Visualizzazione post con etichetta Jong Erica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Jong Erica. Mostra tutti i post

venerdì 11 gennaio 2013

Bestia, corpo, libro - Erica Jong

Ero stufa d’esser donna,
stufa del dolore,
dell’irrilevante dettaglio del sesso,
la mia concavità
inutilmente affamata
e più vuota ogni volta che era piena,
e riempita infine
del suo stesso vuoto,
cercando il giardino della solitudine
anziché gli uomini.

Il letto bianco
nel verde giardino -

Desideravo
dormire sola
così come altri
desiderano un amore.
Persino quando sei arrivato tu
ho cercato di mandarti
via con la mia tristezza,
le mie ciniche seduzioni,
ed il mio trucco di
trasformare lo schiavo
in padrone.

E tutto perché
tu mi facevi
dolere le punte delle dita,
ed incrociare gli occhi
in una passione
che non sapeva nemmeno il proprio nome.

Orso, bestia, amante
del libro del mio corpo,
mi hai voltato le pagine
e scoperto
ciò che restava
da scrivere
sull’altro lato.

Ed ora
sono bianca
per te,
una tabula rasa
pronta ad esser stampata
con lettere
di una lingua sconosciuta
dalla gran rotativa
del nostro amore.

(Erica Jong)

Stella Sidi
Besus stregato

Ti cerco (Ishak Alioui)
Ti cerco ogni secondo
dentro alle imperfezioni dei muri
dentro alle strade chiassose
tra le mille immagini che i tuoi occhi
disegnano dinnanzi a me
in quel preciso attimo chiamato orgasmo
quando ti sfido ad amarmi a più non posso
quando io scherzo e tu mi prendi sul serio
poi capita che non ti penso per ore,
giorni, mesi e anni
cambio le carte in tavola
sfidando ogni giorno la vita
e come per magia appari tu
ricordandomi che non sono altro
che un mucchio
di carne, sangue e ossa.


La gente crede di sapere che cosa sia l'amore: non lo sa! E il loro malinteso rispetto all'amore crea gelosia. Con "amore" la gente intende un certo tipo di monopolio, una sorta di possessività, ma non comprende un semplice fatto della vita: nel momento in cui possiedi qualcuno, un essere vivente, lo hai ucciso! La vita non può essere posseduta. Non la puoi trattenere in un pugno: se la vuoi avere, devi tenere aperte le tue mani.
- Osho - 



“Prendimi. Con le mie lune storte, le mie giornate no, i miei sorrisi e i miei occhi allegri. Anche se non sono un bell’ affare. Tu prendimi.”



Buona giornata a tutti. :-)