giovedì 31 gennaio 2013

Don Bosco, preghiere d' intercessione

San Giovanni Bosco, 
nella tua vita hai tanto pregato e operato
per il bene della gioventù:
guarda ai pericoli e alle molte difficoltà
che ancora oggi stanno vivendo i nostri giovani
ed intercedi per loro presso il Padre 
affinché siano sempre custoditi nel Suo Amore
e camminino sulla via del vero bene.

Ti affidiamo anche tutte le nostre famiglie:
prega perché i coniugi riescano a superare
i momenti duri della prova
e perchè tutti i focolari cristiani diventino
sempre più l'immagine vivente
della Santa Famiglia.

San Giovanni Bosco, intercedi per noi.



Tu sei stato creato per amare Dio.
Puoi amare qualsiasi cosa della terra
ma sentirai sempre un vuoto nel tuo cuore
se non credi e ami Dio

– San Giovanni Bosco -




Preghiera a don Bosco per ottenere Grazie

O glorioso Santo,
voi vedete da quanti mali noi siamo afflitti ed oppressi;
è incerto l'oggi, più incerto il domani,
e il dolore è divenuto il compagno indivisibile
della nostra esistenza.
Deh, o San Giovanni Bosco, muovetevi a pietà della nostra
misera condizione!
Anche voi soffriste il disagio, la miseria, l'abbandono,
la calunnia, la persecuzione;
e fu l'esperienza del dolore che vi rese il conforto,
l'aiuto di quanti ricorsero a voi.
Ora che siete in Cielo, presso la Sorgente Eterna della carità,
voi sentite certamente più viva compassione per le nostre sventure,
ed io a voi fiducioso ricorro per ottenere la grazia di.... (esprimere...).
O glorioso Santo,
a voi nulla nega il Signore,
perchè tanto lavoraste in terra per la sua gloria e per il suo onore;
 intercedete per me,
impetratemi la grazia implorata se essa torna utile all'anima mia,
ed ottenetemi la conformità al divino volere e la perseveranza nel bene,
onde anch'io possa venire un giorno a lodare e ringraziare insieme con voi il Signore in Paradiso.
Così sia.




Non ho mai udito che uno,

in punto di morte,
sia stato contento del male che ha fatto .

(San Giovanni Bosco)


In caso di questioni sopra cosa materiali, 
accondiscendi in tutto quello che puoi anche con qualche danno, 
purchè si tenga lontano ogni pretesto di liti od altro 
che possa far perdere la carità.
(San Giovanni Bosco)



Quando ti è fatta qualche relazione,
ascolta tutto,
ma procura di rischiarare bene i fatti
e di ascoltare tutt'e due le parti prima di giudicare.

- don Bosco -




Chi dona un libro buono,
anche se avesse solo il merito di aver destato un pensiero di Dio,
ha già acquistato un merito incomparabile presso Dio.

- Don Giovanni Bosco -





Con le opere di carità 
ci chiudiamo le porte dell'inferno 
e ci apriamo il paradiso.
 - don Bosco -




Quella che santifica non è la sofferenza, ma la pazienza.

- San Giovanni Bosco -




Preghiera a San Giovanni Bosco

O San Giovanni Bosco, padre e maestro della gioventù, che tanto lavorasti per la salvezza delle anime, sii nostra guida nel cercare il bene delle anime nostre e la salvezza del prossimo; aiutaci a vincere le passioni e il rispetto umano; insegnaci ad amare Gesù Sacramentato, Maria Ausiliatrice e il Papa; e implora da Dio per noi una buona morte, affinché possiamo raggiungerti un giorno in Paradiso. Amen.

Padre nostro, Ave Maria, Gloria...

San Giovanni Bosco, prega per noi.

Fare il bene senza comparire.
La violetta sta nascosta ma si conosce e si trova grazie al suo profumo.

- Don Giovanni Bosco -



A ciascuno è affidato il compito di vegliare sulla solitudine dell'altro. 

- don Giovanni Bosco - 








mercoledì 30 gennaio 2013

Cos’è un ragazzo (1970)

I ragazzi ci arrivano in misure, pesi e colori assortiti.

Li troviamo dappertutto: sulla cima di... sotto a... dentro il... mentre si arrampicano su... dondolano da... corrono per... e saltano sopra...

Le madri li adorano, le bambine li odiano, le sorelle e i fratelli maggiori li tollerano, gli adulti li ignorano e... il Cielo li protegge.

Un ragazzo è la verità con la faccia sporca, la saggezza con i capelli arruffati, la speranza nell’avvenire con un ranocchio in tasca. 

Il ragazzo ha l’appetito di un cavallo, la digestione di un ingoiatore di spade, l’energia di una bomba atomica tascabile, la curiosità di un gatto, i polmoni di un dittatore, la fantasia di Giulio Verne, la timidezza della violetta, gli piacciono i gelati, le lime, il Natale, i giornali a fumetti, i boschi, l’acqua (nel suo ambiente naturale), i grossi animali, il babbo, i treni, la domenica mattina e i carri dei pompieri. 

Non vede di buon occhio il catechismo, le visite, la scuola, i giornali senza illustrazioni, le lezioni di piano, il barbiere, le bambine, le persone grandi, e il momento di coricarsi.

Un ragazzo è una creatura magica: potete chiuderlo fuori dal vostro studio, ma non dal cuore. 
Potete scacciarlo dalla vostra stanza ma non dalla vostra mente. 
Un terremoto in miniatura con la faccia lentigginosa...è il vostro padrone.

Ma quando tornate a casa la sera, recando con voi soltanto i brandelli delle vostre speranze e dei vostri sogni, lui può rimetterli a nuovo con due magiche parole: “Ciao papà”.





I giovani non sono vasi da riempire ma fiaccole da accendere"

Marco Fabio Quintiliano (35 ca – 95 ca d.C.)


Voglio vivere a tutto volume, Dio mio. Sognare in grande, avvicinarmi alla gente senza paura, donare senza pretendere nulla in cambio. A tutto volume, Dio mio, voglio vivere ogni giorno di questa mia vita. 



"Si ottiene di più con uno sguardo di bontà, con una parola animatrice, che riempe il cuore di confidenza, che non con molti richiami, che solo traggono inquietudini e ammazzano la spontaneità. 

- Don Bosco -


‎"Le radici sono importanti, nella vita di un uomo, 
ma noi uomini abbiamo le gambe, non le radici, 
e le gambe sono fatte per andare altrove"

(Pino Cacucci)








martedì 29 gennaio 2013

Il tuo cuore lo porto con me - Edward Estlin Cummings

Il tuo cuore lo porto con me
Lo porto nel mio
Non me ne divido mai.
Dove vado io, vieni anche tu, mia amata;
qualsiasi cosa sia fatta da me,
la fai anche tu, mia cara.
Non temo il fato
perché il mio fato sei tu, mia dolce.
Non voglio il mondo, perché il mio,
il più bello, il più vero sei tu.
tu sei quel che luna sempre fu
e quel che un sole sempre canterà sei tu
Questo è il nostro segreto profondo
radice di tutte le radici
germoglio di tutti i germogli
e cielo dei cieli
di un albero chiamato Vita,
che cresce più alto
di quanto l’anima spera,
e la mente nasconde.
Questa è la meraviglia che le stelle separa.
Il tuo cuore lo porto con me,
lo porto nel mio.

(Edward Estlin Cummings)



"Gli sposi ci tengono davvero che i loro figli nascano da genitori puri? 
Poniamo dentro di noi il senso che il corpo umano è chiamato alla resurrezione e che dovremmo preoccuparci di mantenere la sua dignità? 
Sapremo renderci conto che la sessualità umana è la prova di una fiducia, addirittura inaudibile, dimostrata da Dio all’uomo e alla donna e ci adoperiamo noi a non deludere questa fiducia? Abbiamo presente che ogni uomo è una persona e che non è lecito ridurre l’altro a un ruolo di oggetto, che si può guardare con concupiscenza, o che viene semplicemente usato? 
I fidanzati costruiscono la loro futura unione matrimoniale, nel modo in cui questo va fatto: cioè, iniziando a costruire l’unione di spirito? 
Lavorano gli sposi sull’approfondimento della loro unione matrimoniale - nonostante tutta la fatica, ed anche le oggettive difficoltà, che la vita porta con sé, nonostante le varie deficienze di cui tutti e due sono portatori? 
Ricordano essi che al momento del loro matrimonio davanti all'altare. il Cristo stesso si è impegnato ad essere sempre con loro, ad essere la loro luce e la loro forza? 
Ci tengono davvero gli sposi che questa presenza divina di Cristo colmi la loro vita matrimoniale e familiare? 
Davanti a Dio pongo queste domande a tutte le famiglie cattoliche, a tutti gli sposi, a tutti i genitori» 

- Beato Giovanni Paolo II -



L’amore porta alla luce 
le qualità elevate e nascoste di un amante, 
ciò che vi è in lui di raro ed eccezionale. 
Così trae in inganno su ciò che in lui 
rappresenta la norma.

- Friedrich Nietzsche - 






''Era troppo amore. Troppo grande, troppo complicato, troppo confuso, e azzardato e fecondo e doloroso. Era tutto quello che potevo dare, più di quanto mi convenisse.
Per questo si infranse.
Non si esaurì, non finì, non morì, semplicemente si infranse, crollò come una torre troppo alta, come una scommessa troppo alta, come un’aspettativa troppo ambiziosa.''

- “Troppo Amore” di Almudenas Grandes - 




L’amore non muore mai di morte naturale. 
Muore per abbandono, per negligenza, per cecità, per averlo dato per scontato. 
Per non essere stato coltivato. 
Le omissioni sono più letali degli errori consumati.

- Anais Nin -


Quando saremo due non avremo metà
saremo un due che non si può dividere con niente.
Quando saremo due, nessuno sarà uno,
uno sarà l’uguale di nessuno
e l’unità consisterà nel due.
Quando saremo due
cambierà nome pure l’universo
diventerà diverso.





lunedì 28 gennaio 2013

Preghiere di San Tommaso d’Aquino


Concedimi, o Dio misericordioso,
di desiderare con ardore ciò che tu approvi,
di ricercarlo con prudenza,
di riconoscerlo secondo verità,
di compierlo in modo perfetto, a lode e gloria del tuo nome.
Metti ordine nella mia vita,
fammi conoscere ciò che vuoi che io faccia,
concedimi di compierlo come si deve
e come è utile alla salvezza della mia anima.
Che io cammini verso di te, Signore,
seguendo una strada sicura, diritta, praticabile
e capace di condurre alla meta,
una strada che non si smarrisca fra il benessere o fra le difficoltà.
Che io ti renda grazie quando le cose vanno bene,
e nelle avversità conservi la pazienza,
senza esaltarmi nella prosperità
e senza abbattermi nei momenti più duri.
Che io mi stanchi di ogni gioia in cui tu non sei presente,
che non desideri nulla all'infuori di te.
Ogni lavoro da compiere per te mi sia gradito, Signore,
e insopportabile senza di te ogni riposo.
Donami di rivolgere spesso il mio cuore a te,
e quando cedo alla debolezza,
fa' che riconosca la mia colpa con dolore,
e col fermo proposito di correggermi.
Signore, mio Dio,
donami un cuore vigile, che nessun pensiero curioso trascini lontano da te;
un cuore nobile che nessun indegno attaccamento degradi;
un cuore retto che nessuna intenzione equivoca possa sviare;
un cuore fermo che resista ad ogni avversità;
un cuore libero che nessuna passione violenta possa soggiogare.
Concedimi, Signore mio Dio,
un'intelligenza che ti conosca,
uno zelo che ti cerchi,
una sapienza che ti trovi,
una vita che ti piaccia,
una perseveranza che ti attenda con fiducia,
e una fiducia che alla fine arrivi a possederti.

(S. Tommaso d'Aquino)
Questa è la differenza fra l'eternità e il tempo,
che il tempo ha l'essere in una certa successione,
mentre l'eternità l'ha tutto insieme.
- San Tommaso d'Aquino -

Mio Dio, non dimenticarti di me - San Tommaso d'Aquino

Mio Dio, non dimenticarti di me,
quando io mi dimentico di te.
Non abbandonarmi, Signore,
quando io ti abbandono.

Non allontanarti da me,
quando io mi allontano da te.
Chiamami se ti fuggo,
attirami se ti resisto,
rialzami se cado.

Donami, Signore, Dio mio,
un cuore vigile
che nessun vano pensiero porti lontano da te,
un cuore retto
che nessuna intenzione perversa possa sviare,
un cuore fermo
che resista con coraggio ad ogni avversità,
un cuore libero
che nessuna torbida passione possa vincere.

Concedimi, ti prego, una volontà che ti cerchi,
una sapienza che ti trovi,
una vita che ti piaccia,
una perseveranza che ti attenda con fiducia
e una fiducia che alla fine giunga a possederti.

                                              
(S. Tommaso d'Aquino)


“Era conveniente che la donna fosse formata dalla costola dell'uomo. Primo, per indicare che tra l'uomo e la donna ci deve essere un vincolo di amore. D'altra parte la donna «non deve dominare sull'uomo» [1 Tm 2, 12], e per questo non fu formata dalla testa. Né deve essere disprezzata dall'uomo come una schiava: perciò non fu formata dai piedi. (S.Tommaso d’Aquino da Somma teologica, vol.I, articolo 3)
San Tommaso d’Aquino (1225-1274) frate domenicano, fu canonizzato nel 1323 da papa Giovanni XXII, è venerato come santo anche dalla chiesa Luterana, l’11 aprile 1567, papa Pio V, lo ha dichiarato dottore della Chiesa.
Le spoglie di Tommaso d’Aquino sono conservate nel convento dei Giacobini a Tolosa (Spagna). La reliquia della mano destra, si trova a Salerno nella chiesa di San Domenico, la reliquia del teschio si trova nella Basilica Cattedrale di Priverno (Latina).



                                                            San Tommaso d'Aquino Protettore degli Studenti



Preghiera dello studente a San Tommaso 

O San Tommaso d’Aquino, Dottore Angelico, 
al tuo illuminato patrocinio affido i miei doveri di cristiano e di studente: sviluppa nel mio spirito il seme divino di una fede intelligente e feconda; conserva puro il mio cuore nel limpido riflesso dell’amore e delle bellezze divine; 
sostieni la mia intelligenza e la mia memoria nello studio della scienza umana; 
conforta lo sforzo della mia volontà nell’onesta ricerca della verità; 
difendimi dalla sottile insidia dell’orgoglio che allontana da Dio; 
guidami con mano sicura nei momenti di dubbio; 
rendimi degno erede della tradizione scientifica e cristiana dell’umanità; 
illumina il mio cammino attraverso le meraviglie del creato affinché impari a conoscere e amare il Creatore, che è Dio, Sapienza infinita. Amen.


Concedimi di parlare senza ipocrisia
di temere senza disperazione
di sperare senza presunzione
di essere puro senza macchia
di correggere senza collera
di soffrire senza lamento.
O Gesù, bontà suprema, io ti domando un cuore fedele e generoso,
che non vacilli né si abbassi mai, un cuore indomito, sempre pronto a lottare in ogni tempesta un cuore libero, un cuore retto che non si trovi mai nelle vie tortuose.

(S. Tommaso d'Aquino)


L’Eucaristia è la più grande di tutte le meraviglie operate da Cristo,  è il documento del suo amore immenso per gli uomini.

- San Tommaso d' Aquino - 




Ultima ora: 


Il cambio di rotta è stato ufficializzato l'altro ieri, alle due del pomeriggio. @pontifex, ovvero l'account di Papa Ratzinger su Twitter, ha per la prima volta cinguettato 140 caratteri diversi dal solito.
Non più citazioni «evangeliche», ma un messaggio che apre alla volontà di entrare in battaglia su quei temi che il suo stesso pontificato ha definito «non negoziabili».

Benedetto XVI @Pontifex

Molti falsi idoli emergono oggi. Se i cristiani vogliono essere fedeli, non devono avere timore di andare controcorrente. 






domenica 27 gennaio 2013

Mio Dio, prendimi per mano - Hetty Hillesum











" Dio, nel tuo mondo si soffre molto e in maniera atroce; a volte lo avverto, almeno in parte, sulla mia stessa pelle. E anche per questo sono prima di tutto grata che una lontana eco risuoni anche in me e che io possa in questo modo capire e sentire l'umanità sempre meglio "(Hetty Hillesum)


Mio Dio, prendimi per mano, 
ti seguirò,
non farò troppa resistenza.

Non mi sottrarrò a nessuna delle cose
che mi verranno addosso in questa vita,
cercherò di accettare tutto
e nel modo migliore.
Ma concedimi di tanto in tanto
un breve momento di pace.

Non penserò più nella mia ingenuità,
che un simile momento
debba durare in eterno,
saprò anche accettare
l'irrequietezza e la lotta.

Il calore e la sicurezza mi piacciono,
ma non mi ribellerò se mi toccherà
stare al freddo purché
tu mi tenga per mano.

Andrò dappertutto allora,
e cercherò di non aver paura.
E dovunque mi troverò,
io cercherò
d'irraggiare un po' di quell'amore,
di quel vero amore per gli uomini
che mi porto dentro.



(Hetty Hillesum)

http://leggoerifletto.blogspot.it/2011/05/dal-diario-di-etty-esther-hillesum.html



"E un bel giorno dirò forse a Ilse Blumenthal:" Sì, la vita è bella, la lodo alla fine di ogni giorno, eppure so che figli di madri, e lei è una madre, sono trucidati nei campi di concentramento. 
E il dolore di tutto ciò bisogna saperlo sopportare; anche se ti lasci devastare, dovrai rialzarti un giorno, perchè un essere umano è tanto forte, perchè il dolore deve diventare una parte di te, una parte del tuo corpo e della tua anima, non devi fuggirlo ma sopportarlo come una persona adulta"



"Devi seguire i percorsi che la vita delinea davanti a te in questo momento, le difficili vie di questo pezzo di storia in cui oggi ci ritroviamo a vivere. Devi continuare a vedere la tua vita in una cornice più grande".
- Hetty Hillesum - 


" L'amicizia non è qualcosa che c'è così per caso: ogni volta deve sorgere qualcosa di nuovo dai molti momenti e umori della giornata e ci dev'essere sempre un elemento di festa in questo rapporto "
- Hetty Hillesum -




" Negli ultimi tempi mi è successo un paio di volte, in un momento, per strada, o in qualunque altro posto, di dovermi fermare senza respiro e chiedermi: è questa davvero la mia vita? Così piena, ricca, intensa e così bella? (..) è in questione l'intero senso della vita, la sempre crescente intensità della vita interiore". (Hetty Hillesum)



- Padre, ho tanta paura delle prove dolorose... dei castighi!

“Devi sapere, che il Padre castiga i figli che ama. Conosci il proverbio: "mazze e pannelli fanno i figli belli?" (cioè mazzate e digiuni sono castighi che educano i figli al bene). 
Dio castiga perchè ci ama, prova il nostro amore e la nostra fedeltà per renderci degni del suo amore e del Paradiso. 

- Padre Pio da Pietrelcina -










































"E' quasi mezzanotte e vado a dormire. Sì, è stato molto bello. E alla fine di ogni giorno sento bisogno di dire: la vita è davvero bella. Davvero mi sto facendo una mia opinione su questa vita (..) E adesso davvero buonanotte." (Etty Hillesum)