Visualizzazione post con etichetta magia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta magia. Mostra tutti i post

lunedì 8 aprile 2013

Riflessione su "I pensieri cattivi" - Don Vincenzo Carone

I pensieri cattivi vengono sollecitati da satana il quale richiama alla tua memoria e alla tua fantasia persone ed esperienze della tua vita sia presente che passata.

Devi formarti una volontà decisa ad ubbidire soltanto alla parola di Dio e non alle proposte di satana. 

Nell´urto, con la tua volontà, ferma le sollecitazioni di satana che si infrangono come l´onda contro gli scogli. 

Appena cominci ad indugiare la tua volontà perde forza per cui emergono le passioni le quali in breve tempo ti mettono nella condizione di non poter resistere.

I pensieri si eliminano dopo che tu li hai frantumati mediante il rifiuto energico della tua decisione di ubbidire alla parola di Dio.

Non lo sforzo psichico, bensì le parola di Dio deve essere la forza di repulsione: Dio dice, Dio vuole e lo voglio anch´io, praticamente quando viene la tentazione ti trovi di fronte e due proposte, la parola di satana e la parola di Dio, quello che scegli avrai, Dio ti dà la forza di ubbidire, satana ti dà la forza della malizia per peccare.

Frantumare i pensieri cattivi significa che tu non li riconosci come tuoi.

L´esercizio della frantumazione elimina col tempo il ricordo della vita passata oppure l´interesse di qualcosa che ti attrae.

Crea in me un cuore puro o Signore.

Il cuore è il tuo modo di pensare, l´insieme della convinzioni che ti sei formato.

La volontà indecisa, le molteplici intemperanze, la pigrizia nella preghiera e nella meditazione, la perdita della dimensione salvifica dell´Eucarestia, e le confessioni non fatte o fatte male sono l´acido che corrode i tuoi pensieri, per cui diventi presuntuoso perché attribuisci a Dio decisioni che non coincidono con la sua Legge, Dio fará o non fará questo, Dio sa che io amo vivere in questa situazione o cose del genere.

Oltre alla presunzione l´imprudenza con cui entri volontariamente nel vivo della tentazione, quando poi insorge il rimorso di coscienza la tristezza e la vergogna, invece di cadere in ginocchio e chiedere perdono ti lasci prendere dallo scoraggiamento oppure frequenti gruppi che organizzano degli incontri religiosi capaci di suscitare emozioni forti che ti fanno perdere il senso dei tuoi peccati.

Questa fragilità costante indebolisce la tua volontà, annulla i propositi e dà tristezza al cuore.

La tristezza è il segno che satana ti ha vinto e ti tiene sotto il suo potere.

La preghiera cerca l`aiuto, l`impegno della volontà lo trova e la fuga delle occasioni lo custodisce.

La fede garantisce l`aiuto, la speranza lo attende e la carità lo mette in opera.
Non fermarti dinanzi a qualche vittoria, potresti ricadere.
Lotta per vincere definitivamente le tentazioni."

(Don Vincenzo Carone)



«Chi sei tu?» chiesi una volta a un diavolo che possedeva una giovane donna. La costringeva a mangiare, mangiare e ancora mangiare. Ingoiava chili di pane e pizza ogni giorno. Ma non era mai sazia. E soprattutto non ingrassava. Era magra e fragile come un fuscello. Ma ingorda come una bestia feroce che non mangia da giorni. Le portavano intere teglie di pizza che sparivano dentro la sua bocca con una velocità incredibile. Vederla mangiare era uno spettacolo tremendo, terribile.

«Chi sei tu, dimmelo nel nome di Cristo!»

«Io sono Dio.»

«Non mentire! Dio è uno solo. E tu lo conosci bene.»

«No, io sono Dio. Io sono colui che il mondo adora. Il tuo Dio non è Dio e presto non esisterà più.»

«Taci mentitore. Dio è il Signore del cielo e della terra e tu a lui devi restare assoggettato.»

«Tu non sai niente, prete. Guardati intorno. È pieno di miei discepoli. Chi sono io per loro? Sono Dio.»

«Tu puoi dire ciò che vuoi. Ma Dio è uno solo. E nel suo nome ti ordino di andartene da questa donna. Di lasciarla libera. Vattene Satana.»

«Io non me ne vado. E anche se me ne vado resto. Resto in altri corpi. Rimango in altre vite. Il mondo è mio e sarà mio per sempre.»

«Il mondo è di Dio. E sempre stato suo. E tu sei destinato soltanto a soccombere.»

«Io non soccomberò. Presto un mio Figlio verrà adorato da tutti. Lo chiameranno Dio»..."
(Padre Gabriele Amorth, L'ultimo esorcista, Edizioni Piemme, 2012)






Chi pratica la magia agisce in intima collaborazione con Satana che ha tentato il primo uomo, Adamo, e oggi si serve dei maghi per continuare a tentare gli uomini, facendo loro gustare falsi miraggi.




"Senza la religione l’umanità si troverebbe oggi ancora allo stato di barbarie.
E’ stata la religione che ha permesso all’umanità di progredire in tutti i campi."

- Albert Einstein -



Un antico mosaico che mi ha fatto trasalire: è il mosaico del Giudizio Universale di Torcello (Venezia): Satana ha in grembo l’Anticristo, rappresentato come un bambino, anzi, come Gesù Bambino!


Nella foto Fra Modestino, l'erede di Padre Pio.

Fra Modestino diceva spesso:
"Quando ci si trova in tentazione:
più il demonio di tenta, più devi pregare.
Pregando lui rimane scornato e tu acquisti meriti.
Così lui per non farti acquisire meriti, non ti tenterà più!".