Visualizzazione post con etichetta Rabi'a al-Adawiyya. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Rabi'a al-Adawiyya. Mostra tutti i post

sabato 30 luglio 2011

Due generi di amore – Rabi’a al-Adawiyya

Ti amo di due amori: un amore di desiderio
e un amore perché tu sei degno di essere amato.

L'amore di desiderio è che nel ricordo di te
io mi distolga da chi è altro da te.

L'amore di cui tu sei degno
è che tu tolga i veli perché io ti veda.

Non lode a me né nell'uno né nell'altro,
ma lode a te in questo come in quell' amore!

(Rabi’a al-Adawiyya)
Fonte: I detti di Rabi’a, Milano 1979, p. 33.



"I Detti di Rabi'a",  tradotti per la prima volta in Occidente negli anni '70, sono uno dei grandi testi mistici dell'Islam. Rabi'a, nata in Iraq nel secolo VIII,  fu, secondo una tradizione, venduta schiava e resa poi alla libertà dal suo padrone, che un giorno la sorprese sprofondata nella preghiera e tutta avvolta di luce. Secondo altri, fu per qualche tempo suonatrice di flauti, quindi peccatrice pubblica. Dopo l'Illuminazione, visse in assoluta povertà chiedendo soltanto "un atomo di povertà di spirito", mentre irraggiava la sapienza delle sue brevi, spesso aspre paradossali, estreme sentenze, che si tramandarono poi nei secoli. Morì in grande vecchiaia, "ridotta come un piccolo otre consunto che sta per afflosciarsi".