sabato 19 aprile 2014

Donna non piangere - don Luigi Giussani

Quella sera Gesù fu interrotto, fermato nel suo cammino al villaggio cui era destinato, cui si era destinato, perché c’era un pianto altissimo di donna, con un grido di dolore che percuoteva il cuore di tutti i presenti, ma che percuoteva, che ha percosso innanzitutto il cuore di Cristo.
«Donna, non piangere!». Mai vista, mai conosciuta prima.
«Donna, non piangere!». Che sostegno poteva avere quella donna che ascoltava la parola che Gesù diceva a lei?
«Donna, non piangere!»: quando si rientra in casa, quando si va sul tram, quando si sale sul treno, quando si vede la coda delle automobili per le strade, quando si pensa a tutta la farragine di cose che interessano la vita di milioni e milioni di uomini, centinaia di milioni di uomini… 

Come è decisivo lo sguardo che un bambino o un grande «grande» avrebbero portato a quell’uomo, che veniva in capo a un gruppetto di amici e non aveva mai visto quella donna, ma si è fermato quando il suono, il riverbero del pianto è giunto fino a Lui! «Donna, non piangere!», come se nessuno la conoscesse, come se nessuno la riconoscesse più intensamente, più totalmente, più decisivamente di Lui!
«Donna, non piangere!». Quando vediamo – come vi ho detto prima – tutto il movimento del mondo, nel cui fiume, nei cui ruscelli tutti gli uomini si rendono presenti alla vita, rendono presente la vita a sé, l’incognita della fine non è altro che l’incognita del come si è giunti a questa novità, quella novità che fa trovare un uomo, fa incontrare un uomo mai visto che, di fronte al dolore della donna che vede per la prima volta, le dice: «Donna, non piangere!». «Donna, non piangere!».
«Donna, non piangere!»: questo è il cuore con cui noi siamo messi davanti allo sguardo e davanti alla tristezza, davanti al dolore di tutta la gente con cui entriamo in rapporto, per la strada o nel viaggio, nei nostri viaggi.
«Donna, non piangere!». Che cosa inimmaginabile è che Dio – “Dio”, Colui che fa tutto il mondo in questo momento –, vedendo e ascoltando l’uomo, possa dire: «Uomo, non piangere!», «Tu, non piangere!», «Non piangere, perché non è per la morte, ma per la vita che ti ho fatto! Io ti ho messo al mondo e ti ho messo in una compagnia grande di gente!».
Uomo, donna, ragazzo, ragazza, tu, voi, non piangete! 

Non piangete! C’è uno sguardo e un cuore che vi penetra fino nel midollo delle ossa e vi ama fin nel vostro destino, uno sguardo e un cuore che nessuno può fuorviare, nessuno può rendere incapace di dire quel che pensa e quel che sente, nessuno può rendere impotente!
«Gloria Dei vivens homo». La gloria di Dio, la grandezza di Colui che fa le stelle del cielo, che mette nel mare goccia a goccia tutto l’azzurro che lo definisce, è l’uomo che vive.
Non c’è nulla che possa sospendere quell’impeto immediato di amore, di attaccamento, di stima, di speranza. Perché è diventato speranza per ognuno che Lo ha visto, che ha sentito: «Donna, non piangere!», che ha udito Gesù dir così: «Donna, non piangere!».
Non c’è nulla che possa fermare la sicurezza di un destino misterioso e buono!
Noi siamo insieme dicendoci: «Tu, non t’ho mai visto, non so chi sei: non piangere!». Perché il pianto è il tuo destino, sembra essere il tuo destino inevitabile: «Uomo, non piangere!».
«Gloria Dei vivens homo»: la gloria di Dio – quella per cui sorregge il mondo, l’universo – è l’uomo che vive, ogni uomo che vive: l’uomo che vive, la donna che piange, la donna che sorride, il bambino, la donna che muore madre.
«Gloria Dei vivens homo». Noi vogliamo questo e nient’altro che questo, che la gloria di Dio sia palesata a tutto il mondo e tocchi tutti gli ambiti della terra: le foglie, tutte le foglie dei fiori e tutti i cuori degli uomini.
Non ci siamo mai visti, ma questo è ciò che vediamo tra noi, ciò che sentiamo tra noi.
Ciao! 

Luigi Giussani, 2002
Tracce



"La prima conseguenza del metodo da Dio operato per entrare nel mondo è l'esaltazione, il riconoscimento infinitamente esaltante il valore di ogni cosa, di qualunque dimensione sia, anche un pulviscolo. 

Per cui, siccome sul bicchiere lasciato lì in una notte ci stanno centinaia, centinaia, centinaia di pulviscoli, pensate che dignità ha adesso lavarlo e pulirlo: è la dignità dell'istante."


- Luigi Giussani -


Pablo Picasso, Il bicchiere, 1911

«Che cosa è l’uomo perché te ne ricordi,
il figlio dell’uomo perché te ne curi?». (Sal 8,5).
 
Nessuna domanda mi ha mai colpito, nella vita,
 
così come questa.
 
C’è stato solo un Uomo al mondo
 
che mi poteva rispondere,
 
ponendo una nuova domanda:
 
«Qual vantaggio avrà l’uomo
 
se guadagnerà il mondo intero
 
e poi perderà se stesso? 
O che cosa l’uomo potrà dare
in cambio di sé?» (Mt 16,26).

Nessuna domanda mi sono sentito rivolgere così, 
che mi abbia lasciato il fiato mozzato, 
come questa di Cristo!


 Roma, Piazza San Pietro, Pentecoste, 30 maggio 1998.
Testimonianza di don Luigi Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione


Gesù, credo fermamente che Tu sai tutto,
puoi tutto e vuoi per tutti il nostro maggior bene.
Ora Ti prego, avvicinati a questo mio fratello 
che si trova nel disagio e nella sofferenza.
Io ti seguo in adorazione col cuore e con il mio Angelo custode.
Poni la Tua SS.ma mano sul suo capo,
fagli sentire i battiti del Tuo Cuore,
fagli sperimentare il Tuo ineffabile Amore,
rivelagli che il Tuo Padre Divino è anche Padre suo
e che tutti e due lo avete amato da sempre e gli siete sempre stati vicini,
anche quando lui non vi pensava e non vi amava quanto doveva.
Gesù, assicuragli che non c'è nulla da temere,
e che ogni problema e angustia
si possono risolvere col vostro aiuto onnipotente
e col vostro insondabile Amore.
Gesù, abbraccialo, confortalo, liberalo, guariscilo,
specialmente in quella zona e da quel male,
da quella sofferenza di cui soffre.
Amen.



Tratto dal libro “Figli e figlie amati dal Padre” di Blanca Ruiz e Alicia Echeverri C. – La preghiera della notte – per casi impossibili-Edizioni S. Michele