mercoledì 11 febbraio 2015

Le etichette che ci portiamo addosso – Padre Anthony De Mello

L’importante non è sapere chi o cosa sia “l’io”. Non ci riuscirete mai.
Non esistono parole che possano esprimerlo. L’importante è dimenticare le etichette.
Come dicono i maestri giapponesi dello Zen: “Non cercate la verità; abbandonate i vostri giudizi”.
Abbandonate le vostre teorie; non cercate la verità. La verità non è una cosa da cercare. Se smetteste di essere dogmatici, ve ne accorgereste. Qui accade qualcosa di simile. Se dimenticherete le vostre etichette, lo scoprirete.
Cosa intendo per etichette?
Ogni etichetta che vi venga in mente, eccetto forse quella di essere umano.
È vero: questa definizione non dice molto. Ma quando dite: “Sono una persona di successo” è una follia.
Il successo non è parte “dell’io”. Il successo è qualcosa che va e viene; oggi c’è domani potrebbe essere finito. Non è “l’io”. Quando si dice: “Sono uno di successo”, si è in errore: significa che si è precipitati nelle tenebre.
Ci si è identificati con il successo.
E lo stesso vale per chi ha detto: “Sono un fallimento, sono un avvocato, sono un uomo d’affari”.
Sapete cosa vi accadrà, se vi identificherete con queste cose? Vi abbarbicherete a esse, avrete paura che svaniscano, ed è qui che deriva la vostra sofferenza.
Intendevo proprio questo, quando vi ho detto, poco fa: “Se state soffrendo, siete addormentati”. 
Volete un segno evidente del fatto che siete addormentati?
Eccolo: state soffrendo.
La sofferenza vi viene data perché possiate capire che da qualche parte regna la falsità, proprio come un dolore fisico si fa sentire perché si capisca che da qualche parte c’è una malattia o un morbo.
La sofferenza indica che da qualche parte c’è del falso.
La sofferenza sorge quando ci si scontra con la realtà, quando la vostra falsità si scontra con la verità: allora scatta la sofferenza. Altrimenti, non c’è sofferenza.

- Padre Anthony De Mello - 
Tratto da: "Messaggio per un'aquila che si crede un pollo"




Per la strada vidi una ragazzina che tremava di freddo, aveva un vestitino leggero e ben poca speranza in un pasto decente. Mi arrabbiai e dissi a Dio: "Perché permetti questo? Perché non fai qualcosa?" Per un po' Dio non disse niente. Poi improvvisamente, quella notte rispose. "Certo che ho fatto qualcosa: Ho fatto te." 

(Padre Anthony de Mello)





Bussano nel cuore del cercatore

 ... e un cuore indomito. Il cercatore sentì bussare forte nel suo cuore. "Chi è?", chiese quello spaventato.
"Sono io, la Verità", fu la risposta. "Non essere ridicola", replicò il cercatore. "La Verità parla in silenzio". E questo, con grande sollievo dell'uomo, eliminò il rumore. Quello che lui non sapeva è che a produrre quei colpi erano i battiti del suo cuore pieno di paura.
La verità che ci fa liberi è quasi sempre la verità che non vorremo udire. Perciò quando affermiamo che una cosa non è vera, molto spesso ciò significa che non ci piace.
 
(Padre Anthony de Mello)

 



C’è una bella storiella che racconta di alcune persone a bordo di una zattera al largo della costa brasiliana, che stavano per morire di sete.
Non avevano idea che l’acqua su cui galleggiavano era dolce.
Il fiume si riversava in mare con una forza tale da coprire un paio di miglia, e quindi, nel punto in cui si trovavano, l’acqua era dolce. Solo che non lo sapevano.
Allo stesso modo, noi siamo circondati di gioia, di felicità, di amore.
La maggior parte della gente non ne ha la più pallida idea.
Il motivo? E’ stata sottoposta a un lavaggio del cervello.
Il motivo? E’ ipnotizzata, addormentata. 
(Padre Anthony de Mello)







Buona giornata a tutti. :-)





Nessun commento: