Visualizzazione post con etichetta Georges Simenon. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Georges Simenon. Mostra tutti i post

venerdì 20 febbraio 2015

"A domani" - Blaga Dimitrova

- A domani! – dici tu e già te ne vai.
Con sguardo impaurito io t’accompagno.
A domani?… Ma domani è immensamente lontano.
Davvero tante ore fra noi si porranno?

Fino a domani per me sarà ignota
l’ombra mutevole della tua fronte,
il discorso ardente e pulsante della mano,
dei tuoi pensieri il fluire segreto.

Prima di domani, se vorrai bere, non potrò
essere la tua fonte. Se il freddo
ti avvolge – non sarò il tuo fuoco.
Se hai timore del buio – la tua luce.

- A domani! – tu dici e parti
e non senti nemmeno che non hai risposta.
- Al giorno estremo! – mi aspettavo dicessi
e rimanessi con me fino al giorno estremo.

- Blaga Dimitrova -


La schiena è la parte che non puoi vederti, quella che lasci agli altri. Sulla schiena pesano i pensieri, le spalle che hai voltato quando hai deciso di andare.

- Margaret Mazzantini -



Se qualcuno mi chiedesse oggi da che si riconosce l'amore, se dovessi dare una diagnosi dell'amore, direi: "Il bisogno di presenza, anzitutto".
Intendo proprio un bisogno, necessario, assoluto e vitale come un bisogno fisico.
"Poi la smania di spiegarsi".
La smania di spiegare noi stessi e l'altro, perchè siamo così estasiati.
Così consapevoli di essere di fronte a un miracolo, abbiamo tanta paura di perdere quella cosa in cui non avevamo mai sperato, che il destino non ci doveva, che forse ci è stata donata per caso, da sentire continuamente il bisogno di rassicurarci e, per rassicurarci, di capire.

- Georges Simenon -
da "Lettera al mio giudice"






La maggior parte delle persone non sa amare né lasciarsi amare, perché è vigliacca o superba, perché teme il fallimento. Si vergogna a concedersi a un’altra persona, e ancor più ad aprirsi davanti a lei, poiché teme di svelare il proprio segreto. Il triste segreto di ogni essere umano: un gran bisogno di tenerezza, senza la quale non si può resistere. 

- Sándor Márai -






Buona giornata a tutti. :-)