martedì 26 febbraio 2013

La favoletta di Don Camillo - Giovannino Guareschi

Don Camillo raccontò questa favoletta: «Un feroce lupo pieno di fame girava per la campagna e arrivò a un gran prato recinto da una altissima rete metallica. 
Dentro pascolavano tranquille le pecorelle. 
Il lupo girò tutt’attorno per vedere se qualche maglia si fosse allentata nella rete, ma non trovò buchi. 
Scavò con le zampe per fare un buco nella terra e passar sotto la rete, ma ogni fatica fu vana. 
Tentò di saltare la siepe, ma non riusciva neppure ad arrivare a metà. 
Allora si presentò alla porta del recinto e gridò: “Pace! Siamo tutti creature di Dio e dobbiamo vivere secondo le sue leggi!”. 
Le pecorelle si appressarono e allora il lupo disse con voce ispirata: “Viva la legalità! Finisca il regno della violenza! Facciamo una tregua!”. “Bene!”, risposero le pecorelle. “Facciamo una tregua!”. 
Il lupo si accucciò davanti alla porta del recinto e passava il tempo cantando. Ogni tanto si levava e andava a brucare l’erba ai piedi della rete metallica. “Uh! Guarda, guarda!”, si stupirono le pecore. “Mangia l’erba anche lui, come noi! Non ci avevano mai detto che i lupi mangiano l’erba!…”. “Io non sono un lupo!”, rispose il lupo. “Io sono una pecora come voi. Una pecora di un’altra razza”. 
Poi spiegò che le pecore di tutte le razze avrebbero dovuto fare causa comune. “Perché”, disse alla fine, “non fondiamo un Fronte Pecorale Democratico? ("Fronte popolare democratico" era il nome dell'alleanza politico-elettorale ).
Io ci sto volentieri e non pretendo nessun posto di comando. 
È ora che ci uniamo contro chi ci tosa, ci ruba il latte e ci manda al macello!”. “Parla bene!”, osservarono alcune pecore. “Bisogna fare causa comune!”. 
E aderirono al Fronte Pecorale Democratico e, un bel giorno, aprirono le porte. 
Il lupo, diventato capo del piccolo gregge, cominciò, in nome dell’Idea, la epurazione di tutte le pecore antidemocratiche e le prime furono quelle che gli avevano aperto la porta. 
Alla fine l’opera di epurazione terminò, e quando non rimase più neppure una pecora il lupo esclamò trionfante: “Ecco finalmente il popolo tutto unito e concorde! 
Andiamo a democratizzare un altro gregge!”»

(Giovannino Guareschi), 
Fonte: da “Don Camillo e il suo gregge”




‎" ...Cattolici che su divorzio, fecondazione artificiale , matrimoni gay, testamento biologico , eutanasia, educazione, concezione dello stato, esprimono pacatamente un pensiero non cattolico. 
Un 8 settembre dottrinale e culturale che produce, inevitabilmente, cumuli di macerie nell'azione politica di tutti i giorni. 
Ma il politico similcattolico non demorde. 

Egli sa che nell'accampamento dei credenti ancora tanta brava gente si aggira ignara, pronta a farsi sbranare il suo voto in serena letizia."


( Alessandro Gnocchi- Mario Palmaro in " Cattivi maestri. Inchiesta sui nemici della verità")



"La Madonna, negli ultimi tempi, ha chiesto di pregare molto per i Pastori. 
A mio parere, la Madonna ha fatto ciò, perchè è in atto, da parte del potere mediatico massonico mondiale, un grande attacco alla Chiesa. 
Dopo la caduta dell'impero sovietico, infatti, è cominciata la globalizzazione atea, materialistica, massonica, anticristiana.
E' l'ideologia dell' elite finanziaria e politica, che ha in mano tutto e, purtroppo, traduce i suoi progetti in leggi dello Stato (aborto, matrimoni gay, eutanasia ecc)".

(Padre Livio Fanzaga - Catechesi del 22 Febbraio 2013)



"Non abbiate paura di apparire diversi e di venire criticati per ciò che può sembrare perdente o fuori moda: coloro che sembrano più lontani dalla mentalità e dai valori del Vangelo, hanno un profondo bisogno di vedere qualcuno che osi vivere secondo la pienezza di umanità manifestata da Gesù Cristo."

- Papa Benedetto XVI -








‎‎" Tommaso Moro non ricevette mai questo decalogo similcattolico, ed essendo rimasto fermo al decalogo vero, e alla dottrina della Chiesa sul primato di Pietro e sulla indissolubilità del matrimonio, alla fine si rifiutò di mettere la famosa firmetta. Risultato: venne decapitato, e la sua testa venne esposta per un mese sul London Bridge, come monito per tutti coloro che avessero voluto seguirne l'ostinazione papista.

Ironia della storia, il comportamento di questo cattolico è stato eretto a simbolo di come un figlio della Chiesa si debba comportare di fronte all'ingiustizia del potere civile. Tommaso Moro è stato fatto santo. E Giovanni Paolo II, con una buona dose di ottimismo e insieme di ironia, lo ha anche nominato patrono dei politici."

( Alessandro Gnocchi- Mario Palmaro in " Cattivi maestri. Inchiesta sui nemici della verità.")







Nessun commento: