Visualizzazione post con etichetta Wilfrid Stinissen. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Wilfrid Stinissen. Mostra tutti i post

sabato 21 luglio 2012

La pace del cuore - Wilfrid Stinissen

Non c’è abbandono senza la pace del cuore.
Abbandonare allo spirito divino tutti noi stessi, tutto quel che siamo e quel che facciamo, è possibile soltanto se si è sulla sua stessa lunghezza d’onda, il che vuol dire se si è in pace, perché il nostro è un Dio di pace (cf. 1Cor 14,33).

Quando l’anima è inquieta e il cuore agitato, non filtriamo più i suggerimenti dello Spirito divino. 
«La regola d’oro della vita interiore – scrive il de Caussade – è la pace del cuore.
Bisogna proteggerla con la massima cura ed ogni volta che la si sente minacciata abbandonare qualsiasi altra cosa per tentare di reinstaurarla, proprio come quando scoppia un incendio e si pensa solo a correre a spegnere il fuoco.
Satana usa ogni sua astuzia per privarci della pace.
Mille pretesti sono buoni, persino quelli dettati da una falsa pietà: l’urgenza di esaminare la propria coscienza, di pentirsi dei peccati, di rendersi conto che si abusa della grazia divina, che non si progredisce nel santo viaggio per cui Dio finirà con l’abbandonarci, e altri cento imbrogli che ben pochi riuscirebbero a districare.
Per i maestri della vita interiore, che sanno distinguere la bianca farina di Dio dalla crusca del diavolo, le aspirazioni divine sono sempre miti e pacifiche e generano umiltà e fiducia, le altre invece si distinguono per la violenza, l’agitazione e il frastuono, fanno cadere nello scoraggiamento, portano all'incredulità, alla presunzione, all’insolenza e all’ostinazione.

Allontaniamo quindi sempre da noi quel che non è impregnato di pace, sottomissione, docilità e fiducia, quel che non è dotato di tutti quegli aspetti che sono contrassegnati dal sigillo divino».

Per conservare ed aumentare la pace interiore ci sarà di aiuto compiere le nostre azioni in maniera rilassata, con calma, senza mai perdere il dominio di noi stessi. La tensione sta spesso ad indicare il predominio dell’ego.
Dio non è mai stato un fautore di tensioni.
Ciascuno di noi ha un suo ritmo che va rispettato, quando lo si violenta, senza che sia strettamente necessario, ci si allontana da Dio.

Se non siamo in armonia con noi stessi non possiamo esserlo con Dio.

La calma, il silenzio, la distensione non solo sono benefici al fisico e alla mente, ma producono una maggiore apertura a Dio, ed incarnano in noi la sua pace, che come scrive san Paolo deve «regnare» nel cuori (Col 3,15).

(Wilfrid Stinissen)
Fonte : da “Padre nelle tue mani”




Forse l’uomo d’oggi non percepisce la bellezza, la grandezza e la consolazione profonda contenute nella parola «padre» con cui possiamo rivolgerci a Dio nella preghiera, perché la figura paterna spesso oggi non è sufficientemente presente, anche spesso non è sufficientemente positiva nella vita quotidiana. 
(Papa Benedetto XVI - Udienza Generale 23 maggio 2012)