venerdì 23 gennaio 2015

Veleno gratuito - Simona Oberhammer

Certe volte le parole non sono buone, scorrono avvelenate, come sorsate amare che uccidono poco a poco.
Sono le parole che diciamo quando parliamo male degli altri, sono le parole che lanciamo come coltelli affilati quando siamo arrabbiate, sono le parole che bisbigliamo a noi stesse quando non ci piacciamo, soffocano l’autostima e imbavagliando anima.
È il veleno gratuito delle critiche senza una rielaborazione positiva, delle offese buttate sul tavolo con la mano che sbatte sopra, dei rancori sputati in faccia, dei torti prima ingoiati e poi vomitati. 
Non è facile, lo so.
Il veleno gratuito certe volte sembra la soluzione più facile. 
“E’ più forte di me“. “Evitare di criticare gli altri mi riesce difficile“. “Quando sbaglio non riesco a non darmi della stupida“. “Quando mi arrabbio perdo la pazienza, vado in escandescenza e dico di tutto“.
Ci vuole poco ad avvelenarsi la vita perché certe volte è più semplice usare le critiche al posto degli apprezzamenti, la discussione arrabbiata al posto di quella serena, oppure stare zitte per un bel po’ subendo i comportamenti degli altri e poi allagare tutto come un fiume in piena quando non ne possiamo più. È veleno sputato contro gli altri, è veleno iniettato a se stesse come una punizione da subire.
Ma c’è un antidoto: la connessione con la nostra anima.
Se alziamo gli occhi lei c’è sempre, vicina a noi. Ci guarda con amore anche mentre spargiamo veleno gratuito nella vita. E poi ci mostra un nuovo modo di fare, in sintonia con le sue parole…

- Simona Oberhammer -
da : La Via Femminile 
https://www.facebook.com/simonaoberhammer




Esistono donne che meriterebbero solo giornate di sole. 
E invece arrivano anche i giorni di pioggia, di malinconia.
In cui chiudono la loro porta al mondo 
e si lasciano avvolgere dal silenzio. 

Per ascoltarsi, per tornare a volersi bene,
a riassaporare le belle giornate di sole.
Per asciugarsi l'anima.
Perché a queste donne è sufficiente aspettarsi,
per vedersi ritornare…
A vedere l’arcobaleno dopo la pioggia.
A sorridere, a risplendere.

(©Agostino Degas) - Copyright©2014 - L. 633/1941





Le delusioni della vita sono proporzionate alla stima ed alla fiducia che riponevamo nelle persone che ci tradiscono. Le più grandi delusioni arrivano proprio dalle persone a noi più vicine, quelle che credevano più amiche o che amavamo.

Perché le delusioni più dolorose e più difficili da accettare non sono mai anonime. Hanno nome, cognome e indirizzo che conosciamo benissimo. 



“Mi dispiace che il mio atteggiamento venga scambiato per la mia personalità.
La mia personalità è quello che sono.
Il mio atteggiamento dipende da chi sei.”






Io non risolvo i miei problemi.
Correggo i miei pensieri.
E i miei problemi si risolvono da soli.





Buona giornata a tutti.  :-)












Nessun commento: