sabato 21 gennaio 2012

Svegliati, Alzati! (1908) - Rabindranath Tagore

Svegliati, alzati!
All'alba la luce stessa di Dio viene a rompere il nostro sonno.
Il sonno profondo di tutta la notte si rompe in un momento.
Ma chi può spezzare le illusioni della sera?
Come potrò togliere dall'animo l'involucro magico che il lavoro e le preoccupazioni del lungo giorno hanno gettato su di esso e condurlo in mezzo alla pace pura e tranquilla?
Tutto il giorno, come un ragno, in diverse maniere, ci ha avvolto con reti molto vaste, una rete dopo l'altra.
L'Onnipotente, l'Eterno è stato messo da parte.
Tagliate tutte queste reti, come potrò risvegliare lo spirito in mezzo all'infinito?
Svegliati, alzati!

Il giorno con lavori vari, con preoccupazioni ed attrazioni innumerevoli cerca di legarci stretti da tutte le parti: cerca di alzare un muro tra la mia anima e l'universo. Così, se noi non risvegliamo la nostra attenzione, se non usiamo questa formula magica: Svegliati, alzati... Se non risuona ogni momento questa voce dentro l'anima, in mezzo a tutte le mille vicende della giornata, un nodo dopo l'altro, un laccio dopo l'altro esse ci legheranno e ci renderanno insensibili. Allora non ci sarà alcuna forza di volontà che possa distoglierci dalla nostra inerzia.
Pensiamo che quanto ci lega da tutte le parti sia la verità e non avremo più fede nelle verità pure e passate, non ci passerà neppure per la mente di sospettare della nostra situazione.
Perciò in mezzo al frastuono dei vari affari di ogni giorno si alzi dalle profondità del nostro animo, nello strumento che ha una sola corda, il richiamo: Svegliati, alzati!

1 dicembre 1908.
(Rabindranath Tagore)



Fonte: “Santiniketon,Casa della Pace”, Tagore, Paoline Editoriale Libri, 1/1995

Tagore e Gandhi
Meditazioni, discorsi che il Poeta ha fatto, dal novembre 1908 al gennaio 1916, per la maggior parte nel tempio di Santinicheton, in piccola parte a Calcutta ed in occasioni particolari.
Tanti di questi discorsi sono stati detti a voce; poi l'oratore li ha ricomposti per iscritto: qualcuno di essi è nato già scritto.
Il «Santinicheton» fu pubblicato originariamente in 17 parti, in piccoli libretti e in diversi tempi, tra il 1909 e il 1916. Nel 1935-36 questi 17 volumetti con aggiunto qualche altro discorso furono pubblicati in due volumi.
«Santinicheton» si trova nel villaggio di Bolpur, ai piedi dell'Himalaya, dove il padre di Rabindronath, Debendronath Tagore, aveva posto il suo eremo («Ashram »).
«Santinicheton» vuol dire casa («nicheton ») della pace («santi»). Rabindronath ci vuole indicare che nella meditazione, nell'interiorità, nello spirito noi troviamo una dimora di pace.



Buona giornata a tutti. :-)




Nessun commento: