Visualizzazione post con etichetta Rowling Joanne Kathleen. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Rowling Joanne Kathleen. Mostra tutti i post

lunedì 12 agosto 2013

Grassa.... - Joanne Kathleen Rowling

Grassa.. di solito è il primo insulto che una ragazza rivolge a un’altra quando vuole ferirla; ricordavo di averlo visto succedere sia quando andavo a scuola sia tra le adolescenti.
Così ho ricordato com’è strano e malsano l’insulto grassa.
.. Voglio dire, grassa è davvero la cosa peggiore che possa essere una persona..?
Essere grassi è peggio che essere vendicativi.. gelosi.. superficiali.. vanitosi.. noiosi.. o crudeli...?
No, per me no... ma del resto, che ne so io delle pressioni sociali sulla magrezza?
Vengono indicati come esempi da imitare quelle celebrità le cui più grandi imprese sono unghie perfettamente smaltate, le cui uniche aspirazioni sembrano essere farsi fotografare con nove vestiti diversi in una sola giornata, la cui unica funzione nel mondo sembra essere il sostegno del commercio di borse dal prezzo esorbitante e di cagnolini grossi come ratti. Forse tutto questo sembra comico o di poca importanza, ma non è così.
Si tratta di quello che le ragazze vogliono essere, di quello che suggeriscono loro di essere e di come si sentono per essere come sono ed in un mondo ossessionato dalla magrezza mi preoccupa, perché non voglio ci siano cloni emaciati con l’ossessione di se stesse e con la testa vuota.
Vorrei ragazze indipendenti... interessanti... idealistiche... gentili... caparbie... originali... divertenti...
C’è un migliaio di cose, prima di “magre”.

(Joanne Kathleen Rowling)


Il paradiso non dovrebbe essere qualcosa di remoto, posto altrove, perso da qualche parte nell'ignoto; il paradiso dovrebbe dispiegarsi via via lungo tutto il cammino. (Osho)


Dipinto: (Botero)

“È bella” mormorò Winston.
“Ha i fianchi larghi almeno un metro” disse Julia. 
“ È il suo modo di essere bella”


- George Orwell - 1984




Viviamo in un mondo dove tutti si accorgono che sei dimagrito o ingrassato, e non che sei triste.