mercoledì 22 luglio 2015

Preghiera per gli anziani - Sant'Efrem il Siro

Signore Gesù Cristo,
che hai potere sulla vita e sulla morte,
tu conosci ciò che è segreto e nascosto,
i pensieri e i sentimenti non ti sono velati.
Guarisci i miei raggiri e il male fatto nella mia vita.
Ecco, la mia vita declina di giorno in giorno,
ma i miei peccati crescono.
Signore, Dio delle anime e dei corpi,
tu conosci l'estrema fragilità della mia anima e del mio corpo,
concedimi forza nella mia debolezza,
sostienimi nella mia miseria.
Dammi un animo grato:
che mi ricordi sempre dei tuoi benefici,
non ricordare i miei numerosi peccati,
perdona tutti i miei tradimenti.
Signore, non disdegnare questa preghiera,
la preghiera di questo misero.
Conservami la tua grazia fino alla fine,
custodiscimi come per il passato. Amen.

Diacono e dottore della Chiesa
Nisibis 306 – Edessa 9 giugno 373
Efrem il Siro nato a Nisibis nel 306, morto a Edessa il 9 giugno 373, autore di inni in lingua siriaca, visse buona parte della vita nella città natale ma fu esiliato ad Edessa nel 373 dove morì. 
Viene venerato come santo dai cristiani del mondo intero, ma in particolare dalla Chiesa Siro ortodossa di Antiochia e dalla Chiesa cattolica Sira.
Venne riconosciuto come dottore della chiesa cattolica nel 1920 da papa Benedetto XV nella sua enciclica  "Principi Apostolorum" del 5 ottobre.



Acquista cosa nella tua gioventù che ristori il danno della tua vecchiezza. 
E se tu intendi la vecchiezza aver per suo cibo la sapienza, adoprati in tal modo in gioventù, che a tal vecchiezza non manchi il nutrimento. 

- Leonardo da Vinci -




«A una data età nessuno di noi è quello a cui madre natura lo destinava; ci si ritrova con un carattere curvo come la pianta che avrebbe voluto seguire la direzione che segnalava la radice, ma che deviò per farsi strada attraverso pietre che le chiudevano il passaggio».

Italo Svevo
da: “La coscienza di Zeno”




«Più invecchio anch’io, più mi accorgo che l’infanzia e la vecchiaia non solo si ricongiungono, ma sono i due stati più profondi in cui ci è dato vivere. 
In essi si rivela la vera essenza di un individuo, prima o dopo gli sforzi, le aspirazioni, le ambizioni della vita. [...] 
Gli occhi del fanciullo e quelli del vecchio guardano con il tranquillo candore di chi non è ancora entrato nel ballo mascherato oppure ne è già uscito. 
E tutto l’intervallo sembra un vano tumulto, un’agitazione a vuoto, un inutile caos per il quale ci si chiede perché si è dovuto passare».


- Marguerite Yourcenar -
da:  “Archivi del Nord”


Buona giornata a tutti. :-)



Nessun commento: