Visualizzazione post con etichetta Korczack Janusz. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Korczack Janusz. Mostra tutti i post

martedì 7 febbraio 2012

Per te – Janusz Korczack

Troppo occupato
nel pensare al tuo lavoro
per dirmi qualcosa
al mattino
mentre consumi un caffè
tra uno sbadiglio e una camicia slacciata.

Troppo occupato
durante il giorno
per un affare da concludere
per affacciarti al telefono
e dirmi "ciao".

Troppo occupato
dalla tua immagine impenetrabile
per dirmi qualcosa
di fresco, di vivo, di vero,
solo per qualche istante.

Troppo occupato
ad aggiornare le tue pubbliche relazioni
ad informarti,
il televisore, i giornali, le borse, le quotazioni...
lo sento...
ti sfugge il business
sei infuriato!

Ti ho aspettato
tutto il giorno...
lo so sono un po' egoista...ma...
chissà se hai pensato anche a me?

Al tuo rientro
non mi hai rivolto la parola
ho rispettato
il tuo desiderio di silenzio
poi sfinito
ti sei addormentato.

Non ti sei accorto ...
Ed allora io...
ho accompagnato il tuo sonno
con una preghiera
il mio amore per te,
sperando
che domani tu possa dedicarmi
un poco del tuo tempo.

La sola parola
a quest'ora attardata per un bimbo
che oso sussurrarti
in punta di piedi é...:
"ti amo tanto papà".
 

( Janusz Korczack)
(luglio 1878- agosto 1942)
  Pediatra, pedagogo, scrittore, poeta, libero pensatore. Grande scrittore per i diritti del bambino. Nato da famiglia ebrea (il vero nome era Henryk Goldzmit). Ucciso nel campo di sterminio di Treblinka nel 1942 assieme a duecento bambini ospiti della Casa dell’ Orfano da lui fondata 30 prima e della quale era il direttore. 
 

Il nonno mi insegna a nuotare.
Sono un pesciolino


lunedì 2 gennaio 2012

Dite – Janusz Korczack

Dite:
è faticoso frequentare bambini.

Avete ragione.

Poi aggiungete:
bisogna mettersi al loro livello,
abbassarsi,inclinarsi,curvarsi,farsi piccoli.

Ora avete torto.

Non è questo che più stanca.

E' piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi
fino all'altezza dei loro sentimenti.

Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi.

Per non ferirli.

(Janusz Korczack)

Janusz Korczak (luglio 1878- agosto 1942). Pediatra, pedagogo, scrittore, poeta, libero pensatore. Grande scrittore per i diritti del bambino. Nato da famiglia ebrea  (il vero nome era Henryk Goldzmit). Ucciso  nel campo di sterminio di Treblinka nel 1942 assieme a duecento bambini ospiti della  Casa dell’ Orfano da lui fondata  30 prima e della quale era il direttore.