martedì 12 agosto 2014

18 anni: che cosa fare della vita? – Teresa di Calcutta

 Da bambina, madre Teresa si chiamava Agnes Gonscha Boyaxhiu. 
Viveva a Skopje, la città che molti anni dopo sa­rebbe stata distrutta dal terremoto. Quando Agnes nacque (nel 1910) Skopje apparteneva all'Albania, poi diventò jugo­slava.
Mentre frequentava le scuole in città, Agnes cominciò a far parte di un gruppo giovanile molto impegnato. Assistente del gruppo era un giovane padre gesuita. Proprio in quegli anni, i gesuiti di Skopje aprirono una missione vicino a Cal­cutta. In patria arrivarono lettere drammatiche, che descrive­vano lo stato di estremo abbandono della gente.
A 12 anni, Agnes sentì leggere quelle lettere nel suo circolo, e cominciò a pensare: « Mi piacerebbe partire per la missione di Calcut­ta ». 
Era l'inizio, semplicissimo, di una vocazione.
1928. Agnes ha diciotto anni.
Ha pensato e ripensato a « che cosa fare » della sua vita. L'idea delle missioni è pene­trata in lei sempre più a fondo. 
Ha pregato, perché la sua non sia un'illusione. Ha domandato al suo confessore: « Co­me posso sapere se Dio mi chiama? ». 
Si è sentita risponde­re: « Attraverso la gioia. Se il pensiero di dedicare la vita a Lui e ai fratelli suscita gioia e pace, una gioia profonda e rasserenante, esistono valide ragioni per ritenere che Dio chiami. La gioia profonda ha funzione di bussola, anche se indicasse la rotta che appare più dura, più difficile ».
Il pensiero di essere missionaria suscita in lei proprio una gioia tranquilla e profonda. Ottiene il permesso di papà e mamma, e domanda di entrare tra le « Suore di Loreto », che hanno la casa madre in Irlanda e molte missioni in India.
Dopo una breve sosta nella « Loreto Abbey » di Rath- farnham, nelle vicinanze di Dublino, fu inviata a Dajeeling, in India.
Divenne insegnante alla « St. Mary High School » di Calcutta. La scuola sorgeva nel quartiere più elegante ed era frequentata dalle ragazze più facoltose della città. Per alcuni anni, suor Teresa fu anche direttrice della scuola.

Dio chiama una seconda volta

1943. In piena guerra mondiale, sul Bengala si abbatte una carestia disastrosa. Due milioni di persone muoiono di fa­me nelle campagne desolate da una siccità eccezionale. Il pen­siero di quelle vittime, e dei tanti che muoiono per le strade di Calcutta ogni giorno, comincia a tormentare suor Teresa. Le pare assurdo continuare a insegnare a un piccolo numero di privilegiati, mentre tanti suoi fratelli muoiono a pochi metri o a pochi chilometri di distanza, nel più completo abbandono. Anche se non si è mai limitata a insegnare superfici e montagne, ma ha cercato di sensibilizzare le sue alunne al grave problema dei poveri e degli emarginati, le pare che in questa circostanza tragica occorra fare qualcosa di più, impegnarsi personalmente.
Un giorno intuisce che questo sentimento potrebbe es­sere una seconda chiamata di Dio. Per esserne sicura, si rivol­ge alla superiora della sua congregazione, poi all'arcivescovo di Calcutta, mons. Perier.
Espone il progetto di lasciare il convento e di vivere tra i poveri.
Riceve un secco rifiuto. Non ne è irritata. 
(continua)


 Fonte: “Madre Teresa di Calcutta”, Teresio Bosco,pagg. 7 e 8 - Ed. Elledici 1991
ti possono interessare: 
pagg. 6 e 7 http://www.leggoerifletto.blogspot.it/2013/12/neonati-sui-sedili-rossi-madre-teresa.html


"Maria, madre di Gesù, dammi il tuo cuore, tanto bello, tanto puro, tanto immacolato, tanto pieno d'amore e d'umiltà, così che io possa.

"Ieri è trascorso. Domani deve ancora venire.
Noi abbiamo solo l’oggi.
Se aiutiamo i nostri figli
ad essere ciò che dovrebbero essere oggi,
avranno il coraggio necessario
per affrontare la vita con maggior amore."

- Madre Teresa di Calcutta -




"Dovreste conoscere ciò che vuole dire povertà, 
forse la nostra gente ha molti beni materiali, forse ha tutto, 
ma credo che se guardiamo nelle nostre case, 
vediamo quanto è difficile trovare un sorriso 
e il sorriso è il principio dell'amore."

Beata Madre Teresa di Calcutta



Preghiera per coloro che non sanno pregare


Signore,
aiuta gli uomini e le donne
che vorrebbero pregare,
ma non sanno farlo.
Accetta il loro desiderio di pregare
come una preghiera.
Ascolta il loro silenzio
e incontrali lì nel loro deserto.
Tu hai già guidato la gente
fuori dal deserto,
e hai mostrato loro la terra promessa.
Tu, Signore di tutto l'universo,
Re dei Re.
Amen.



Buona giornata a tutti :-)

Nessun commento: