Visualizzazione post con etichetta Hillesum Esther. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Hillesum Esther. Mostra tutti i post

domenica 27 gennaio 2013

Mio Dio, prendimi per mano - Hetty Hillesum











" Dio, nel tuo mondo si soffre molto e in maniera atroce; a volte lo avverto, almeno in parte, sulla mia stessa pelle. E anche per questo sono prima di tutto grata che una lontana eco risuoni anche in me e che io possa in questo modo capire e sentire l'umanità sempre meglio "(Hetty Hillesum)


Mio Dio, prendimi per mano, 
ti seguirò,
non farò troppa resistenza.

Non mi sottrarrò a nessuna delle cose
che mi verranno addosso in questa vita,
cercherò di accettare tutto
e nel modo migliore.
Ma concedimi di tanto in tanto
un breve momento di pace.

Non penserò più nella mia ingenuità,
che un simile momento
debba durare in eterno,
saprò anche accettare
l'irrequietezza e la lotta.

Il calore e la sicurezza mi piacciono,
ma non mi ribellerò se mi toccherà
stare al freddo purché
tu mi tenga per mano.

Andrò dappertutto allora,
e cercherò di non aver paura.
E dovunque mi troverò,
io cercherò
d'irraggiare un po' di quell'amore,
di quel vero amore per gli uomini
che mi porto dentro.



(Hetty Hillesum)

http://leggoerifletto.blogspot.it/2011/05/dal-diario-di-etty-esther-hillesum.html



"E un bel giorno dirò forse a Ilse Blumenthal:" Sì, la vita è bella, la lodo alla fine di ogni giorno, eppure so che figli di madri, e lei è una madre, sono trucidati nei campi di concentramento. 
E il dolore di tutto ciò bisogna saperlo sopportare; anche se ti lasci devastare, dovrai rialzarti un giorno, perchè un essere umano è tanto forte, perchè il dolore deve diventare una parte di te, una parte del tuo corpo e della tua anima, non devi fuggirlo ma sopportarlo come una persona adulta"



"Devi seguire i percorsi che la vita delinea davanti a te in questo momento, le difficili vie di questo pezzo di storia in cui oggi ci ritroviamo a vivere. Devi continuare a vedere la tua vita in una cornice più grande".
- Hetty Hillesum - 


" L'amicizia non è qualcosa che c'è così per caso: ogni volta deve sorgere qualcosa di nuovo dai molti momenti e umori della giornata e ci dev'essere sempre un elemento di festa in questo rapporto "
- Hetty Hillesum -




" Negli ultimi tempi mi è successo un paio di volte, in un momento, per strada, o in qualunque altro posto, di dovermi fermare senza respiro e chiedermi: è questa davvero la mia vita? Così piena, ricca, intensa e così bella? (..) è in questione l'intero senso della vita, la sempre crescente intensità della vita interiore". (Hetty Hillesum)



- Padre, ho tanta paura delle prove dolorose... dei castighi!

“Devi sapere, che il Padre castiga i figli che ama. Conosci il proverbio: "mazze e pannelli fanno i figli belli?" (cioè mazzate e digiuni sono castighi che educano i figli al bene). 
Dio castiga perchè ci ama, prova il nostro amore e la nostra fedeltà per renderci degni del suo amore e del Paradiso. 

- Padre Pio da Pietrelcina -










































"E' quasi mezzanotte e vado a dormire. Sì, è stato molto bello. E alla fine di ogni giorno sento bisogno di dire: la vita è davvero bella. Davvero mi sto facendo una mia opinione su questa vita (..) E adesso davvero buonanotte." (Etty Hillesum)




sabato 7 maggio 2011

Dal Diario di Etty (Esther) Hillesum

«  Sabato sera, mezzanotte e mezzo
[...] Per umiliare qualcuno si deve essere in due: colui che umilia, e colui che è umiliato e soprattutto: che si lascia umiliare. Se manca il secondo, e cioè se la parte passiva è immune da ogni umiliazione, questa evapora nell’aria. Restano solo delle disposizioni fastidiose che interferiscono nella vita di tutti i giorni, ma nessuna umiliazione e oppressione angosciose.
Si deve insegnarlo agli ebrei.
Stamattina pedalavo lungo lo Stadionkade e mi godevo l’ampio cielo ai margini della città, respiravo la fresca aria non razionata. Dappertutto c’erano cartelli che ci vietano le strade per la campagna. Ma sopra quell’unico pezzo di strada che ci rimane c’è pur sempre il cielo, tutto quanto.
Non possono farci niente, non possono veramente farci niente.
Possono renderci la vita un po’ spiacevole, possono privarci di qualche bene materiale o di un po’ di libertà di movimento, ma siamo noi stessi a privarci delle nostre forze migliori con il nostro atteggiamento sbagliato: con il nostro sentirci perseguitati, umiliati e oppressi, con il nostro odio e con la millanteria che maschera paura. Certo ogni tanto si può esser tristi e abbattuti per quel che ci fanno, è umano e comprensibile che sia così. E tuttavia: siamo soprattutto noi stessi a derubarci da soli.
Trovo bella la vita, e mi sento libera.
I cieli si stendono dentro di me come sopra di me. Credo in Dio e negli uomini e oso dirlo senza falso pudore.
La vita è difficile, ma non è grave.
Dobbiamo prendere sul serio il nostro lato serio, il resto verrà allora da sé: e “lavorare sé stessi” non è proprio una forma di d’individualismo malaticcio.
Una pace futura potrà esser veramente tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in sé stesso – se ogni uomo si sarà liberato dall’odio contro il prossimo, di qualunque razza o popolo, se avrà superato quest’odio e l’avrà trasformato in qualcosa di diverso, forse alla lunga in amore se non è chiedere troppo. E’ l’unica soluzione possibile.
E così potrei continuare per pagine e pagine. Quel pezzetto d’eternità che ci portiamo dentro può esser espresso in una parola come in dieci volumi.
Sono una persona felice e lodo questa vita, la lodo proprio, nell’anno del Signore 1942, l’ennesimo anno di guerra. »

(Etty (Esther) Hillesum)

Fonte: Diario, pagine 126-127, scritte il 29 giugno 1942, in piena occupazione dell'Olanda


Etty (Esther) Hillesum
(Middelburg, 15 gennaio 1914 – Auschwitz, 30 novembre 1943)

Scrisse Il Diario ad Amsterdam, tra il 1941 e il 1943. Non lo sapeva, ma sarebbe stato  il diario degli ultimi due anni della sua vita. Etty fu una donna intelligente, brillante e ricca di interessi. Nel 1942, lavorando come dattilografa presso una sezione del Consiglio Ebraico, ebbe anche la possibilità di salvarsi, ma decise, forte delle sue convinzioni umane e religiose, di condividere la sorte del suo popolo. Etty, i genitori e i fratelli Mischa e Jaap, furono internati tutti nel campo olandese di "transito” di Westerbork, dove fù impiegata come assistente sociale. Il 7 settembre 1943 tutta la famiglia, tranne Jaap, fu deportata nel campo di sterminio di Auschwitz dove, due mesi dopo, trovò la morte insieme a i genitori e al fratello Mischa. L’ altro fratello, Jaap, invece perse la vita a Lubben in Germania il 17 aprile 1945 durante il viaggio di ritorno a casa, in Olanda. Il Diario venne pubblicato solo nel 1981.