lunedì 17 novembre 2014

Il ricamo della vita

Per anni e anni Ghior girò il mondo alla ricerca di qualche risposta ai suoi affannosi "perché?".
Da piccolo aveva perso la mamma e il papà e aveva dovuto arrangiarsi per vivere, subendo ogni sorta di privazioni. La vita, tra imprevisti, delusioni e accidenti di ogni tipo, non gli aveva mai sorriso veramente.
Ora, stanco e arrabbiato, stava per abbandonarsi definitivamente allo sconforto, ma, prima di mollare la presa, decise di fare un ultimo viaggio per il mondo e, preparata alla buona una sacca con cibo e vestiti, s'incamminò alla ricerca di risposte.
Dopo molto tempo, una notte molto fredda, arrivò in un piccolo villaggio, poche tende di pastori, qualche fuoco e molte stelle. 

Entrò in una delle tende e vicino al fuoco vide addormentata una vecchia donna. Stava quasi per svegliarla e chiederle ospitalità, quando una mano gli sfiorò la spalla. Girandosi di scatto, si trovò davanti un giovane: era un guerriero che sottovoce, ma con tono imperioso, gli disse:
"Per la notte copriti con questa ! " e gli porse una coperta morbidissima, di lana pettinata, ricamata con colori accesi: nemmeno il tempo di ringraziare, ed era già sparito.
La luce tenue dell'alba svegliò Ghior, che ancora sotto la sua coperta, si sentì invadere come una piena dal peso dei suoi perché e dei suoi dubbi antichi.
La vecchia donna rientrando nella tenda con una brocca fumante di latte di capra e qualche focaccia gli disse:
" Figliolo, smetti di tormentarti per nulla "
rispose Ghior stupito e rattristato :
" Ma la mia sofferenza e le mie disgrazie sono nulla ? "
riprese la donna :
" Figliolo smetti di tormentarti. Ciò che ti ha tenuto caldo durante la notte è proprio la risposta che cerchi "
Ghior non capiva. Cos'era questa cosa che lo aveva tenuto caldo per tutta la notte...ed era anche la risposta ai suoi perché ?
Sfiorando il bordo della coperta, la morbidissima sensazione della lana si trasformò in una illuminazione, e si domandò :
"La coperta, la coperta mi ha tenuto caldo, la coperta ! Ma...come può essere la risposta ai perché complicati della mia vita ?"
Appoggiato il latte e le focacce per terra, la vecchia donna si chinò fino a sedersi al giaciglio di Ghior  mostrandogli un lato della coperta gli disse :
" Guarda figliolo cosa vedi ? "
rispose Ghior :
" Dei colori bellissimi, e disegni ancor più belli ricamati con perfezione mai vista " continuò la donna :
"Ora guarda l'altro lato: cosa vedi ? "
rispose ancora Ghior :
" Vedo il tipico aggrovigliarsi dei fili del ricamo, colori sovrapposti, confusione, nodi curati ma sempre nodi, e tagli di filo e colori, intrecci imprevisti, senza senso, disegni incomprensibili e brutti da vedere "
concluse la donna :
" Ecco figliolo, la vita, la tua vita è esattamente così: tu sei sotto il ricamo della vita, puoi vedere questa coperta solo da sotto; è la condizione umana. Nel frattempo, per te, su di te e dentro di te si ricamano dall'altro lato disegni e sfumature straordinarie e di una bellezza sconvolgente, e per questo ricamo a volte si rende necessario tagliare, fare nodi, correggere. 

Da qua sotto è ovvio che senza un po’ di fede  e fantasia vedi solo tagli, nodi e confusione, ma guarda un po' cosa sta realizzando Dio su di te...un disegno bellissimo ! "






"Cosa manca a questa giornata per essere perfetta?
Nulla caro amico …nulla!
Questa giornata ha tutto:
l'incantesimo dell' alba,
il risveglio della speranza,
un sorriso che ti attende,
un abbraccio che darai,
ed il cuore che saprà meravigliarsi ancora dinanzi a questo!
Oggi è una giornata perfetta per alzarsi e vivere"

- Shan Sa -




È la luce della consapevolezza che rende le cose preziose e straordinarie. 
E allora le piccole cose non sono più piccole. Quando un uomo, con attenzione, sensibilità e amore tocca un comune sassolino sulla spiaggia, quel sasso diventa un diamante. 

- Osho -



"Vivo di quel che oggi ho...per imparare a valorizzare quello che forse avrò domani.
Vivo l'oggi per non commettere errori pensando al futuro che forse non esisterà.
Vivo l'oggi senza guardare al mio passato che mi ha già fatto incontrare la luce sul mio cammino e non penso guardare indietro.
Guardo attraverso le mie paure chi mi sta di fronte.
Sento, vedo, ascolto ma non rischio…non perdo né vinco.
L'importante è esistere in un universo nel quale pongo i miei limiti, perché l'universo non ne ha e non ne impone. Vivo!"







Buona giornata a tutti :-)









Nessun commento: