o Dio della Provvidenza, che nessun bambino
sia più povero su questa Terra,
che nessun ammalato sia abbandonato a se stesso
senza alcuna assistenza e sicurezza,
che nessun anziano vengano lasciato nella solitudine
senza il conforto di qualcuno,
che nessun giovane abbia a soffrire a causa
del cattivo esempio degli adulti,
che in tutte le famiglie e su tutte le mense del mondo
arrivi quotidianamente quel pane di ogni genere
che ti chiediamo ogni giorno per noi e per tutti
con la stessa preghiera che ci hai insegnato Tu.
Amen.


Buona giornata a tutti. :-)





domenica 27 agosto 2017

Domenica senza scuse

Una domenica, alla porta della chiesa, fu appeso questo cartello:

"Per consentire a tutti di venire in chiesa domenica prossima, abbiamo organizzato una speciale domenica "senza scuse".

Saranno sistemati dei letti in sacrestia per tutti quelli che dicono: “La domenica è l’unico giorno della settimana in cui posso dormire”.

Sarà allestita una speciale sezione di morbide poltrone per coloro che trovano troppo scomodi i banchi. Un collirio sarà offerto a quelli che hanno gli occhi troppo affaticati dalla nottata alla tv.

Un elmetto d’acciaio temprato sarà regalato a tutti coloro che dicono: “Se vado in chiesa potrebbe cadermi il tetto in testa”. 

Morbide coperte saranno fornite a quelli che dicono che la chiesa è troppo fredda e ventilatori a quelli che dicono che è troppo calda.

Saranno disponibili cartelle segnapunti per coloro che vogliono fare la classifica delle persone “che vanno sempre in chiesa ma sono peggio degli altri”.

Parenti e amici saranno chiamati in soccorso delle signore che non possono, contemporaneamente, andare in chiesa e preparare il pranzo.

Verranno distribuiti dei distintivi con la scritta: “Ho già dato” a tutti coloro che sono preoccupati per la questua.

In una navata saranno piantati alberi e fiori per quelli che cercano Dio solo nella natura.

Dottori e infermieri si dedicheranno alle persone che si ammalano sempre e solo di domenica. Forniremo apparecchi acustici a quelli che non riescono a sentire la predica e tappi per le orecchie per quelli che ci riescono.

La chiesa sarà addobbata contemporaneamente con le stelle di Natale e i gigli di Pasqua per quelli che l’hanno sempre e solo vista così.”


Sarà bellissimo la domenica, vivere la Messa tutti insieme, vi aspettiamo!!




Oggi vegliare con Gesù è diventata una specie di condanna ai lavori forzati. Dio ci dona l’eternità. 
Noi gli diamo qualche minuto, a malincuore.



Siamo gli ultimi. 
Subito dopo di noi comincia un’altra età, un altro mondo, il mondo di coloro che non credono più a niente e se ne vantano. 
Subito dopo di noi comincia il mondo che noi abbiamo chiamato e continueremo a chiamare il mondo moderno. 
Il mondo che fa il furbo. 
Il mondo delle persone intelligenti; progredite, scaltrite, delle persone che la sanno lunga… il mondo di quelli che non hanno più niente da imparare. 
Di quelli che fanno i furbi… il mondo di quelli che non hanno una mistica…
La medesima sterilità inaridisce la città e la cristianità. 
La città degli uomini e la città di Dio. 
E questa è la sterilità moderna.

- Charles Peguy -

giovedì 17 agosto 2017

La sciabola e l'aratro ...... - Charles Péguy

“Non occorre che un acciarino per bruciare una fattoria. 
Occorrono, sono occorsi degli anni per costruirla. 
Non è difficile; non ci vuole molto. 
Ci vogliono mesi e mesi, c’è voluto lavoro e ancora lavoro per far crescere una messe. 
E non ci vuole che un acciarino per dar fuoco ad una messe. 
Ci vogliono anni e anni per far crescere un uomo, c’è voluto pane ed ancora pane per nutrirlo, e lavoro e lavoro e lavori e lavori di ogni  genere. 
E basta un colpo per uccidere un uomo. 
Un colpo di sciabola e la cosa è fatta. 
Per fare un buon cristiano occorre che l’aratro abbia lavorato per venti anni. Per disfare un cristiano occorre che la sciabola lavori un minuto. 
E’ nel genere dell’aratro lavorare per vent’anni. 
E’ nel genere della sciabola lavorare un minuto; e di fare di più, di essere la più forte. 
Di farla finita. Allora noi saremo sempre i meno forti. 
Andremo sempre meno veloci, ne faremo sempre di meno. 
Loro sono il partito di quelli che demoliscono. 
Noi siamo il partito di quelli che costruiscono.”

- Charles Péguy -
Da "Il mistero della carità di Giovanna d’Arco"  



L’acciarino può distruggere la fattoria. La sciabola può uccidere l’uomo. 
Ma nessuno dei due può distruggere la memoria. 
L’esempio, il messaggio che c’era rimane ed anzi paradossalmente acquista maggiore forza.
Come la volpe che guardando l’ondeggiare delle spighe di grano dorate mosse dal vento, aveva memoria del suo amico, il piccolo principe dai capelli biondi.
La forza della memoria supera il tempo e lo spazio, rimane impressa nel cuore e rilancia la vita nel paradosso della morte.

- Charles Péguy -
Da "Il mistero della carità di Giovanna d’Arco"  



    
“Ci vogliono anni ed anni per costruire un buon cristiano…pane e pane, e lavoro e lavori…” un lavoro attento e paziente come quello del contadino che getta il seme ed attende il tempo della raccolta, che cura la terra ed aspetta “il miracolo”, senza fretta, con pazienza, animati dalla Speranza cristiana che è la certezza della vittoria della Vita sulla morte.




«Era stato un buon operaio
Un buon carpentiere.
Come era stato un buon figlio.
Un buon figlio per sua madre Maria.
      Un bambino molto buono.
molto docile.
Molto sottomesso.
Molto obbediente a suo padre e a sua madre.
Un bambino.
Come tutti i genitori vorrebbero averne.
Un buon figlio per suo padre Giuseppe.
Per il suo padre putativo Giuseppe.
   Il vecchio carpentiere
   Il maestro carpentiere.
Come era stato un buon figlio anche per suo padre.
Per il suo padre che sei nei cieli.
Come era stato un buon compagno per i suoi piccoli compagni.
Un buon compagno di scuola.
Un buon compagno di giochi.
Un buon camerata di gioco.
Un buon camerata d’officina.
Un buon camerata carpentiere.
Tra tutti gli altri camerati.
Carpentieri.
Come era stato un buon povero.
Come era stato un buon cittadino.
Era stato un buon figlio per suo padre e sua madre.
Fino al giorno in cui aveva cominciato la sua missione.
La sua predicazione.
Un buon figlio per sua madre Maria,
Fino al giorno in cui aveva cominciato la sua missione
Un buon figlio per suo padre Giuseppe.
Fino al giorno in cui aveva cominciato la sua missione.
Insomma tutto era andato bene.
Fino al giorno in cui aveva cominciato la sua missione.
Era generalmente amato.
Tutti gli volevano bene.
Fino al giorno in cui aveva cominciato la sua missione.
I camerati, gli amici, i compagni, le autorità,
I cittadini,
Il padre e la madre
Trovavano che andava tutto bene.
Fino al giorno in cui aveva cominciato la sua missione
I camerati trovavano che era un buon camerata.
Gli amici un buon amico.
I compagni un buon compagno.
Alla mano.
I cittadini trovavano che era un buon cittadino.
Gli eguali un buon eguale.
Fino al giorno in cui aveva cominciato la sua missione.
I  I cittadini trovavano che era un buon cittadino.
Fino al giorno in cui aveva cominciato la sua missione.
Fino al giorno in cui s’era rivelato come un altro cittadino.
Come il fondatore, come il cittadino di un’altra città.
Perché era della Città celeste.
E della Città eterna.
Le autorità trovavano che andava tutto bene.
Fino ai giorno in cui aveva cominciato la sua missione.
Le autorità trovavano che era un uomo d’ordine.
Un giovane posato.
Un giovane tranquillo.
Un giovane ordinato.
Comodo da governare.
E che dava a Cesare ciò che è di Cesare.
Fino al giorno in cui aveva cominciato il disordine.
Introdotto il disordine,
Il più grande disordine che ci sia stato nel mondo.
Che ci sia mai stato nel mondo
Il più grande ordine che ci sia stato nel mondo.
Il solo ordine.
Che ci sia mai stato nel mondo.
Fino al giorno in cui si era disturbato.
E disturbandosi aveva disturbato il mondo.
Fino al giorno in cui si rivelò
   Il solo Governo del mondo.
   Il Padrone del mondo.
   Il solo Padrone del mondo.
E in cui apparve a tutti.
In cui gli eguali videro bene.
Che egli non aveva nessun eguale.
Allora il mondo cominciò a trovare che egli era troppo grande.
E a dargli noie.
E fino al giorno in cui incominciò a rendere a Dio quello che è di Dio».


- Charles Péguy -




Buona giornata a tutti. :-)